Maggio 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Facebook: la rimozione delle pagine anti-vaccino non ha ridotto la disinformazione

Facebook: la rimozione delle pagine anti-vaccino non ha ridotto la disinformazione

Questo è ciò che viene fuori Dall’analisi Da più di 300 pagine o gruppi per un totale di quasi 400.000 messaggi pubblicati tra novembre 2020 e febbraio 2022: la rimozione di un certo numero di gruppi, pagine o messaggi anti-vaccino, scrivono i ricercatori, ha comportato una diminuzione complessiva del numero di messaggi sull’argomento , ma in cambio il “coinvolgimento” medio sui messaggi nei gruppi è aumentato di un terzo – cioè il numero di “Mi piace”, commenti o condivisioni.

Inoltre, tra i messaggi “salvati”, è aumentata la quota di informazioni false o fuorvianti (su effetti collaterali, ricoveri ospedalieri, bambini, ecc.) o di discussioni ad esse dedicate.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Così non perderai nessuna notizia scientifica e saprai tutto sui nostri sforzi per combattere le fake news e la disinformazione!

I cinque ricercatori sulla salute pubblica e l’analisi dei dati, guidati da David Broniatowski della George Washington University, hanno concluso che la rimozione di questi contenuti non ha cambiato il livello generale di “gestione” della disinformazione correlata ai vaccini.

Pubblicato il 15 settembre sulla rivista Progresso della scienza Il loro studio si è concentrato su un campione con tante pagine descritte come “anti-vaccino” quante “pro-vaccino” e una maggioranza di gruppi “anti-vaccino”. Nel gergo di Facebook, solo gli amministratori possono pubblicare su “Pagine”, mentre qualsiasi membro può pubblicare su un “Gruppo”.

Notiamo di passaggio che solo il 38% delle pagine identificate dai ricercatori come “anti-vaccino” (con l’aiuto di CrowdTangle, uno strumento sviluppato da Facebook) sono state rimosse da Facebook, e solo il 29% da gruppi “anti-vaccino” (31 di 92).

I ricercatori che hanno analizzato la diffusione delle fake news su Facebook o Twitter non saranno sorpresi da questi risultati: è l’“architettura” di Facebook stessa, nei termini usati da Broniatowski e colleghi, Chi è in questione qui?. In Soprattutto, migliorare le interazioni Tra persone che condividono le stesse idee –Invece di informazioni sanitarie affidabiliCon l’unico obiettivo di creare “comunità”, la piattaforma si ritrova a privilegiare messaggi che suscitano forti reazioni, indipendentemente dal fatto che siano veri o falsi.

READ  L'anime fantascientifico giapponese Tengoku-Daimakyo sta arrivando su Disney+.

Inoltre, gli amministratori delle pagine si conoscono e si taggano a vicenda, rendendo più facile per gli utenti trovare informazioni che corrispondano alle loro convinzioni, anche dopo che una delle loro pagine preferite è stata rimossa dalla piattaforma del sito. Questo obiettivo di facilitare la costruzione di una comunità “utilizza l’architettura di Facebook per espandere l’accesso ai contenuti anti-vaccini, minando gli sforzi per ridurre la disinformazione”, hanno concluso i ricercatori.