Maggio 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Fonti interne a Fayard denunciano il progetto “ideologico” di Vincent Bolloré.

Fonti interne a Fayard denunciano il progetto “ideologico” di Vincent Bolloré.

Martedì fonti interne alla casa editrice Fayard hanno denunciato il progetto “ideologico” di Vincent Bolloré, denunciando la volontà del miliardario conservatore di rivendicare questo marchio per un editore di estrema destra.

Quell'editor è Liz Boyle, 57 anni. È nota per essere stata dietro la trasformazione di Eric Zemmour, giornalista del quotidiano Le Figaro, in editorialista di estrema destra di successo, pubblicato da Albin Michel negli anni 2000.

Hachette Livre, filiale di Lagardère e quindi affiliata a Vivendi, il gruppo Vincent Bolloré, ha annunciato il 22 febbraio la nomina di Lise Boëll alla carica di direttore generale di Mazarine Editions. Il gruppo ha poi precisato che Mazarin e Viard, altra casa Hachette Livre, saranno ormai indipendenti, dopo essere stati associati per 45 anni.

Secondo fonti interne di Fayard intervistate dall'AFP, Vincent Bolloré inizialmente avrebbe voluto nominare Liz Boyle a Fayard. Questo progetto ha incontrato una forte opposizione all'interno di questo consiglio, dall'amministratore delegato Isabel Saporta ai dipendenti, ai sindacati e agli autori. Quindi il miliardario ha cambiato i suoi piani.

Queste fonti sono state interrogate su Fayard riguardo alle informazioni stampa, su La Littre e Le Monde, secondo le quali il marchio sarebbe stato affisso sui libri di Mazzarino. Una di queste fonti ha confermato all'Agence France-Presse, chiedendo l'anonimato, che “l'uso del marchio sfuggirà alle edizioni Fayard, perché il progetto è di trasferirlo sotto forma di licenza, senza alcun controllo editoriale”. “Fayard e Mazzarino sono due progetti ideologici che non hanno nulla a che vedere l’uno con l’altro. Ha aggiunto: “Che entrambi avessero lo stesso nome, non avrebbe alcun senso”.

READ  Perché l’anno prossimo le assicurazioni per le auto elettriche aumenteranno

In risposta a una domanda dell'AFP su questo piano di utilizzo del marchio Mazarin Fayard, una fonte vicina a Vivendi ha rifiutato di commentare. La direzione di Hachette Livre non è raggiungibile, come nel caso di Lise Boëll.

Un’altra fonte interna all’azienda ha affermato: “Mentre mettiamo in discussione la diversità all’interno dei media di Vincent Bolloré, lui sta dando l’esempio di come intende imporre la sua linea ideologica”.

“Casa editrice CNews”

«A Fayard tutti sanno bene che può esistere una casa editrice tipo CNews [chaîne télé d’information également contrôlée par M. Bolloré, NDLR]. “Ma non è che stiamo cancellando la nostra casa e tutto ciò che rappresenta”, ha aggiunto.

video. C News mette a confronto aborto e morti e il canale si scusa

Vincent Bolloré riproduce ciò che aveva già collocato in un gruppo editoriale rivale di cui era proprietario fino alla fine del 2023, la seconda casa editrice francese Edites. Quando Liz Boyle ha lasciato l'Alpine Michel alla fine del 2021 dopo 24 anni, ha colto al volo l'opportunità di assumerla. La nomina a capo della Blon che, come Viard, è una delle più antiche case editrici francesi ancora attive.

Secondo fonti interne all'AFP, Hachette Livre intende stabilire una sede per Mazarin a Parigi in Rue d'Assas, come all'epoca Plone. Lise Boyle intende circondarsi di molti collaboratori di Blun, attirando gli stessi autori, tra cui Philippe de Villiers e Stephane Bern.

Lopes aveva confermato all'inizio di febbraio che Liz Boyle aveva convinto il capo del National Rally Party, Jordan Bardella, a pubblicare il suo primo libro, in preparazione alle elezioni europee previste per il prossimo giugno, che lo avrebbero visto al vertice della classifica. elenco. Quest'opera è uno dei motivi principali per cui la direzione, i dipendenti e gli autori di questa casa non vogliono alcuna associazione con Mazzarino.

READ  2023: Risultati annuali al dimezzamento per Apple

“Licenza significa: voglio il tuo nome, voglio il tuo marchio, il tuo status e tu non hai voce in capitolo”, ha lamentato una di queste fonti.

Vincent Bolloré non nasconde il suo legame con il cattolicesimo tradizionale, e molti critici lo hanno denunciato per aver utilizzato i media e le case editrici da lui controllate a vantaggio di un progetto politico reazionario.