Aprile 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Negli Stati Uniti, il lupo solitario sta dando energia all’intero ecosistema TV5MONDE

Ricercatori americani sono giunti alla conclusione, dopo anni di studi, che il passaggio di un lupo solitario su un ponte di ghiaccio tra il Canada e un’isola americana ha permesso di ricostituire il patrimonio genetico della mandria locale nonché l’ecosistema dell’intera isola.

“Questo è il primo studio a dimostrare che i problemi genetici non solo colpiscono una particolare popolazione e aumentano il rischio di estinzione per quel gruppo, ma hanno anche effetti diffusi su tutte le specie”, ha detto all’AFP Sarah Hoy, autrice principale dello studio pubblicato mercoledì. . . Nei progressi della scienza.

Il team di ricercatori ambientali della Michigan Technological University ha esaminato l’ecosistema dell’Isola Royale, situata sulla sponda americana del Lago Superiore, una vasta distesa d’acqua dolce tra il Canada e gli Stati Uniti, dopo che un gruppo di organismi è arrivato sul posto. Il lupo solitario non è noto al gruppo locale.

Nel 1997, questo nuovo arrivato, soprannominato dai ricercatori “M93” nel contesto dello studio ma più affettuosamente “l’antico lupo grigio”, attraversò un ponte di ghiaccio tra il Canada e l’isola.

I primi lupi conosciuti arrivarono in quest’area negli anni ’40, predando principalmente alci, il che rese possibile lo studio più lungo mai intrapreso sul sistema “predatore-preda”.

Negli anni ’80, l’introduzione di un virus, il Parvovirus canino, in questo ecosistema spazzò via la popolazione locale di lupi, che scese da cinquanta a dodici, conferma lo studio.

Nuovo maschio riproduttore

Ma l’arrivo del “vecchio lupo grigio” cambia lo status delle mandrie locali e dell’intero ecosistema. Non essendo imparentato con questo gruppo ed essendo particolarmente numeroso, un grande vantaggio contro gli alci, si affermò come il nuovo “maschio riproduttore” di uno dei tre branchi dell’isola, tanto da generare 34 cuccioli.

READ  Vuoi sapere per quanto tempo vivrai? Ora è possibile grazie alla scienza

Di conseguenza, non solo i geni dei lupi dell’isola si sono diversificati, ma sta migliorando anche la loro capacità di uccidere gli alci.

Cervo selvatico, la preda principale dei lupi, in Canada nel 2019

AFP/Archivio

E poiché l’alce erbivoro mangia fino a 14 chilogrammi di vegetazione al giorno, la diminuzione del suo numero rispetto ai lupi porta anche a uno spostamento nell’ecosistema per ripristinarne l’equilibrio, hanno concluso i ricercatori americani.

Con meno alci in giro, gli abeti balsamici stanno ricominciando a crescere a un ritmo mai visto da decenni, vitale per la foresta e quindi per innumerevoli piante e specie.

Ma la storia non finisce qui: il boom del numero dei lupi ha infine contribuito a un nuovo sconvolgimento nell’ecosistema, a causa della consanguineità.

A causa della morte di “M93”, per cui è noto che il suo patrimoine ambientale conta il 60% dei loups, la popolazione ricomincia in declino al punto où il ne restait più di quello dei loups: un uomo e il suo fill, che è anche mezzo fratello e sorella.

Tuttavia, un programma di reintroduzione durato cinque anni è riuscito a ripristinare un migliore equilibrio in questo ecosistema isolato dove vivono attualmente una trentina di lupi e poco meno di mille alci, chiamati anche “alci” nel Nord America.

Per Sarah Hoy, il caso dell’“antico lupo grigio” potrebbe senza dubbio applicarsi ad altri gruppi di predatori consanguinei a rischio di estinzione come i ghepardi, dimostrando che l’introduzione di uno o pochi individui in un pool genetico non solo rigenera le popolazioni, ma Anche l’ecosistema.

William Ripple, professore di ecologia dell’Oregon State University, ha descritto il lavoro del suo collega del Michigan, nel quale non era coinvolto, come “importante”, poiché dimostra che i processi genetici possono limitare l’impatto ambientale “di una specie”, ha detto all’AFP.

READ  Ragazza muore di influenza aviaria: suo padre è risultato positivo, quindi dovremmo temere la contaminazione tra gli umani?