Marzo 2, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Dopo essere stata sconfitta dal Galles, l’Australia fu quasi spazzata via

Dopo essere stata sconfitta dal Galles, l’Australia fu quasi spazzata via

Secondo il dipartimento del Rodano, il rischio di terremoti è moderato, se non basso, nel dipartimento. C’è spazio per i dubbi. Domenica 24 settembre ho sentito l’onda d’urto della sconfitta (6-40) contro la squadra del Galles, al Groupama Stadium di Lione, a circa 17mila chilometri di distanza, all’altro capo della terra, nell’isola dei continente dell’Australia.

È stato un incontro inconcludente quello tra due ex glorie internazionali del rugby, in difficoltà da diversi anni. La suspense è durata solo la metà del tempo. I Red Dragons hanno saputo sfruttare l’ingenuità dei Wallabies, che hanno concesso troppi rigori nella speranza di una sorte migliore.

In questo disastro, sono state pesanti le assenze per infortunio dei due capitani della nazionale australiana, il cornerback destro Taniela Tupou e, soprattutto, il capitano Will Skelton. Con un’età media di 25 anni e 10 mesi, la squadra australiana è una delle squadre più giovani partecipanti al torneo. Tutti i 33 giocatori hanno solo 455 presenze in nazionale. Da solo, il pilone James Slipper (132 presenze) ha più presenze dell’intero gruppo messo insieme. Insomma, bambini.

Leggi anche: Galles – Australia: rivivi le qualificazioni ai quarti di finale del Galles

In un paese in cui le televisioni trasmettono più partite di rugby league e football australiano, alcuni giovani Wallabies devono ancora padroneggiare tutti i dettagli del XV gioco. Come il terzo centrocampista Rob Valetini, che si è dimenticato di appoggiarlo, e si è precipitato in campo al 48esimo puntoH Un minuto dopo per una palla vagante, che si traduce in un altro rigore per gli uomini di Warren Gatland. Approfittano dell’occasione e tornano negli spogliatoi con dieci punti di vantaggio (16-6).

READ  Ligue 1 - Nantes - 13 punti dopo 15 giornate, non di gusto di Compoire: 'Mi vergogno'

Le parole di Eddie Jones, l’allenatore australiano noto per la sua durezza, potrebbero non essere state gentili durante l’intervallo. Evidentemente non è andata in porto perché se il primo periodo del XV di A-League è stato mediocre, il secondo è stato disastroso. In quaranta minuti, i gallesi avevano ottenuto una schiacciante vittoria per 24-0 sui Wallabies. Nella sala stampa del Groupama Stadium, una parola risuonava più e più volte dalle bocche dei giornalisti australiani che commentavano la partita: “umiliazione”.

Leggi anche: Coppa del mondo di rugby: “I gloriosi tre della quindicesima dalla Francia” o le imprese incompiute dei Blues

Con due sconfitte in tre partite, l’Australia è stata effettivamente eliminata. Questa è una sconfitta storica. In nove presenze ai Mondiali, il paese, due volte vincitore della Webb Ellis Cup (nel 1991 e nel 1999), non è mai stato eliminato nella fase a gironi. Il presente resta rilevante perché l’eliminazione dei Wallabies non è ancora certa, ma ci vorrebbe un piccolo miracolo per evitarla, ad esempio una sconfitta delle Fiji contro la Georgia o il Portogallo.

Eddie Jones è sul sedile eiettabile

Secondo i media australiani, Eddie Jones potrebbe essere licenziato a breve. Tuttavia, a gennaio ha firmato un contratto quinquennale con la FFA, con l’obiettivo di organizzare la Coppa del Mondo 2027 in casa. Se ci fosse un’espulsione, non dovrebbe essere annunciata nei prossimi giorni perché agli australiani resta una partita da giocare in questo torneo, che è 1.Lui è Ottobre a Saint-Etienne contro il Portogallo. Il loro cammino verso la croce non è ancora finito.

In effetti, il record di Eddie Jones è pessimo, con sette sconfitte in otto partite da quando è tornato a capitanare l’Australian XV (che aveva precedentemente capitanato tra il 2001 e il 2005). Allenatrice carismatica con uno spiccato senso dell’umorismo, questa ex prostituta è una fan della strategia dell'”ombrello”. Non esita ad assumersi le critiche per proteggere i suoi giovani giocatori e dare loro il tempo di crescere. Questa è una tattica che oggi viene rigettata perché è diventata un bersaglio per i media nel suo paese.

READ  Paris SG ou Real, la mère de Mbappé vend la mèche !

Eddie Jones lo ha detto più e più volte: ringiovanire in modo aggressivo una squadra è senza dubbio doloroso nel breve periodo, ma è l’unico modo in cui i Wallabies possono essere competitivi in ​​quattro anni. Si tratta di un approccio non privo di punti in comune anche con quello sviluppato da Fabien Galtier quando fu nominato capo del XV di Francia nel 2019.

Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Coppa del mondo di rugby 2023: l’Australia conta sulla ripresa dei suoi giovani giocatori delle Isole del Pacifico

Nonostante tutto, alcune scelte di Eddie Jones sollevano interrogativi. La sua decisione di prendere una sola apertura professionale per la Francia, il giovane Carter Gordon (22), è stata un fallimento. Il costume di interpretare Mr Australia ai Mondiali era troppo per il mediano d’apertura dei Melbourne Rebels, un buon giocatore di club ma quasi inesperto a livello internazionale senior. Dopo due partite difficili, l’allenatore australiano ha deciso di sostituirlo con il terzino Ben Donaldson, che non ha fatto molto meglio.

le notizie

“Parigi 2024”

Le Monde decodifica i segreti e le sfide dei Giochi Olimpici e Paralimpici del 2024.

Registrati

I media australiani hanno riferito che Eddie Jones si è sottoposto a test di prestazione pochi giorni prima dell’inizio della Coppa del Mondo in Francia per diventare l’allenatore del Giappone, succedendo all’attuale detentore del titolo, il neozelandese Jimmy Joseph. Una voce smentita dal diretto interessato, ma che dimostra quanto l’ex prostituta sia diventata un bersaglio per i media del suo Paese, che non hanno esitato a disfarsi del suo stipendio, stimato in 4,5 milioni di dollari australiani all’anno ( 2,7 milioni di euro).

READ  Abdou Diallo dans le viseur de Napoli

Il mediano d’apertura Dan Biggar è infortunato

Dopo tre vittorie nello stesso numero di partite, il Galles si è qualificato per i quarti di finale. Se stasera segnerà “solo” tre mete – ne servono quattro per ottenere il punto bonus in attacco – il XV di du Poireau è ora otto punti di vantaggio sul secondo posto nel Gruppo C, Fiji.

Leggi anche: Mondiali di rugby: la Scozia elimina Tonga e torna nella corsa di qualificazione

Tuttavia, il futuro del Galles non appare brillante. I Red Dragons avrebbero potuto perdere il loro maestro del gioco stasera per il resto della competizione a causa dell’infortunio del mediano d’apertura Dan Biggar dall’11° minuto.H minuto. Sarà Gareth Anscombe degli Ospreys ad avere il difficile compito di sostituire l’RC Toulon. Nei quarti di finale, i gallesi potrebbero incontrare l’Inghilterra o l’Argentina.