Ottobre 25, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Considerazioni pratiche per la vaccinazione contro il Covid-19

Inoltre, di fronte a questa preoccupazione generale, come può il comportamento pratico che ciascuno dovrebbe adottare?

Obiezioni al vaccino

Ci sono una serie di obiezioni che si oppongono ai vaccini contro il Covid-19 sotto diverse rubriche: scientifiche, mediche, politiche e sociali.

Alcuni vaccini, in particolare quelli preparati utilizzando la cosiddetta tecnologia mRNA, sono criticati per non soddisfare alcuni dei consueti criteri scientifici in questo campo: tempi di sviluppo troppo brevi, commercializzazione rapida, fasi cliniche insufficienti di test, abbandono di vari effetti collaterali, ecc. . Ciò non manca di suscitare una certa confusione sulla serietà con cui questo aspetto della scienza viene preso.

Notiamo anche che gli effetti collaterali negativi, in un modo o nell’altro gravi, non sono sufficientemente presi in considerazione o mal valutati, o addirittura mascherati; Temiamo però che le conseguenze sconosciute della vaccinazione rappresentino un grande pericolo, più di quanto si voglia dire; Alcuni laboratori che producono il vaccino sono stati anche in grado di identificare le carenze di altri produttori… Poiché la salute è diventata una priorità nel nostro mondo, questi elementi preoccupano naturalmente anche i candidati al vaccino.

Anche la volontà politica dietro le campagne di vaccinazione è stata criticata. Un vaccino è visto come un passo verso il dominio del mondo di forze più o meno invisibili. Anche l’obbligo di questa vaccinazione, che in alcuni Paesi è vincolante per alcune categorie di individui, è stato denunciato come violazione della libertà individuale. Ciò solleva timori diffusi e infondati.

Infine, sono state rilevate anche le conseguenze sociali di questa situazione, con la creazione di una “tessera sanitaria” in tutto il mondo, per vari motivi che ruotano attorno alla libertà individuale, sociale o religiosa. C’è chi, giustamente, fa notare che la vaccinazione deve essere volontaria e che non può essere applicata in maniera occulta isolando chi la rifiuta. I vari mezzi di pressione che sono stati utilizzati per spingere le persone verso questa soluzione portano al crescente e comprensibile malcontento di un gran numero.

READ  Sudbury Farmer's Market si trasferisce a Science North per l'inverno

La vaccinazione: un atto di discernimento

Queste obiezioni sollevate sono sufficienti per condannare? a priori La persona che acconsente alla vaccinazione?

Va ricordato qui che, come ogni azione umana concreta, la vaccinazione è una questione di prudenza personale, e anche familiare, se si tratta di bambini. Cioè, spetta a ciascun individuo prendere questa decisione, secondo le luci assegnategli e le circostanze esatte in cui si trova.

In effetti, qualsiasi azione umana richiede la considerazione dell’oggetto morale, dello scopo e delle circostanze, in particolare del tempo, del luogo e dei mezzi. Inevitabilmente, però, queste condizioni variano infinitamente secondo gli atteggiamenti umani: e così ogni persona è soggetta a decidere da sé, secondo le circostanze in cui si trova, e misurando dal suo punto di vista i potenziali pericoli che il suo lavoro presenta e quelli intorno a lui.

Certo, è encomiabile farsi consigliare, farsi aiutare a decidere la migliore composizione da adottare, ma alla fine è l’interessato che può scegliere la migliore e prendere la sua decisione, perché conosce le sue necessità e necessità. . Possiamo avere più o meno abilità nel gestire le nostre vite, ma la saggezza di prendere decisioni dipende da noi.

Facciamo un esempio: i diversi tipi di assicurazione a cui dobbiamo o possiamo essere soggetti; Alcuni sono obbligatori, altri sono volontari, come ad esempio l’assicurazione in caso di morte e invalidità, e spetta a tutti decidere se sottoscrivere o meno questa assicurazione. Un altro esempio di fumatore: il fumo è una questione compensativa personale, e spetta a ciascuno contrarre o non praticare tale abitudine, tenendo conto dei rischi a cui è esposto.

Può capitare che alcune decisioni non siano le migliori: meno buone, non sono necessariamente cattive, e quindi vanno rispettate. A volte vediamo anche persone che si comportano in modi che pensiamo siano davvero avventati, e può benissimo essere che abbiamo ragione. Dopo aver provato di tutto per illuminare queste persone, è consigliabile annullare alla fine la scelta che fanno: a volte capita che gli errori siano utili, essendo un’opportunità per qualcuno di correggersi e avanzare.

READ  Cinque film di fantascienza da guardare in streaming in questo momento

Questo è solo un promemoria degli elementi che si applicano a tutta la morale.

Da queste considerazioni consegue che, per quanto ci riguarda, spetta a ciascuno decidere, secondo la propria prudenza, se farsi o meno vaccinare. Dopo aver investigato, considerato o anche consultato persone qualificate per valutare le suddette obiezioni, ognuno può prendere la propria decisione liberamente, secondo la propria conoscenza e apprezzamento delle circostanze. È innaturale dettare a una persona il suo comportamento in questo caso, così come si vuole costringerlo in materia di assicurazioni, tabacco e dieta.

Considerazioni aggiuntive

Infine, potrebbe esserci una necessità abbastanza forte che ci costringe a vaccinare.

E quindi, se non è più possibile avvicinare i morenti per elargire loro segreti, se non la vaccinazione, dobbiamo preferire la salvezza del prossimo alla nostra salute o alla nostra pace. Questo vale anche per tutti i ricercati ingiustizia – Secondo il dovere dello stato – per fornire la salvezza al loro prossimo.

Lo stesso ragionamento vale per il conseguimento del bene comune temporale o sociale: il soldato che sacrifica la propria vita per la patria è tenuto al dovere, e il medico è obbligato per legge naturale a curare i propri malati o a dimettersi: tale dovere da difendere la sua patria o il trattamento dei suoi pazienti possono richiedere l’adozione dei mezzi necessari per realizzarlo.

Un’altra necessità nasce da BeneficenzaA volte chiede che si facciano sacrifici per assicurare la salvezza o il bene del prossimo: essa non ha la stessa forza di necessità della giustizia, ma esiste e riguarda ogni uomo verso il prossimo. Tuttavia, per la necessità di far circolare una dichiarazione sanitaria, può capitare che l’obbligo di adempiere al dovere di filantropia ci spinga ad acconsentire alla vaccinazione.

READ  Alcune condizioni gravitazionali consentono il passaggio di un wormhole

È vero che si possono trovare offensive le condizioni attuali, così come la pressione esercitata per imporre la vaccinazione. Anche la paura di essere guardati troppo non è un’invenzione della mente. Ma comprendiamo che accettiamo la sottomissione a molte pressioni e limitazioni per ragioni di giustizia, carità, bene comune o bene spirituale.

Così, sappiamo che il solo utilizzo di uno smartphone, di una carta di credito, di navigare in Internet o persino di guidare un’auto ci mette quasi sempre sotto la vigilanza dello stato. Alcuni lo evitano rinunciando all’uso di questi mezzi elettronici. Ma altri, o non hanno scelta a causa della loro professione, o accettano questa limitazione nella speranza di raccogliere il bene da raggiungere.

Dobbiamo quindi concludere che il fatto di acconsentire alla vaccinazione contro il Covid-19 può talvolta costituire un atto eminentemente saggio, nel senso morale del termine. E che spetta a ciascuno scegliere se compiere o meno questo atto, secondo le proprie circostanze, dopo aver ricevuto informazioni o consigli da persone competenti nel proprio campo.