Maggio 26, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Dopo due anni di inflazione, quali sono le conseguenze sui salari?

Dopo due anni di inflazione, quali sono le conseguenze sui salari?

La Francia non era abituata a tali livelli dagli anni ‘80. Nel periodo dal 2001 al 2021, ad esempio, l’inflazione ha raggiunto la soglia del 2%, in media su un anno, solo in cinque occasioni (2003, 2004, 2008, 2011 e 2012). . Quindi l’aumento medio del 5,2% dei prezzi al consumo nel corso del 2022 è stato uno shock. Soprattutto perché ha avuto un impatto maggiore su cibo ed energia, che sono due componenti fondamentali della spesa.

Risultato diretto sugli stipendi: sebbene venga generalmente rivalutato solo una volta all’anno, il salario minimo è stato aumentato 7 volte dall’inizio del 2021, se includiamo l’aumento da 1Lui è Gennaio di quell’anno.

Leggi anche: Inflazione al 5% nel 2023, secondo le previsioni dell’Istituto nazionale di statistica e studi economici

Schiacciare la scala salariale in fondo alla tabella

Ma d’altro canto, un altro problema si pone più chiaramente del solito. Con l’accelerazione dell’inflazione negli ultimi due anni, il numero di filiali le cui tabelle salariali minime stabiliscono livelli salariali inferiori al salario minimo ha raggiunto numeri record. Questo fenomeno era già presente, su scala minore, con alcuni risultati scadenti in cui il dialogo sociale era proibito. Ma questa volta, ogni nuovo aumento del salario minimo si aggiunge all’elenco dei settori in ritardo. Gli accordi minimi sono diventati sistematicamente obsoleti immediatamente. Alcuni settori rimangono ancora oggi fuori dai riflettori.

Leggi anche: Libri paga al di sotto del salario minimo: quali settori ha individuato Elizabeth Bourne?

Ciò ovviamente non significa che i dipendenti dei settori in questione ricevano meno della tariffa oraria minima legale, poiché il datore di lavoro è tenuto a compensare tale importo. Il problema è che coloro che si trovano in fondo alla classifica restano bloccati per anni sul salario minimo. Quelli nominati immediatamente sopra vedono unirsi a loro colleghi meno qualificati o con minori responsabilità. Niente li motiva. D’altra parte, ciò che rafforza la sensazione di degrado sociale.

READ  Questo il calendario per la rivalutazione dei benefici nel 2022

Elizabeth Bourne è d’accordo: “Le reti di alcuni rami professionali non sono più adatte alle qualifiche. I dipendenti acquisiscono competenze molto utili per il funzionamento della nostra economia senza aumentare i loro salari. Il primo ministro ci crede Intervista a La Tribune di domenica, pubblicato alla vigilia della Conferenza sociale sui salari bassi. In questa occasione proporrà la creazione di un consiglio salariale superiore che avrà il compito di trovare soluzioni.

Mentre il 1° gennaio 2021 il 12% dei dipendenti (esclusi i dirigenti) è stato interessato dalla rivalutazione del salario minimo, all’inizio del 2022 la percentuale era effettivamente salita al 14,5%, ovvero a 2,5 milioni di persone. Basti dire che, con le molteplici rivalutazioni avvenute successivamente, da allora la quota è aumentata.

Leggi anche: Il rapporto propone di eliminare le riduzioni contributive sugli stipendi superiori a 2,5 SMIC

Come rileva l’Istituto Nazionale di Statistica e Studi Economici (INSEE) in una pubblicazione pubblicata il 6 ottobre, “Se i meccanismi legali per la rivalutazione automatica del salario minimo garantiscono che esso venga aumentato a un livello inferiore, come i prezzi al consumo, allora solo i dipendenti che sono pagati al livello del salario minimo o leggermente al di sopra, circa 1 dipendente su 7 nel settore privato , Riceveranno il loro stipendio direttamente, preoccupati.”.

Le curve ricominciano ad intersecarsi

E tutti i dipendenti? Per la prima volta dal 2021, le curve degli aumenti dei prezzi e dei salari si sono nuovamente incrociate nel 2H Trimestre 2023. L’indice dello stipendio base mensile (PMI), che corrisponde generalmente alla prima riga della busta paga (cioè senza straordinari e in particolare bonus), è aumentato del 4,6% su un anno. Nel frattempo, il tasso di inflazione ha raggiunto il 4,4%.

READ  È stato licenziato a causa del colore dei suoi pantaloni, quindi ha intrapreso un'azione legale che si è pronunciata a favore del suo datore di lavoro

In euro costanti (escludendo gli aumenti di prezzo), è aumentato dello 0,2%. Ma è stato fatto in modo non uniforme. Pertanto, è aumentato dello 0,5% per gli impiegati (in rosa sotto) e dello 0,8% per gli operai (in rosso), mentre è diminuito dello 0,1% e dello 0,6% per i professionisti intermedi e i dirigenti (linee blu e gialle sotto).

In ripresa (+5% in un anno) anche il salario medio pro capite, che questa volta include altre componenti della retribuzione come la gratifica una tantum (bonus di condivisione del valore, ad esempio), gli straordinari e la tredicesima mensilità. non menzionarlo “Per compensare le perdite di potere d’acquisto del reddito da lavoro accumulate in circa due anni”.“, rileva l’Istituto nazionale di statistica.