Maggio 20, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Far uscire dalla nebbia il lungo Covid

Far uscire dalla nebbia il lungo Covid

Il paziente soffre di nevralgia meningea multipla (forte mal di testa, rigidità del collo, sensibilità alla luce e al suono) e ora riceve cure di fisioterapia e terapia occupazionale.

Oltre il 15% dei canadesi che contraggono il coronavirus sperimenteranno una combinazione di sintomi che possono durare più di tre mesi o anche più di un anno. Quasi metà Loro chi sono.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Così non perderai nessuna notizia scientifica e saprai tutto sui nostri sforzi per combattere le fake news e la disinformazione!

Alcuni gruppi sono più a rischio: donne, adulti con malattie croniche preesistenti, persone con obesità e persone con disabilità. Quando il coronavirus ha portato al ricovero in ospedale, quasi un adulto su due (45%) ha riportato sintomi persistenti.

Peggioramento delle loro condizioni di salute

Quasi il 14% delle persone con Covid lungo ha sintomi gravi e il 43% ha sintomi moderati. A seconda delle varianti, la prevalenza cambia poco (dal 10 al 12%) fino a salire, prima della vaccinazione, al 25% per Omicron, variante in cui i sintomi sono lievi.

Tuttavia, tra il 30 e l’80% ha riferito di un peggioramento della salute. “La loro salute è peggiore rispetto a prima della pandemia”, osserva la dottoressa Anne Pryor, medico di famiglia presso la GMF-U e cure palliative.

Mentre stanno emergendo nuove varianti e nelle ultime settimane abbiamo assistito a un aumento del numero di casi, la preoccupazione della comunità medica riguarda gli inevitabili casi di Covid a lungo termine. “È difficile immaginare i rischi: 1%, 5%? Ma questa è attualmente la grande pressione. Il rischio di Covid a lungo non diminuisce e l’unica cosa che può impedirlo è non contrarre il virus”, osserva Simone Decarie del Centro di ricerca CHUS e co-direttore scientifico. Dalla rete Lunga rete Covid.

È stato lanciato 6 mesi fa, con il supporto di A Copertura da 20 milioni di dollariLa missione di questa rete è sostenere la ricerca transnazionale e dare priorità alle iniziative cliniche canadesi.

A settembre, la rete ha co-organizzato, con i Quebec Research Funds, il simposio sul lungo Covid, che ha riunito quasi 150 ricercatori, medici, manager sanitari e pazienti canadesi – e più di 600 persone online.

READ  La Cina non fa nulla per il cambiamento climatico? forgiato

Non esiste una cura per i numerosi sintomi – ne sono stati identificati più di 200 – che colpiscono tutti i sistemi fisiologici (respiratorio, nervoso, circolatorio, digestivo, muscolo-scheletrico, ecc.).

Come osserva Kelly O’Brien, professoressa presso il Dipartimento di Terapia Fisica dell’Università di Toronto, “Può fluttuare come uno yo-yo, non esiste una traiettoria lineare e cambia di giorno in giorno. Ecco perché i pazienti vivono con un molta ansia e irritazione, che li isoleranno ancora di più”.

Circa sessanta di questi sintomi durano più di sette mesi. Tra i sintomi citati più frequentemente ci sono la stanchezza e l’affaticamento cronico, la tosse e il respiro corto, i dolori muscolari e articolari, il disagio dopo il minimo sforzo fisico (il cosiddetto “fastidio post-esercizio”) o la nebbia mentale.

Anche i giovani possono esserne colpiti. “Affaticamento cronico, mal di testa, difficoltà di concentrazione e problemi di sonno che durano per più di un anno, soprattutto negli adolescenti”, descrive il dottor Piyushkumar Mandhan, della Facoltà di Medicina dell’Università di Toronto.

I non vaccinati hanno maggiori probabilità di sviluppare il Covid lungo

Il Canadian COVID-19 Health and Antibody Survey, condotto tra l’inizio del 2020 e l’agosto 2022, ha mostrato che le persone non vaccinate hanno riportato sintomi persistenti: il 25% rispetto al 13% degli adulti che avevano ricevuto due dosi di vaccini.

Un altro studio mostra risposte infiammatorie più elevate nelle vittime non vaccinate di Covid lungo. Il che indica il ruolo della vaccinazione nell’alleviare i sintomi.

Le sindromi post-Covid, come il Covid in generale, colpiscono con maggiore forza anche le persone più vulnerabili: persone con malattie croniche, persone immunocompromesse, ecc. “Questo è uno ‘stress test’ per il nostro sistema sanitario, poiché ne mostra tutti i difetti”, sottolinea Piyushkumar Mandhan.

Sensibilizzazione dei medici

Poiché i medici faticano ancora a formulare una diagnosi chiara, il processo di ricerca delle cure è talvolta lungo e doloroso. “Ci ritroviamo soli anche dopo la diagnosi”, descrive la paziente Claudia Hebert. Non esiste una cura o molte linee guida. I medici di base non lo sanno e ci indirizzano a uno specialista che non riesce a trovare la risposta e ci indirizzerà a sua volta a un altro specialista. »

“Recentemente ho ricevuto una perizia richiesta dalle compagnie assicurative. Il perito ha smentito le diagnosi di Covid lungo fatte da un medico di famiglia e da un medico specialista in malattie infettive. Come lei, la diagnosi, secondo lui, è soggettiva perché i test sono normali”.

