Maggio 25, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Giochi immateriali: la giustizia dice no ai diritti di rivendita |  Xbox Uno

Giochi immateriali: la giustizia dice no ai diritti di rivendita | Xbox Uno

Mentre il mercato dei giochi digitali occupa sempre più spazio ogni anno a scapito dei giochi fisici, molti giocatori vogliono rivendere i loro titoli non fisici. Questo è ciò che UFC-Que Choisir ha tentato di ottenere attaccando Valve e i termini di utilizzo della piattaforma Steam che vietano tale pratica. Convalidata per la prima volta dai tribunali nel 2019, la probabilità che un giorno emerga un mercato digitale dell’usato dopo una nuova sentenza della Corte d’Appello di Parigi è meno probabile.

Diritti d’autore che si oppongono ai diritti dei consumatori

I giocatori che continuano ad andare al negozio per ottenere i loro giochi dovrebbero essere accettati con la possibilità di rivenderli una volta completati. Questo è il motivo per cui molte persone vorrebbero vedere un vero mercato dell’usato raggiungere i titoli guadagnati online tramite una piattaforma online o dai negozi dei produttori. Ed è proprio quello che aveva in mente UFC Que-choisir quando ha deciso di attaccare Valve per aver sbloccato la rivendita dei giochi acquistati su Steam.

Inizialmente, il 17 settembre 2015 il Grand Court di Parigi ha emesso una decisione a favore dei giocatori. Il giudice ha già deciso che anche se l’acquisto fosse stato effettuato tramite download, Valve non poteva opporsi alla rivendita di una copia acquistata su Steam. Tuttavia, l’editore ha impugnato questa sentenza e la Corte d’Appello di Parigi non ha raggiunto un accordo il 21 ottobre.

È il diritto d’autore che la giustizia ha scelto per concedere un privilegio in questo caso. Sebbene sia del tutto possibile rivendere una licenza a un software per computer, i videogiochi, in quanto creazioni artistiche, rientrano in una categoria completamente diversa, che è il copyright. Pertanto, secondo il tribunale, l’apertura di un mercato digitale per i giochi elettronici usati per i videogiochi sarebbe così grande da danneggiare gravemente i titolari dei diritti d’autore.

READ  In termini pratici, conta su $ 5.000 per l'RTX 5000 Ada!

Nello stato, sarà quindi necessario continuare il franchise di dischi se si desidera rivendere i propri giochi. UFC-Que Choisir ha sempre il potenziale per appellarsi alla Corte Suprema per vincere la causa, ma non vi è alcuna indicazione che la corte suprema deciderà diversamente. Quindi la speranza è svanita, ma offri servizi in abbonamento come Xbox Game Pass In ogni caso dovresti continuare a modificare le carte nel campo. L’acquisto di singoli giochi, fisici o digitali, potrebbe diventare sempre più raro in futuro.

fonte