Febbraio 26, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Dove gli europei sono più preoccupati per il cambiamento climatico?

Dove gli europei sono più preoccupati per il cambiamento climatico?

La società internazionale di ricerche di mercato Ipsos ha pubblicato una valutazione di ciò che le persone pensano oggi riguardo al cambiamento climatico e di ciò che i governi stanno facendo per affrontarlo.

L’indagine precede la COP28, che riunirà 167 leader mondiali a Dubai dal 30 novembre al 12 dicembre.

Ecco cosa pensano gli europei degli effetti del cambiamento climatico che già avvertono e come vedono il futuro del loro Paese.

Quali paesi europei stanno già sperimentando gli effetti del cambiamento climatico?

ioSondaggio Ipsos Ha intervistato più di 24.000 adulti in 31 paesi riguardo alle loro opinioni sul cambiamento climatico. I paesi europei coinvolti sono Belgio, Francia, Germania, Gran Bretagna, Ungheria, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Spagna, Svezia e Turchia.

Dall’indagine è emerso che sei persone su dieci in tutto il mondo affermano che il cambiamento climatico sta avendo un grave effetto sulla regione in cui vivono, anche se questo varia in modo significativo da paese a paese.

In Europa, la Turchia è al primo posto con il 79% degli intervistati che afferma che il cambiamento climatico sta già avendo gravi conseguenze. Due terzi della popolazione vive Italia E dentro Spagna Le conseguenze sono gravi, ha detto.

Solo in due paesi, Gran Bretagna e SveziaMeno di due quinti degli intervistati ritiene che le conseguenze siano gravi (rispettivamente 34% e 24%).

Quali saranno gli effetti del cambiamento climatico nel prossimo decennio?

Guardando al futuro, il numero di persone che prevedono che il cambiamento climatico avrà un grave impatto sulla loro regione nei prossimi dieci anni è pari al 71% della media globale.

READ  Sorpreso dal Napoli, il Barça ha concesso il pareggio in Italia

Inoltre, due quinti degli intervistati prevedono di dover abbandonare le proprie case nei prossimi 25 anni, con i livelli di preoccupazione più elevati riscontrati in Turchia (68%) e Brasile (61%).

“Mentre i leader mondiali si riuniscono per la COP 28, quest’ultimo sondaggio Ipsos rivela una dura realtà: la maggior parte delle persone non solo riconosce gli impatti disastrosi del cambiamento climatico, ma si sta preparando al suo peggioramento”.Testimonianza Lauren Demer, direttrice dello sviluppo sostenibile e responsabile della pratica ESG di Ipsos.

I paesi meno preoccupati sono tutti i paesi europei: in Gran Bretagna, Polonia, Svezia, Germania e Paesi Bassi, la percentuale di persone che prevede di trasferirsi è di una su quattro o meno.

I governi europei non forniscono sufficienti informazioni sui cambiamenti climatici

Quando si tratta di comunicazione governativa sul cambiamento climatico, i paesi europei si posizionano in basso.

Alla domanda in che misura il governo abbia informato la popolazione sulle potenziali conseguenze del cambiamento climatico, il 29% degli ungheresi ha risposto “no” e il 45% ha risposto “non molto bene”.

In Spagna, Polonia, Turchia e Italia, oltre il 70% dei cittadini ritiene che il proprio governo non faccia abbastanza per comunicare sul cambiamento climatico.

I paesi europei stanno facendo abbastanza per combattere il cambiamento climatico?

A livello globale, solo il 36% dei cittadini ritiene che il proprio governo stia facendo abbastanza per combattere il cambiamento climatico.

In Europa, il paese con la classifica più bassa BelgioSolo il 22% ritiene che le azioni del governo siano sufficienti La stessa TurchiaFrancia e Polonia con il 23%.

I Paesi Bassi sono il paese con la classifica più alta, con il 44% che ritiene che il governo stia lavorando duramente per combattere il cambiamento climatico.

READ  Apple e Amazon sono state multate 200 milioni per aver violato la concorrenza