READ  Ecco gli otto alimenti che fanno gonfiare lo stomaco

Marie-Hélène Boudreas, membro del comitato di esperti della rete di cliniche specializzate nella sindrome post-infettiva del CHUM, sottolinea l’urgente necessità di sensibilizzare tutti i medici su questa malattia: “I pazienti colpiti mancano di energia quotidianamente e non non ne ho bisogno.” Abbiamo sempre la forza di incontrare gli specialisti. Per questo è importante formare ed educare tutti gli operatori sanitari, a cominciare dai medici.

«Ce ne sono molti che si muovono tra diversi specialisti e spesso lavorano in silos», conferma il dottor Alain Pechey, professore e ricercatore dell’Università di Sherbrooke, che segue i pazienti Covid da molto tempo nella sua clinica. Poi ci sono tante diagnosi errate e i pazienti tardano ad arrivare. »

La sua clinica, con una sola infermiera, ha visitato quasi 800 pazienti dall’inizio della pandemia – e ha una lista d’attesa. “Non siamo una clinica di ricerca. Vogliamo incoraggiare i pazienti a partecipare a trattamenti sperimentali, ed è importante integrare ricerca e trattamenti nello stesso luogo, ma abbiamo bisogno di un team stabile con finanziamenti. Se avremo questi, potremo sviluppare protocolli locali più adatti ai nostri pazienti”.

Perché anche questa è una malattia che colpisce soprattutto le donne (65%). “Si può certamente parlare del problema della stigmatizzazione della salute delle donne nel sistema sanitario o addirittura di un’associazione abbastanza rapida con la salute mentale, come vediamo in Francia, con il loro trattamento eccessivo della psicoterapia. I fatti dimostrano che non è così Dovremo evolverci e cambiare.”

L’ambiente sanitario è più vulnerabile

Secondo uno studio di prossima pubblicazione dell’Istituto Nazionale di Sanità Pubblica (INSPQ), quasi un operatore sanitario su dieci ne soffre da almeno 12 settimane. È il caso della dottoressa Anne Pryor, anche lei socia paziente: “Mi sono ammalata molto di Covid nel 2020 ma non sono stata ricoverata in ospedale. Ho un piccolo involucro energetico, ma colpisce soprattutto il cuore e il cervello che lavorano un po’ per un’ora o due. Questo mi ha completamente scioccato. »

READ  Un caso di arbovirus che ha provocato un trattamento antivirale per la zanzara tigre

“È più alto quando i lavoratori riferiscono di essere stati ricoverati in ospedale per sindromi COVID-19”, afferma Sarah Carazo, epidemiologa dell’INSPQ.

“Il primo passo è riconoscere l’esistenza e la complessità del lungo Covid. Devi essere attento, ascoltare il paziente ed essere timido prima di dire: “È nella tua testa”. Ciò provoca il caos nei pazienti e dobbiamo anche diffidare dell’”olismo” della salute mentale che ci impedisce di indagare sui sintomi, sottolinea il dottor Pryor.

Ascolta, rilassati, adattati

Affinché i pazienti possano essere ascoltati, abbiamo bisogno di comunità di cura accoglienti. “Dobbiamo sviluppare legami con i partner pazienti. Spesso sono donne della mia età e devono fare continue pause dalle loro attività. Non sono altro che l’ombra di se stesse”, aggiunge Marie-Hélène Boudreas, della Facoltà di Fisioterapia e Terapia occupazionale presso la McGill University.

È interessata all’impatto del COVID-19 sul cervello e sulle attività funzionali. A tal fine è stato valutato,in Studio epidemiologicole esigenze dei residenti di Laval dopo essere stati ricoverati in ospedale con COVID-19.

“Una persona su tre presenta sintomi per due o più mesi, ma è difficile incorporarli in un programma di allenamento tradizionale a causa del disagio post-esercizio.”

Il professor Boudreas ha contribuito anche alla creazione di una clinica di riabilitazione per i pazienti Laval affetti da postumi persistenti. “L’aspetto multidisciplinare – terapista occupazionale, psicologo, neuropsicologo, équipe sociale, ecc. – ma è necessaria anche la formazione continua e la collaborazione dei partner pazienti. L’importante è riuscire a fornire un continuum di cura alla comunità. Gli infermieri clinici possono I professionisti devono svolgere il loro ruolo, data la carenza di medici specializzati nella regione”.

C’è anche il problema dell’assicurazione per l’invalidità, poiché molti pazienti non tornano al lavoro. “Ci sono posti dove andare e ci rendiamo conto che i nostri ambienti non sono adatti. È come una barriera invisibile: dobbiamo reinventare i modelli in modo che tutti possano contribuire al livello che possono raggiungere.”