Maggio 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Comptoir des Cotonniers e Princesse Tam-Tam in subbuglio: 55 negozi minacciati di chiusura

Comptoir des Cotonniers e Princesse Tam-Tam in subbuglio: 55 negozi minacciati di chiusura

Un altro successo per i marchi di prêt-à-porter francesi.

Continuano le difficoltà tra i marchi francesi di prêt-à-porter. Due big della moda francese: Comptoir des Cotonniers e Princesse Tam-Tam sono in fermento. Dopo Camaïeu, Kookaï, Pimkie e San Marina, due nuovi marchi sono in pericolo.

Fast Retailing France Group, affiliato al colosso giapponese alla guida di Uniqlo, ha annunciato che sta valutando la possibilità di chiudere 55 negozi dei marchi di abbigliamento Comptoir des Cotonniers e Princesse Tam-Tam su 136 in Francia, oltre a cancellare 304 posizioni , rapporti il mondo. Lo ha annunciato la società “Progetto di riforma della strategia distributiva” Basato su Riorganizzazione della rete di punti vendita Alla fine di maggio per i rappresentanti del personale.

Leggi anche:
Economia: dopo Camaïeu e Go Sport, i negozi Gap dichiareranno bancarotta

Leggi anche:
Dopo Camaieu, i marchi Go sport e Kookai sono stati posti in amministrazione controllata

ripete contatore di cotone, Il progetto prevede la chiusura 28 punti vendita su 67 attualmente operativi in ​​Francia, 101 contratti a tempo indeterminato su 272 annullati. Versare Princess Tamtam, 27 punti vendita su 69 sono destinati a chiudere, così come 84 su 235 contratti a tempo indeterminato. A ciò si aggiunge l’abolizione di 119 posizioni nel Fast Retailing France “Per adeguare la forza lavoro per riorganizzare la rete distributiva ma anche per ridurne le grandi dimensioni”giustifica la società.

Leggi anche:
Economia: Dopo Camaïeu, la fine di San Marina è messa in liquidazione coatta

Le prospettive sono piuttosto cupe per questi due marchi che hanno riscosso un enorme successo negli anni ’90 e 2000. Il gruppo giapponese spiega queste decisioni volendo “Continuare ad adattare Fast Retailing France ai cambiamenti del mercato dell’abbigliamento ed eliminare le gravi difficoltà incontrate dall’azienda e dalle sue filiali al fine di garantirne la sostenibilità”. E la banda continua: “La situazione odierna è tale che Fast Retailing France non può più continuare senza rischiare il suo futuro e quello dei suoi marchi. Tanto più che non si percepisce una reale ripresa”..