Ottobre 20, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Grafici. Covid-19: in Occitania continua il calo, ARS chiude i centri vaccinali

primario
Sempre meno ricoverati, sempre meno contagiati: la regione occitana si sta lentamente riprendendo dalla quarta ondata di Covid-19. Le autorità sanitarie sono soddisfatte della campagna vaccinale che sta procedendo: in questa fase, inoltre, di riorganizzare l’offerta vaccinale nel territorio regionale.

Continua il calo in Occitania, anche se molto più lento rispetto all’inizio di settembre. La regione, che è stata duramente colpita dalla quarta ondata di Covid-19, ha sempre meno pazienti infetti nei suoi ospedali. Una valutazione pubblicata dall’agenzia sanitaria regionale il 1 ottobre ha contato 673 pazienti contagiati negli ospedali distrettuali: 88 mesi rispetto alla scorsa settimana.

Lo stesso vale per le unità di terapia intensiva della zona: 148 pazienti che hanno sviluppato una forma grave di Covid-19 sono attualmente in terapia intensiva (36 pazienti in meno rispetto a venerdì scorso, 24 settembre). Di fronte ai decessi legati al Covid-19, invece, il bilancio delle vittime è superiore a quello di 3 giorni fa. In una settimana, 28 persone sono morte di Covid-19 in Occitania.

Martedì scorso, i risultati dell’agenzia sanitaria regionale hanno contato 25 decessi correlati al virus in una settimana. Dall’inizio della pandemia, 6.165 persone sono morte a causa del Covid-19 nella regione.

Riorganizzazione dell’offerta vaccinale

Tuttavia, l’organizzazione è soddisfatta della campagna di vaccinazione che sta procedendo: “Oggi in Occitania […] L’86,3% della popolazione sopra i 12 anni è interamente coperta dalla vaccinazione delle autorità sanitarie governative, inoltre il 90,3% della popolazione principale della regione ha effettuato almeno una prima iniezione.

I dati spingono anche l’agenzia sanitaria regionale a riorganizzare l’offerta di vaccini della regione. “Questi cambiamenti si riflettono nel rafforzamento dell’offerta locale di attori dell’assistenza primaria (medici, farmacisti, infermieri, ecc.) e nella riduzione delle capacità dei centri di vaccinazione (chiusura, adeguamento degli orari, ecc.). , cita ARS.

READ  4 fan di fantascienza disponibili su HBO Max - Las Noticias de Chihuahua - Tra le righe - Marsiglia News