Giugno 13, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Decine di terremoti nella zona dei Campi Flegrei seminano il panico a Napoli

Decine di terremoti nella zona dei Campi Flegrei seminano il panico a Napoli

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) ha annunciato che un terremoto di magnitudo 4,4 è stato registrato alle 20:10 ora locale (18:10 GMT), ad una profondità di 2,5 chilometri. È stato preceduto pochi minuti fa da un terremoto di magnitudo 3,5, seguito da decine di scosse di assestamento.

Crepe e caduta del cornicione

Lo hanno riferito sui social i vigili del fuoco nell’area di attività dei Campi Flegreen, dove risiedono mezzo milione di persone.

Martedì le scuole rimarranno chiuse a Pozzuoli, ha annunciato su Facebook il sindaco della città, Luigi Manzoni, dove sono stati aperti centri di accoglienza e sono state montate tende in un parcheggio e in una piazza fronte mare per accogliere i residenti in preda al panico.

L’Ingv non esclude ulteriori scosse nella notte.

Ritorno dell’attività vulcanica

Il vulcano, che si estende su una circonferenza di 15 x 12 km, presenta una tipica depressione a fondo piatto lasciata dopo un’eruzione. È la più grande caldera attiva (“calderone” in spagnolo) d’Europa, e si trova al confine dei comuni costieri di Napoli e Pozzuoli.

Sugli champagne verdi, non vi è alcuna esplosione di 40.000 persone che influenzi il clima del piano, compresi fiumi e scienziati nell’area in cui si svolge la sua attività, a causa delle emissioni di gas del magma e della pressione della fonte sull’acqua superficie della terra.

READ  La sparatoria alla chiesa ha lasciato sei feriti

“Dobbiamo convivere sempre con la paura”, ha detto un residente di Pozzuoli all’emittente pubblica Renews. “Per quanto tempo gli edifici riusciranno a resistere a tutti questi shock, questo è ciò che ci chiediamo, perché non sono progettati per assorbire molto”.

Il vulcanologo Mauro De Vito ha stimato su Canale 21 che “il suolo continua a salire al ritmo di due centimetri al mese, un ritmo più elevato rispetto allo scorso anno, e sembra che purtroppo dovrà continuare”.