Ottobre 20, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Dow taglia 900 punti per paura della rigenerazione del governo

Le azioni statunitensi sono scese bruscamente lunedì a causa dei timori che una ripetizione delle azioni legali Covid-19 potrebbe rallentare la crescita economica globale.

Il Dow è sceso di 900 punti, superando un calo del 2% a gennaio, mentre l’S&P 500 è sceso del 2,1%. Il Nasdaq Composite è sceso dell’1,6%.

Poiché le azioni di United Airlines sono diminuite di oltre il 7%, le azioni che potrebbero beneficiare direttamente della rapida riapertura dell’economia hanno portato a perdite. I principali titoli legati all’economia globale si sono ritirati, con Boeing e General Motors che hanno perso oltre il 5% ciascuno.

“Le preoccupazioni dei consumatori sull’inflazione e l’aumento di nuovi casi di Covit-19 tra gli americani vaccinati dipendono dal sentimento dei consumatori man mano che l’occupazione e i redditi aumentano con la riapertura dell’economia nei prossimi mesi”, ha detto lunedì il capo stratega degli investimenti di Oppenheimer John Stoltfuss.

I casi del governo sono riemersi negli Stati Uniti questo mese, con la variante delta che si sta diffondendo tra gli sconosciuti. Gli Stati Uniti hanno una media di circa 30.000 nuovi casi al giorno negli ultimi sette giorni che terminano venerdì, secondo i dati dei Centers for Disease Control and Prevention. I casi si sono già diffusi in tutto il mondo a causa della variazione delta.

“Il mercato è pronto a diventare più difensivo poiché sperimentiamo un calo significativo delle entrate e della crescita economica”, ha scritto lunedì in una nota il principale stratega azionario statunitense di Morgan Stanley, Mike Wilson. “L’ampiezza del mercato si è deteriorata per diversi mesi, il che a nostro avviso è un’altra conferma dello spostamento intermittente del ciclo. Di solito si conclude con una correzione sostanziale del livello dell’indice (10-20 per cento).”

READ  L'ambasciata italiana a Kabul va in Qatar

I prezzi del petrolio sono scesi per i timori di un rallentamento della crescita e l’OPEC+ ha accettato di lanciare una serie di tagli alla produzione. ExxonMobil ha perso oltre il 3% con Konoco Philips e i titoli energetici sono stati tra i peggiori nel settore delle prenotazioni. Il greggio WTI è sceso del 3% a 69,36 dollari al barile.

La settimana più impegnativa di guadagni è in corso, con nove componenti Dow da segnalare, con le società 76S & P che offrono aggiornamenti trimestrali. United Airlines e American Airlines riferiscono in modo simile a società di social media come Snap e Twitter. CSX, Johnson & Johnson, Coca Cola, Honeywell, IBM, Intel e Netflix sono in programma.

I timori di inflazione hanno pesato sulle azioni la scorsa settimana, con l’indice Consumer Sense degli Stati Uniti dell’Università del Michigan pubblicato venerdì, che mostra che i consumatori si aspettano che i prezzi aumentino del 4,8% nel prossimo anno. Si tratta dell’aumento più alto dall’agosto 2008. All’inizio della settimana, l’inflazione dell’indice dei prezzi al consumo (CPI) di giugno è salita al 5,4% su base annua, stimolando gli investitori.