Maggio 26, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Coppa del mondo di rugby 2023 – XV francese – William Servat: “Non possiamo mantenere lo stesso livello di tensione per tutta la competizione”

Coppa del mondo di rugby 2023 – XV francese – William Servat: “Non possiamo mantenere lo stesso livello di tensione per tutta la competizione”

Inviato davanti ai microfoni per discutere della rimonta dei dirigenti contro la Namibia, l’ideatore del rally francese ha parlato delle difficoltà incontrate dal XV francese contro l’Uruguay, insistendo però sulla necessità di rafforzarsi rapidamente.

Come hai vissuto questa partita “fallita” contro l’Uruguay?

Prima di tutto, vorrei esprimere qui tutto il mio rispetto per la squadra uruguaiana. Poi bisogna ammettere che, che ci piaccia o no, abbiamo vecchi resti di giocatori francesi. Abbiamo giocatori di talento, capaci di vincere la partita d’esordio dei Mondiali contro la Nuova Zelanda, e hanno preparato l’Uruguay in un modo leggermente diverso. È come nella boxe: a volte affrontiamo avversari coraggiosi, che riescono a lottare anche se noi siamo più forti, ma meno concentrati… ed è quello che è successo contro l’Uruguay. Ovviamente non abbiamo ancora messo insieme il nostro gioco, ma è quasi una buona cosa. Siamo latini, ma conosciamo la qualità dei nostri giocatori. Sappiamo dove siamo e teniamo presente che due vittorie nelle prossime partite ci permetteranno di costruire il Mondiale come vogliamo.

Leggi anche:
Coppa del mondo di rugby 2023 – Podcast. Gallo dei Corvi (14/09): Speciale Francia – Uruguay

Pensavamo che questa squadra non avrebbe vissuto gli stessi alti e bassi dei suoi predecessori…

Ricordo una delle partite d’esordio del Mondiale che non andò bene… Forse c’era una sorta di soddisfazione dopo aver gestito bene quella partita, è semplicemente umanità. L’Uruguay ha messo ordine nei nostri pensieri riguardo alla lotta, che è la base per fare grandi cose. Il rugby rimane uno sport di squadra e, quando portiamo questa filosofia, possiamo fare grandi cose. Lo abbiamo rivisto con l’Uruguay. Ma oggi vogliamo andare avanti.

READ  Top 14 - Racing Gauge 92 - La Rochelle: Gael Fico spara forte, colpa di Teddy Thomas

Le tue difficoltà di difesa ti preoccupano?

I preparativi sono ottimizzati fino all’ultimo minuto. Ci siamo concentrati su settori diversi dalla difesa e le squadre ci hanno analizzato bene. Inoltre penso che la Nuova Zelanda non sia poi così male in attacco… Questa squadra ha trovato le chiavi ma non c’è pericolo in questo. Da quattro anni abbiamo la certezza del nostro business.

Difesa a parte, il contenuto è molto scarso, con momenti di gioco difficili da mettere insieme…

Vogliamo creare più giochi. Non molto tempo fa, dopo gli esami di novembre 2022, ci ho trovato molto restrittivi. Oggi siamo giudicati da altri settori. Abbiamo cercato di sviluppare il nostro gioco in modo da essere pronti quando si avvicinano i big match. La Namibia sarà per noi una fase di transizione nella costruzione. Dobbiamo assicurarci di essere quanto più preparati possibile per affrontare l’Italia e negoziare bene le prossime partite.

Quanto ha influito la partita contro l’Uruguay sulla rosa della Nazionale namibiana, alla luce del grande ritorno degli allenatori?

Discutiamo quotidianamente la letteratura per cercare di essere saggi e giusti nelle nostre scelte. Non si parla mai della formazione di una partita prima di giocare quella successiva, forse per superstizione. Ma per questa opzione le scelte sono state fatte rapidamente. Abbiamo un desiderio comune di conquistare il potere.

Ho menzionato l’aspetto “latino” della musica blues nel preambolo. Dobbiamo preoccuparci?

Quando giochiamo, tendiamo sempre a ricordare solo i ricordi più belli. Lo dico a volte sorridendo ai giocatori: sono uno di quelli che hanno perso contro l’Italia con la Nazionale francese, in un momento in cui questa squadra era lontana dal suo livello attuale. Semplicemente perché abbiamo fatto dei riunioni pre-partita e in quel momento non ci siamo preparati al meglio. Per quanto riguarda l’Uruguay, penso che abbiamo preparato questa partita nel modo giusto, ma è normale e umano che i giocatori riposino. Quando passi settimane, mesi o addirittura anni a prepararti per una partita, è difficile passare a quella successiva. Non credo che possiamo mantenere lo stesso livello di tensione durante tutta la competizione se vogliamo che loro superino se stessi in un dato momento.

READ  Mercato – Paris Saint-Germain: ecco i prossimi fenomeni del Paris Saint-Germain