Aprile 16, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Dopo che Renard, Katoto e Dianne si sono ritirati, dai un’occhiata ai sei anni burrascosi con Blue

Dopo che Renard, Katoto e Dianne si sono ritirati, dai un’occhiata ai sei anni burrascosi con Blue

I ritiri di venerdì di Wendy Renard, Marie-Antoinette Catoto e Cadediatou Diagne si aggiungono alla lunga lista di squadre a Les Bleues da quando Corinne Deacon è subentrata.

Da sei anni la vita della nazionale francese non è un lungo fiume calmo. Episodio finale: il ritiro tripartito degli amministratori delegati Marie Antoinette Catoto, Wendy Renard e Cadediatou Diagne, che hanno indicato venerdì 24 febbraio Gestione della nazionale francese e valori trasferiti“, e altri “Il sistema attuale è lontano dai requisiti richiesti dal livello più alto”.

A tre giorni dall’ultimo rally di Le Bleu, ea cinque mesi dal prossimo Mondiale, questo nuovo episodio di tensione si aggiunge a un lungo elenco di crisi. Tra il camerino e Corinne Deacon, i cui metodi sono sempre più apertamente criticati.

La guardia Sarah Bouhaddi dice basta

C’è da dire che appena subentrata nell’agosto 2017, la prima allenatrice donna di un club professionistico maschile (Clarmont, dal 2014 al 2017) ha fatto colpo togliendo la fascia di capitano a Wendy Rennard. “Finché sarò in carica, Reynard non sarà più un leader”.Poi l’allenatore ha annunciato, senza giustificare la sua scelta. Alla fine avrebbe cambiato idea quattro anni dopo e avrebbe ammesso “UN stupidità”. “A volte dico cose stupide. Non cambio ma mi evolvo. Sono ancora testardo, qualunque cosa accada.” giustificarsi.

Con il suo desiderio di non prenotare alcun trattamento di favore, Corinne Deacon non ha mai fatto niente di pizzo. Nel 2019, dopo essere stata eliminata ai quarti di finale del Mondiale in Francia, contro gli Stati Uniti, ha criticato duramente Eugenie Le Sommer pubblicamente, e non ha esitato ad incolpare se stessa per questo fallimento. nella storia dell’azzurro.

READ  A Marsiglia nasce un litigio inaspettato!

L’anno successivo, l’Onorevole Ranger, Sarah Bouhaddi, fu la prima ad attaccare pubblicamente Corinne Deacon. In un’intervista con OLTV, lo ha affermato “Vinci un titolo con questo allenatore” È stato “impossibile”, annunciando la sospensione della sua carriera internazionale. E la guardia aggiunse: “Posso dire che la Francia non vincerà gli Europei (nel 2022) se Corinne Deacon rimane al suo posto”, ha aggiunto. Il sequel gli ha dato ragione.

Henry e Lou Somer, i dirigenti, si fecero da parte

Ma i casi più eloquenti sono ancora quelli di Eugénie Le Sommer e Amandine Henry, negate per diversi mesi. Non essendo stato eletto nell’autunno del 2019, ha ancorato quest’ultimo a Canal +, senza mezzi termini: “Non è bello dirlo ma quando si avvicina la scelta, e vedi il tuo nome sulla lista, due sentimenti si mescolano, c’è la gioia e c’è la paura. (...) Quando mi ha chiamato, la chiamata è durata 15 secondi. La ricorderò per tutta la vita. “Amandine, la lista uscirà domani, non ci sarai in termini di performance attuale”, mi ha detto. Resto senza parole per due secondi. Gli ho detto “OK, buon gioco, ciao”. Questo è tutto. Se si tratta di una selezione sportiva, stai cercando di ricaricare il tuo giocatore, dicendole: “Non preoccuparti, starai bene, tornerai al meglio”. Ma lì, questa discussione rimarrà impressa nel mio cuore. Mi ha fatto male, mi sono davvero commosso”.

Corinne Deacon (a sinistra) e Amandine Henry durante una conferenza stampa per il Team France il 6 giugno 2019 a Parigi.  (Lionel Bonaventura/AFP)

Amandine Henry spiega poi di aver subito le conseguenze di una discussione tra Les Lyonnais e il presidente della Federcalcio francese, Noël Le Graet, sui metodi di Deacon, in particolare durante i Mondiali del 2019: “Umanamente, ho visto ragazze piangere nella loro stanza. È successo anche a me, perché volevo vivere questo Mondiale, ma è stato un casino totale”. Su questo allontanamento che da mesi affligge lo spogliatoio, Noel Le Graet non si è tirato indietro nel 2021: “Possono strapparsi i capelli, non mi interessa.”

Solo che intanto il blues non ha brillato agli Europei, che Corinne Deacon ha scelto di negarsi a Eugénie Le Sommer. Poi il tecnico ha invocato motivi sportivi, nonostante il modulo della prima marcatrice della storia di Zarqa, con cui era in disaccordo da anni. Poi l’allenatore dell’Olympique Lyonnais, Reinald Pedroz, ha testimoniato: “È un rapporto molto complicato tra i giocatori e l’allenatore. Ho recuperato giocatori molto colpiti psicologicamente. Dovevamo discuterne ogni volta e riportarli bene”.

“Vanno in Francia per obbligo, non per divertimento. Vanno in Francia con la palla nello stomaco”.

Spesso interrogata su questi molteplici impegni, Corinne Deacon, sempre sostenuta dal Presidente della Federazione, condanna un gruppo di ribelli. Nonostante l’atmosfera maliziosa, la sua posizione è stata estesa più volte. Diverse volte ha cercato di appianare le cose, in particolare restituendo la carica di capitano a Wendy Renard o chiamando Amandine Henry all’ora stabilita.

Queste tensioni e il record ancora vergine della squadra francese non hanno però offuscato l’immagine dell’allenatore agli occhi della Federcalcio francese, che l’ha prolungata fino al 2024, cioè dopo i Mondiali del 2023 e le Olimpiadi di Parigi. Ma con Noel Le Grat al caldo, le posizioni di Wendy Renard, Marie-Antoinette Catoto e Cadediatou Diagne potrebbero rimescolare le carte cinque mesi prima della Coppa del Mondo e molti anni dopo la crisi in agguato.