Luglio 19, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Frode scientifica: il nuovo regime

Frode scientifica: il nuovo regime


A’L’immagine del ricercatore che lavora da solo, ignorando la comunità scientifica, è un mito. La ricerca dipende dallo scambio costante, innanzitutto per comprendere il lavoro degli altri e, in secondo luogo, per comunicarne i risultati. Pertanto, leggere e scrivere articoli pubblicati su riviste scientifiche o convegni costituisce l’attività principale dei ricercatori.

Bollettino di scienza e tecnologia

Ogni sabato alle 16:00

Ricevi le ultime notizie scientifiche e tecnologiche e approfondisci conversazioni chiave, scoperte importanti, innovazioni e dietro le quinte…

Grazie!
La tua registrazione è stata presa in considerazione utilizzando l’indirizzo email:

Per scoprire tutte le altre nostre newsletter, vai qui: moncompte

Registrandoti accetti le nostre Condizioni Generali d’Uso e l’Informativa sulla Privacy.

Quando scrivi un saggio, è essenziale citare il lavoro dei tuoi colleghi, sia per descrivere il contesto, dettagliare le tue fonti di ispirazione o anche spiegare le differenze nei metodi e nei risultati. Pertanto, la citazione da parte di altri ricercatori, quando è per “buone ragioni”, è una misura dell’importanza dei propri risultati. Ma cosa succede quando questo sistema di citazione viene manipolato? Il nostro ultimo studio Rivela un metodo dannoso per gonfiare artificialmente il numero delle citazioni: “riferimenti nascosti”.

Il lato inferiore della manipolazione

Il mondo dell’editoria accademica e le sue prestazioni, così come i suoi potenziali inconvenienti e le loro cause, sono argomenti ricorrenti nella divulgazione scientifica. Tuttavia, concentriamoci in particolare su un nuovo tipo di deriva che colpisce le citazioni tra articoli accademici, presumibilmente per riflettere i contributi intellettuali e le influenze dell’articolo citato sull’articolo citato.

Le citazioni dei lavori scientifici si basano su un sistema di riferimento uniforme: gli autori dichiarano esplicitamente nel testo del loro articolo, come minimo, il titolo dell’articolo citato, il nome degli autori, l’anno di pubblicazione e il nome della rivista . Oppure conferenza, numeri di pagina, ecc. Queste informazioni compaiono nell’elenco di bibliografia dell’articolo (Bibliografia) e vengono registrate sotto forma di dati aggiuntivi (non visibili nel testo dell’articolo) chiamati metadati, soprattutto quando viene impostato un DOI (Identificatore di oggetto digitale), un identificatore univoco per ciascuna pubblicazione scientifica.

READ  Potenzia la nostra memoria e la nostra vigilanza dopo una notte di sonno con questo integratore

I riferimenti a pubblicazioni scientifiche consentono agli autori, in modo semplice, di giustificare le proprie scelte metodologiche o di recuperare i risultati di studi precedenti. I riferimenti inseriti in ogni articolo scientifico sono infatti la chiara manifestazione dell’aspetto iterativo e collaborativo della scienza. È chiaro però che alcuni soggetti senza scrupoli hanno aggiunto ulteriori riferimenti, non visibili nel testo, ma presenti nei metadati dell’articolo mentre veniva registrato dagli editori. un risultato ? I numeri delle citazioni di alcuni ricercatori o riviste esplodono senza una buona ragione, perché questi riferimenti non sono presenti negli articoli che dovrebbero essere citati.

Un nuovo tipo di frode e di scoperta opportunistica

Tutto è iniziato grazie a Guillaume Cabanac che ha pubblicato un libro Rapporto di valutazione post-distribuzione Su PubPeer, un sito dove gli studiosi discutono e analizzano le pubblicazioni. Ha notato una contraddizione: un articolo, forse fraudolento, perché si presenta “espressioni torturate”, di una rivista scientifica pubblicata dall’editore Hindawi, ha ricevuto molte più citazioni che download, il che è molto insolito. Questa pubblicazione ha attirato l’attenzione di molte “indagini scientifiche”. La squadra di reazione era formata da Lonnie Besançon, Guillaume Cabanac, Cyril Labé e Alexandre Magazinov.

