Luglio 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Cosa ricordare da venerdì 2 giugno

Cosa ricordare da venerdì 2 giugno

Secondo il governatore della regione russa di Belgorod, i proiettili sparati dalle forze ucraine sono caduti venerdì su una strada vicino alla città di Chepkino, uccidendo due persone.

Almeno quattro civili sono stati uccisi e 27 feriti venerdì 2 giugno durante i bombardamenti Nella regione russa di Belgorod, al confine con l’Ucraina. Allo stesso tempo, la capitale ucraina, Kiev, è stata colpita da una sesta ondata di scioperi in sei giorni. Franceinfo ripensa a ciò che dobbiamo ricordare di quel giorno al fronte della guerra in Ucraina.

Quattro morti nella regione russa di Belgorod

Diversi giorni fa, la regione russa di Belgorod è stata presa di mira da attacchi senza precedenti sul territorio russo dall’inizio del conflitto con l’Ucraina. Venerdì il governatore della regione ha dichiarato che i proiettili sparati dalle forze ucraine si sono schiantati su una strada vicino alla città di Chebykino, a una decina di chilometri dall’Ucraina. “Schegge di auto hanno colpito i passanti. In una di esse due donne (…) sono morte sul colpo”.Vyacheslav Gladkov ha detto che due uomini sono rimasti gravemente feriti.

Altri due civili sono stati uccisi nelle ore serali nel villaggio di Sobolivka, durante i bombardamenti con lanciarazzi multipli Grad. Anche sei persone sono rimaste ferite, tra cui due bambini, secondo Vyacheslav Gladkov.

Kiev ancora nel mirino

Sesto attacco in sei giorni. Il sindaco dell’Ucraina, Vitaliy Klitschko, ha dichiarato che la capitale ucraina è stata esposta a una nuova ondata di droni e missili esplosivi all’alba di oggi, venerdì. Ha detto che al momento non ci sono feriti da segnalare. “Stasera il nemico ha utilizzato 15 missili da crociera e 18 droni d’attacco iraniani Shahed per lanciare attacchi: tutti questi obiettivi aerei sono stati distrutti dai nostri difensori”.ha detto l’esercito ucraino.

READ  L'Espagne limita l'uso della climatizzazione dans les bâtiments publics et incoraggia le teletravail des fonctionnaires

Poche ore dopo, l’esercito russo ha affermato di aver bombardato e “Colpisce” Durante la notte dalla copertura dei sistemi di difesa aerea ucraini Principali infrastrutture militari.

L’invasione dell’Ucraina è un “fallimento strategico” per Mosca

Sul fronte diplomatico, il segretario di Stato americano Antony Blinken è stato venerdì in Finlandia, un paese confinante con la Russia che ha recentemente aderito alla NATO. In questa occasione, il Segretario di Stato americano ha rifiutato qualsiasi cessate il fuoco sfavorevole a Kiev, sottolineando che continuare ad armare e rafforzare l’Ucraina è l’unico modo per raggiungere “la vera pace”.

La guerra in Ucraina è a “fallimento strategico” Per quanto riguarda la Russia, ha aggiunto il capo della diplomazia statunitense. La guerra di aggressione [de Vladimir Poutine] Fu un fallimento strategico, che ridusse notevolmente il potere e l’influenza militare, economica e diplomatica della Russia negli anni a venire”.ha detto.

L’adesione di Kiev alla Nato è “impossibile” prima della fine del conflitto

Venerdì il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha ammesso che l’adesione dell’Ucraina alla NATO sarebbe stata la stessa “impossibile” Prima della fine della guerra in corso con la Russia. “L’adesione alla NATO è la migliore garanzia della sicurezza dell’Ucraina (…) ma comprendiamo che non trascineremo un solo paese della NATO in una guerra”Lo ha detto il leader ucraino in una conferenza stampa congiunta con il presidente estone.

Pertanto, comprendiamo che non diventeremo membri della NATO mentre questa guerra continua, non perché non lo vogliamo, ma perché è impossibile., Ha aggiunto. Questa è una rara ammissione di Volodymyr Zelensky, che dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina ha moltiplicato gli appelli ad aderire alla NATO e all’Unione Europea il prima possibile.

READ  Parte da Cipro la prima nave che trasporterà aiuti a Gaza via mare

Secondo Pechino, “molte difficoltà” impediscono i colloqui

A “molte difficoltà” L’inviato cinese in Ucraina ha dichiarato venerdì di aver impedito a Russia e Ucraina di avviare colloqui di pace ed è tornato a Pechino dopo aver girato l’Europa.

Tutte le parti sostengono una soluzione politica. Li Hui, il cui tour lo ha portato in particolare a Kiev e Mosca, lo ha assicurato. “Le diverse parti stanno attualmente affrontando molte difficoltà per sedersi (allo stesso tavolo) e impegnarsi nelle discussioni”.Ha detto ai giornalisti, aggiungendo che “Le due parti non hanno chiuso completamente la porta ai colloqui di pace”.

Li Hui ha anche denunciato il ruolo degli aiuti militari occidentali all’Ucraina in questa guerra. “Se vogliamo davvero fermare la guerra, salvare vite umane e raggiungere la pace, non dovremmo inviare armi sul campo di battaglia”.ha detto.