Ottobre 6, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Dietro il boom del gas in Europa, c’è lo spettro di una carenza globale di fertilizzanti – 25/08/2022 alle 17:25

Un agricoltore spruzza fertilizzante chimico nel suo campo nell'aprile 2015 a Tribunes-sur-la-Grasse, Haute-Garonne (AFP/Remy Gabalda)

Un agricoltore spruzza fertilizzante chimico nel suo campo nell’aprile 2015 a Tribunes-sur-la-Grasse, Haute-Garonne (AFP/Remy Gabalda)

A causa della carenza di fertilizzanti di base, di cui la Russia è uno dei principali fornitori, i prezzi alimentari potrebbero esplodere l’anno prossimo, così come la fame nel mondo, avvertono produttori e analisti del mercato dei fertilizzanti, all’unisono con le “Nazioni Unite”.

I fertilizzanti sintetici chiamati NPK – a base di azoto, fosforo o potassio – non erano affatto costosi: i prezzi globali sono triplicati tra l’inizio del 2021 e la metà del 2022.

“La difficoltà del mio lavoro è prevedere dove saranno nei prossimi 18 mesi”, ha ammesso a luglio Joel Jackson, amministratore delegato e analista del mercato dei fertilizzanti presso BMO Capital Markets, durante una conferenza di analisti negli Stati Uniti.

In Europa, i fertilizzanti NPK hanno raggiunto un livello “storico”, essendo classificati in base ai prezzi del gas, che costituiscono il 90% dei costi di produzione dei fertilizzanti azotati come l’ammoniaca e l’urea. Tuttavia, il gas naturale continua ad aumentare con la Russia in guerra con l’Ucraina che chiude il rubinetto della fornitura di gas al vecchio continente che sostiene l’Ucraina.

– Ammoniaca interessata –

Per preservare i propri profitti, molti produttori europei di fertilizzanti hanno interrotto la produzione di ammoniaca, che si ottiene combinando l’azoto dell’aria con l’idrogeno del gas naturale. Cosa non è successo dalla crisi finanziaria del 2008.

L'evoluzione dei prezzi del gas nel mercato europeo e dell'ammoniaca, componente essenziale dell'industria dei fertilizzanti azotati (AFP /)

L’evoluzione dei prezzi del gas nel mercato europeo e dell’ammoniaca, componente essenziale dell’industria dei fertilizzanti azotati (AFP /)

A più di 300 euro per megawattora di gas oggi, «per una media di 20 euro negli ultimi 10 anni», «abbiamo un grosso problema: non si lavora più con tutti quelli che fanno l’ammoniaca, perché il gas è 10-15 volte più costoso, prima”, spiega Nicolas Protein, capo della filiale francese del produttore norvegese Yara, il numero uno in Europa nel campo dei fertilizzanti azotati.

Yara Company ha annunciato giovedì che ridurrà ulteriormente la sua produzione di ammoniaca in Europa a causa del prezzo del gas, utilizzando solo il 35% della sua capacità di produzione nel vecchio continente.

Per gli stessi motivi, ha già sospeso due volte dall’inizio dell’anno il suo stabilimento di Ferrara, in Italia, e ha sospeso per tre settimane la produzione nello stabilimento di Le Havre in Francia. In totale, Yara perderà 3,1 milioni di tonnellate di ammoniaca e 4 milioni di tonnellate di prodotti finiti.

Questa settimana, il primo produttore polacco Azoty ha annunciato che avrebbe sospeso il 90% della sua produzione di ammoniaca e il primo produttore lituano Achema ha anche annunciato la chiusura del suo impianto il 1° settembre.

Sacchi di ammoniaca per la produzione di fertilizzanti azotati presso lo stabilimento del produttore norvegese Yara a Le Havre, 8 aprile 2022 nel nord della Francia (AFP / Samir El Doumi)

Sacchi di ammoniaca per la produzione di fertilizzanti azotati presso lo stabilimento del produttore norvegese Yara a Le Havre, 8 aprile 2022 nel nord della Francia (AFP / Samir El Doumi)

In Ungheria, Nitrogenmuvek ha chiuso e lo stabilimento Borealis di Grandpuits, in Francia, dovrebbe chiudere a settembre e ottobre, secondo una pubblicazione della società di analisi Argus.

“Il rischio di carenze se tutta l’Europa si ferma è reale, potrebbe esserci un problema di risorse perché produciamo fertilizzanti in inverno in previsione della primavera del 2023”, aggiunge il signor Protein.

– Anche potassio –

Gli agricoltori rischiano anche di rimanere senza potassio a causa delle sanzioni contro la Russia, uno dei principali produttori, e la Bielorussia, “responsabile di un sesto della produzione mondiale di potassio”, ricorda Joel Jackson.

Prima della guerra, la Russia era il più grande esportatore mondiale di fertilizzanti NPK.

Un dipendente lavora in una linea di produzione di fertilizzanti chimici presso lo stabilimento del produttore norvegese Yara l'8 aprile 2022 a Le Havre, Francia (AFP / Samir El Doumi)

Un dipendente lavora in una linea di produzione di fertilizzanti chimici presso lo stabilimento del produttore norvegese Yara l’8 aprile 2022 a Le Havre, Francia (AFP / Samir El Doumi)

Il capo delle Nazioni Unite ha osservato che i fertilizzanti e i prodotti agricoli russi sono esenti da sanzioni e devono poter accedere liberamente ai mercati globali “senza ostacoli”, visto il rischio di una crisi alimentare globale nel 2023.

Il Brasile, potenza agricola che considera la Russia il principale fornitore di fertilizzanti, ha “già realizzato la sua adozione che influenzerà la campagna agricola del 2023”, assicurano gli esperti del Cyclope Global Directory of Raw Materials.

I produttori temono la “distruzione artificiale della domanda”, afferma Jackson: Gli agricoltori rischiano di razionare o saltare alcuni fertilizzanti che sono diventati troppo costosi. “Può già essere visto ovunque in Europa”, aggiunge il signor Protein.

“Nel 2023-2024 ci sarà un aumento dei prezzi dei fertilizzanti e forse una diminuzione del loro utilizzo”, aggiunge Cyclop, che prevede un calo significativo della produzione agricola in Africa.

Nel mondo globalizzato dei fertilizzanti, queste perturbazioni, per ora prevalentemente europee, stanno facendo un po’ di lavoro.

Per fare a meno del gas russo, i produttori europei importano ammoniaca dal Nord America o dall’Australia dalla fine del 2021, secondo Mr. Protein.

Alcuni lo vedono come un vantaggio dei fertilizzanti organici (letame ecc.) o di quelli prodotti dall’idrogeno “verde”.

Nel frattempo, l’azienda canadese Nutrien, classificata al primo posto al mondo nel campo dei fertilizzanti, aumenterà la sua produzione di potassio per compensare eventuali fallimenti russi o bielorussi. Joel Jackson prevede che i guadagni di Nutrien almeno raddoppieranno quest’anno.

READ  Incredibile colpo di scena! SNCF mette fine all'attuale progetto di trasformazione della Gare du Nord