Attraverso un motore di ricerca scientifico cerchiamo di trovare articoli che citino l’articolo principale, ma Google Scholar non fornisce alcun risultato mentre altri (Crossref, Dimensions) trovano qualche risultato. Risulta, infatti, che Google Scholar e Crossref o Dimensions non utilizzano lo stesso processo per recuperare le citazioni: Google Scholar utilizza il testo vero e proprio dell’articolo scientifico mentre Crossref o Dimensions utilizza i metadati dell’articolo forniti dalle case editrici.

Per comprendere la portata della manipolazione, abbiamo poi esaminato tre riviste accademiche che sembravano citare fortemente l’articolo di Hindawi. Ecco il nostro approccio in tre fasi:

  • Per prima cosa elenchiamo esplicitamente i riferimenti esistenti nelle versioni HTML o PDF degli articoli;

  • Confrontiamo quindi questi elenchi con i metadati registrati da Rif. incrociato, un’agenzia che assegna i DOI e i relativi metadati. Scopriamo che qui sono stati aggiunti alcuni riferimenti aggiuntivi, ma non compaiono negli articoli;

  • Infine, abbiamo studiato una terza fonte, Dimensions, una piattaforma bibliometrica che utilizza i metadati Crossref per contare le citazioni. Anche qui vediamo delle contraddizioni.

READ  Shigellosi: cosa sappiamo di questa allarmante malattia attualmente dilagante in Francia

Il risultato ? In queste tre riviste, almeno il 9% dei riferimenti registrati erano “riferimenti fantasma”. Questi riferimenti aggiuntivi non compaiono negli articoli, ma solo nei metadati, distorcendo il conteggio delle citazioni e dando un vantaggio ingiusto ad alcuni autori. Alcuni riferimenti effettivamente presenti negli articoli vengono “persi” anche nei metadati.

Implicazioni e possibili soluzioni

Perché questa scoperta è importante? Il numero di citazioni influenza notevolmente il finanziamento della ricerca, le promozioni accademiche e le classifiche istituzionali. Vengono utilizzati in modo diverso a seconda delle istituzioni e dei paesi, ma svolgono sempre un ruolo in questo tipo di decisioni.

La manipolazione delle citazioni può quindi portare a ingiustizie e a prendere decisioni basate su dati errati. La cosa più inquietante è che questa scoperta solleva interrogativi su… Integrità dei sistemi di misurazione dell’impatto scientifico, che è sotto i riflettori ormai da diversi anni. In effetti, molti ricercatori hanno sottolineato in passato che queste misure possono essere manipolate, ma, cosa ancora più importante, hanno generato una concorrenza malsana tra i ricercatori, che potrebbero quindi essere tentati di prendere scorciatoie per pubblicare più rapidamente o ottenere risultati migliori. Pertanto verrà citato di più. La conseguenza più drammatica di queste misure di produttività dei ricercatori risiede soprattutto… Fatica sprecata E basato su Risorse scientifiche A causa della concorrenza creata da queste misure.

Per combattere questa pratica, l’Invisible College, un gruppo informale di ricercatori scientifici al quale contribuisce il nostro team, raccomanda diverse misure:

  • Verifica rigorosa dei metadati da parte di editori e agenzie come Crossref.

  • Audit indipendenti per garantire l’affidabilità dei dati.

  • Aumentare la trasparenza nella gestione dei riferimenti e delle citazioni.

READ  Yurei Deco De Science Saru Est Une Critique Visuellement Unique De L'espace Numérique Et De La Société Moderne

Questo studio evidenzia l’importanza dell’accuratezza e dell’integrità dei metadati, poiché anch’essi sono soggetti a manipolazione. È anche importante notare che Crossref e Dimensions hanno confermato i risultati dello studio e la casa editrice sembra aver apportato alcune correzioni che hanno manomesso i metadati affidati a Crossref e, per effetto collaterale, a piattaforme bibliometriche come Dimensions. In attesa di azioni correttive, che a volte lo sono Troppo lungo o addirittura inesistenteQuesta scoperta ci ricorda la necessità di una vigilanza continua nel mondo accademico.