Maggio 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Decodifica del DNA della canna da zucchero

Decodifica del DNA della canna da zucchero

L'intero genoma della canna da zucchero è stato finalmente decifrato da un team internazionale di scienziati che lo ha pubblicato il 28 marzo 2024 sulla prestigiosa rivista natura. È la pianta più raccolta al mondo: rappresenta l'80% della produzione mondiale di zucchero, ma è anche la pianta con le sequenze di DNA più complesse, a causa della lunga storia della sua domesticazione, ma anche a causa della sua produzione, strettamente legata alla schiavitù e colonialismo. .

In che misura Scienze ? Anche leggendo il DNA della canna da zucchero, l’intera storia della sua domesticazione e la sua associazione con la schiavitù e il colonialismo. Il genoma completo della canna da zucchero è stato appena sequenziato e pubblicato sulla rivista scientifica natura.

E lo ricordiamo, è una vera sfida: il genoma della canna da zucchero, la pianta più sfruttata al mondo in termini di biomassa, che oggi fornisce l'80% della produzione mondiale di zucchero, è enormemente complesso. La sua sequenza di DNA comprende 8,7 miliardi di lettere, venti volte di più del genoma del riso e tre volte di più del genoma umano. Ci sono voluti cinque anni di lavoro, svolto in collaborazione con 34 ricercatori provenienti da tutto il mondo, per decifrare il genoma completo di una varietà di canna da zucchero, la breve R570, attualmente coltivata nelle Indie Occidentali, oltre che nel continente africano. Incontro eMaurizio.

In uno dei più grandi centri di sequenziamento, a Berkeley, in California, sono stati letti 8,7 miliardi di caratteri; I 114 cromosomi furono isolati da gruppi australiani e cecoslovacchi. Tutti questi dati sono stati interpretati a Montpellier dai ricercatori di Sirad Chi ha iniziato questo imponente lavoro di sequenziamento del DNA della canna da zucchero che ci riporta indietro… 10.000 anni fa in… Papua Nuova GuineaProbabilmente è stato addomesticato da specie selvatiche non dolci per dare origine a nuove specie dolci.

READ  5 idee creative e deliziose per la gestione dei rifiuti

Dovresti sapere che è il fusto, la canna, che immagazzina il saccarosio. Questo nuovo tipo di canna da zucchero veniva poi trasportato nelle isole vicine dell’Oceano Pacifico e poi nelle isole vicine rugiada E dentro Cina Dove, ancora, si ibridano naturalmente con altre specie selvatiche non dolci per dare origine a nuove varietà dolci, più resistenti e meglio adatte ai climi meno caldi.

Questo incredibile viaggio però non è iscritto solo nel DNA della canna da zucchero, come sottolinea Florence Rozier sulla rivista il mondo, Si sente anche in tutte le nostre lingue indoeuropee. La parola zucchero deriva dalla parola sanscrita sarkara, che in persiano significa zucchero. Tuttavia, la canna da zucchero fu importata in Persia nel VI secolo, prima che gli arabi (noi diciamo zucchero in arabo) la introdussero a Cipro e Creta nel secolo successivo, e poi in Andalusia nell'VIII secolo: le Crociate. A partire dal XII secolo fu introdotta la canna da zucchero Europa Oppure lo zucchero (scrum in latino) viene poi venduto dalle farmacie per le sue virtù medicinali

L'uso dello zucchero si diffuse poi con la crescita del commercio. Lo zucchero diventa un segno esteriore di ricchezza, riservato prima agli aristocratici, poi alla borghesia. Era un commercio redditizio soprattutto per i mercanti veneziani, che lo importavano dal Levante. La canna da zucchero verrà poi prodotta e coltivata nelle isole del Mediterraneo, nelle Isole Canarie e anche nel Nuovo Mondo, nelle Americhe, dove fu introdotta all'inizio del XVI secolo. È qui che le cose si mettono male. Il consumo di zucchero è diventato diffuso e intenso. Il prezzo dello zucchero diminuì poiché nelle colonie americane veniva sempre più coltivato dagli schiavi.

READ  Perdere peso separando gli alimenti

Uomini e donne vengono importati in massa dall'Africa per lavorare nelle piantagioni e i magnati dello zucchero diventano ricchi. Giudicate voi stessi: nel 1700, 10 paesi esportarono 60mila tonnellate di zucchero dalle loro colonie grazie agli schiavi africani; Nel 1770 aumentò a 200mila tonnellate. “ Niente di tutto ciò sarebbe stato possibile senza il trasporto brutale e senza precedenti di milioni di africani ridotti in schiavitù.Lo storico britannico conferma James Walvin. L'ubriachezza divenne sinonimo di schiavitù “Fino a che punto siamo arrivati ​​alla canna da zucchero? Anche peggio, questo è certo. Anche fino alla nostra attuale dipendenza dallo zucchero… ma questa è un'altra storia.”

Leggi ancheDNA: una scoperta scientifica fondamentale