Marzo 1, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Diesel e benzina tornano a crescere

Diesel e benzina tornano a crescere

La fine di quest’anno è segnata da un aumento dei prezzi del gasolio e della benzina. La scorsa settimana il diesel ha registrato un aumento di 0,8 centesimi al litro rispetto a 0,4 centesimi al litro della benzina. I prezzi continuano a salire questo giovedì 28 dicembre.

I prezzi del carburante oggi, giovedì

Secondo il sito specializzato CARBU.COM, i prezzi del carburante oggi, giovedì 28 dicembre, hanno raggiunto 1.854 euro al litro di 98 senza piombo (ES), 1.897 euro al litro di Super 98 (E10) e 1.804 euro al litro di 95 senza piombo. (E5) . Per quanto riguarda la senza piombo 95 (E10), il suo prezzo è di 1.776 euro al litro. Per quanto riguarda il gasolio, giovedì 28 dicembre il prezzo alla pompa ha raggiunto i 1.758 euro al litro.

Per quanto riguarda il bioetanolo E85 e il GPL i prezzi sono rispettivamente di 0,989 e 0,981 euro al litro. Si noti inoltre che il prezzo del metano questo giovedì è di 1,078 euro al litro.

I prezzi sono leggermente aumentati rispetto alla settimana scorsa. Il 22 dicembre, il prezzo del diesel era di 1,7422 euro al litro, mentre il prezzo del diesel senza piombo 95 (E10) era di 1,7685 euro al litro. Per quanto riguarda i prezzi del petrolio, oggi sono leggermente diminuiti. Infatti, il barile di Brent viene offerto a 78,91 dollari rispetto ai 79,6 dollari del 22 dicembre.

I prezzi del carburante aumentano a causa della situazione nel Mar Rosso

Dal 20 dicembre, i ribelli Houthi hanno intensificato i loro attacchi contro le navi nel Mar Rosso, spingendo molte compagnie di navigazione e alcune navi cisterna per gas naturale liquefatto a evitare la principale rotta commerciale globale est-ovest. Di conseguenza, il commercio internazionale, in particolare quello degli idrocarburi, è stato interrotto.

READ  Il deputato LREM, Sylvain Mayer, afferma di essere stato vittima di un furto di identità

Pertanto, l’insicurezza nel Mar Rosso viene presa molto sul serio. Le prime ripercussioni degli attacchi Houthi si sono manifestate sui prezzi del petrolio. I trasporti stavano ora diventando più costosi poiché gli armatori cambiavano le loro rotte. Il 20 dicembre, il petrolio greggio Brent veniva scambiato a 80,23 dollari. Da parte sua, il greggio statunitense West Texas Intermediate è stato venduto a 75 dollari.

A fronte dell’aumento dei prezzi del petrolio, si è osservato un aumento dei prezzi del carburante in Francia. Tuttavia, l’annuncio degli Stati Uniti dell’istituzione di una nuova forza di protezione contro gli attacchi dei ribelli Houthi nello Yemen ha relativamente calmato i mercati petroliferi. Pertanto, è improbabile che i prezzi del carburante in Francia raggiungano i record fissati a settembre.