Maggio 20, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Eredità, gruppo sanguigno e immunità crociata.. Perché alcuni fuggono dal Covid?

A parità di esposizione, alcuni passano tra le gocce e rimangono sorpresi. Sono solo fortunati? Mancano ancora prove, ma sono stati proposti diversi metodi per cercare di spiegare la loro resistenza al virus.

gruppo sanguigno ? Via immunità? predisposizioni genetiche? Ci sono fattori che ne proteggono alcuni? © Getty

Questo è un fenomeno che i medici conoscono. Quindi non erano sorpresi. Lo attesta il capo del servizio di emergenza nella regione di Parigi: “Su una sessantina di medici intorno a me, che hanno curato e ‘respirato’ il Covid per due anni, un piccolo gruppo, ma esposto come gli altri, è passato attraverso le goccioline e non ha mai avuto il Covid”.

Stato della connessione ma non contaminato

Questa scoperta non è stata sorprendente, “Sappiamo di non essere uguali di fronte alle malattie”, lui spiega. “Perché alcune persone con l’HIV dichiarano la malattia così rapidamente, mentre altre vivono con il virus per tutta la vita senza mai ammalarsi? In medicina, sappiamo che le predisposizioni genetiche sono all’opera, cosa che non possiamo spiegare”, Egli ha detto.

“Sono stato in contatto più volte. (…) È un po’ come passare tra le gocce, perché anche se sto attento non mi fermo a vivere. Oggi, vivendo a Parigi, due anni poi, non avendo il virus, diventa più raro”, attestato, ad esempio, da Julian, trentenne, a France International. Dopo due anni di pandemia, soprattutto settimane di Omicron, peraltro molto più contagioso del Delta, i “sopravvissuti” al Covid, quelli che sono sopravvissuti, stanno diventando sempre più rari e tendono persino a fuggire. Sono stupiti. Sono fortunati o solo cauti? mettere su?

Fortunato, avvisato o asintomatico?

Chiaramente c’era chi era molto attento, chi usciva di rado, o chi non aveva figli, e chi non era in grado di prenderlo. C’è anche chi ha contratto il virus Covid senza saperlo. Una forma asintomatica e che crede erroneamente di essere sopravvissuto. Per il resto ci sono ipotesi, ma poche prove finora. “Non tutto è sempre spiegato”., riconosciuto specialista in malattie infettive. “Possiamo prenderlo o meno perché al momento siamo più o meno in forma con un sistema immunitario più o meno efficiente. Se bevi, se fumi per esempio, se sei stanco… tutto può giocare”.

Che dire degli studi che alcuni mesi fa hanno affermato che la vitamina D potrebbe svolgere un ruolo? “È totalmente fittizio” Spiega l’immunologo. “Sappiamo che la vitamina D è importante per il corretto funzionamento del sistema immunitario, ma ciò non significa che l’assunzione di vitamina D preverrà l’infezione da virus, attenzione alle facili scorciatoie!”

L’effetto del gruppo sanguigno?

Un’altra traccia: dal 2020 abbiamo menzionato anche l’effetto del gruppo sanguigno. L’appartenenza al gruppo O ridurrebbe il rischio di infezione ma anche di forme pericolose, ha concluso su diverse dozzine di studi, che sono stati presi sul serio daInserimento In particolare. Ciò non significa che le persone del gruppo O non rappresentino alcun rischio rispetto al Covid e possano superare tutte le precauzioni, significa semplicemente che dal punto di vista del monitoraggio, sembrano essere meno a rischio rispetto alle persone del gruppo A, ad esempio.

READ  La musique est un langage universel, et c'est la science qui le dit!

Sono stati proposti gli inizi di una spiegazione biologica. Possono essere coinvolti altri fattori genetici e immunologici, cita ancheInserimento senza poter definire o spiegare completamente tutto a questo punto.

Immunità ai percorsi incrociati?

Ne abbiamo parlato all’inizio dell’epidemia: prendere il raffreddore dovuto ai coronavirus proteggerà dall’infezione da SARS-CoV-2. perché ? Perché il nostro corpo conserverà nella sua memoria la difesa iniziata in quel momento e la riavvierà. Mettendo da parte del tempo, questa ipotesi di immunità condivisa è riemersa qualche giorno fa con uno studio di Università Imperiale di Londra.

Lo studio, che è stato condotto nel Regno Unito, ha seguito 52 partecipanti e poi ha vissuto con una persona infetta ed è stato quindi esposto al virus, attraverso questa chiusura. La metà era infetta e l’altra metà no. In coloro che non sono stati infettati, i ricercatori hanno semplicemente trovato un livello molto più alto di cellule T preesistenti. Questi linfociti T costituiscono la nostra memoria immunitaria, quelli che riconoscono e distruggono le cellule infette.

La presenza di questi linfociti T tende a dimostrare che una precedente infezione con altri coronavirus avrebbe preparato il terreno, proteggendo così questi soggetti, che sono già pronti a combattere un altro coronavirus. Queste cellule T in realtà non prenderanno di mira la proteina spinata Sars-Cov che si trova sulla sua superficie, ma altre proteine ​​endogene comuni nei coronavirus. Il nostro studio fornisce la prova più chiara fino ad oggi di ciò Le cellule T causate dai coronavirus freddi svolgono un ruolo protettivo contro l’infezione da SARS-CoV-2.„Lo ha spiegato il professor Ajit Lalvani, coautore dello studio, aggiungendo che forse si tratta solo di una forma di protezione, che non dovrebbe permettere di superare i gesti di barriera o di vaccino.

READ  Quand la science fait remarcher les paraplégiques

Forse l’inizio della spiegazione. È possibile anche un possibile percorso di prevenzione. I ricercatori hanno concluso che i nuovi vaccini che prendono di mira queste proteine ​​comuni del coronavirus possono stimolare una risposta dei linfociti T. Avremo così una sorta di vaccino “universale” contro i coronavirus. In effetti, i laboratori, tra cui Moderna, stanno già (tra gli altri) lavorando su questa strada.