Maggio 26, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Cosa rischia l’Argentina con la positività del test antidoping del Papu Gomez?

Cosa rischia l’Argentina con la positività del test antidoping del Papu Gomez?

Tra i 23 campioni del mondo argentini incoronati lo scorso 18 dicembre a Lusail, le fortune sono state diverse, per non dire altro. Se alcuni, come Julian Alvarez con il Manchester City, o Lautaro Martinez con l’Inter, stanno vivendo una nuova stagione di successo – si sono addirittura affrontati nella finale di Champions League il 10 giugno – altri stanno navigando in acque turbolente come il Papu Gomez. .

Il resto seguirà dopo questo annuncio

Il campione del mondo argentino, che non rientra più nei piani di Jose Luis Mendilibar, ha rescisso il contratto con il Siviglia a inizio settembre. All’epoca in cui si parlava del Metz, la squadra era ultima al settimo posto in Serie A, al Monza, dove il 35enne trequartista si era ripreso, o almeno pensava di farlo. Probabilmente ciò non accadrà in quanto dovrà essere sospeso per due anni a causa di un test antidoping positivo risalente a novembre 2022, come riportato. soddisfazione Venerdì prossimo, prima che altri media spagnoli e italiani seguano l’esempio.

Per leggere
Il campione del mondo 2022 è accusato di doping!

L’Argentina non verrà privata del titolo di campione del mondo

Per quanto il test sia stato condotto prima della Coppa del Mondo – e il risultato è stato reso pubblico solo dieci mesi dopo – la questione può sembrare spinosa a prima vista. Può l’Argentina essere privata del suo terzo titolo di campione del mondo, alla luce della presenza di un giocatore che ha violato le norme antidoping regolamentate dalla FIFA, soprattutto perché ha partecipato alla competizione (ha giocato due partite, ma non la finale)? Se ci atteniamo alla lettera al Codice Mondiale Antidoping, che armonizza le normative di varie organizzazioni sportive e autorità pubbliche in tutto il mondo, non ci sarà alcun effetto retroattivo. Il testo indica che né la nazionale né il club del giocatore in questione corrono il rischio di vedersi ritirato il titolo in questo scenario. Devono essere almeno due i membri direttamente coinvolti, come previsto dall’articolo 11 della Conferenza/Riunione delle Parti di Parigi:

“Se, in uno sport di squadra, più di due membri di una squadra commettono una violazione delle norme antidoping durante la durata dell’evento, l’organizzazione responsabile deve imporre un’adeguata sanzione alla squadra (ad esempio, perdita di punti, annullamento di competizione o altra sanzione) oltre alle conseguenze inflitte ai singoli atleti che hanno violato le regole. Vincitore dell’Europa League lo scorso giugno, e quindi neanche il Siviglia verrà intaccato nonostante la presenza dell’argentino tra le sue fila. D’altra parte, Gomez potrebbe essere privato dei suoi premi.

La FIFA avrebbe dovuto risolvere questo problema prima della Coppa del Mondo

Tuttavia, la reazione dell’autorità competente, in questo caso la FIFA, può far fare marcia indietro. Date le circostanze (la Coppa del Mondo si è svolta solo pochi giorni dopo che il giocatore era stato testato con il suo club), la FIFA avrebbe potuto sospendere temporaneamente il giocatore, ha osservato. soddisfazione.

Il resto seguirà dopo questo annuncio

Lo standard internazionale prevede che questo tipo di controversie siano risolte rapidamente in caso di grandi eventi stressanti come i Giochi Olimpici o la Coppa del Mondo. Non si tratta però di una misura obbligatoria, in quanto Gomez è risultato positivo a una sostanza vietata ma considerata specifica – dice di aver assunto la bevanda senza consultare il medico -. In ogni caso l’Argentina non deve preoccuparsi: non verrà privata della terza stella.

pub. IL
Potresti ridere