Giugno 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Come la Stazione Spaziale Internazionale è diventata l’ultimo spazio di intesa con la Russia dopo la guerra in Ucraina

Come la Stazione Spaziale Internazionale è diventata l’ultimo spazio di intesa con la Russia dopo la guerra in Ucraina

Nonostante alcuni intoppi all’inizio del conflitto, la cooperazione tra Roscosmos e le agenzie spaziali occidentali continua contro ogni previsione.

L’equipaggio internazionale della missione Soyuz MS-24 decollata da Baikonur (Kazakistan) venerdì 15 settembre ha partecipato alla tradizionale foto pre-missione. Sullo sfondo si trova la bandiera stellata accanto al tricolore russo. In prima fila, l’ingegnere americano Loral O’Hara, il comandante russo Oleg Kononico e l’ingegnere aeronautico russo Nikolai Chub stanno fianco a fianco, tutti sorridenti, indossando tute spaziali.

>> Guerra in Ucraina: segui le ultime notizie nella nostra trasmissione in diretta

Questa cordiale intesa è in contrasto con le gelide relazioni diplomatiche tra Mosca e Washington dall’inizio dell’invasione russa in Ucraina il 24 febbraio 2022. Nonostante le controversie territoriali tra occidentali e russi, la Stazione Spaziale Internazionale rimane uno dei rari argomenti di intesa . Tra le due forze.

Dopo diciotto mesi di sanzioni internazionali, e nonostante l’abbandono o la sospensione di gran parte dei programmi previsti tra l’Agenzia spaziale russa, Roscosmos e le potenze spaziali occidentali, la partecipazione della Russia allo sfruttamento della Stazione Spaziale Internazionale sembra assicurata. Questa partnership È stato “Progettato su solide basi”Lo afferma il ricercatore Paul Forer, specializzato in questioni spaziali presso l’Istituto francese per le relazioni internazionali (IFRI).

Le tensioni si sono allentate

La guerra ebbe effetti quasi immediati tra Mosca e le agenzie spaziali occidentali sulla cooperazione in corso. Il 27 febbraio 2022, pochi giorni dopo l’adozione della prima serie di sanzioni da parte dell’Unione Europea contro la Russia, Roscosmos ha deciso di boicottare i lanci di razzi Soyuz da Kourou per mettere in orbita i satelliti europei. In risposta, l’Agenzia spaziale europea (ESA) ha sospeso la missione ExoMars con l’Agenzia spaziale russa, posticipando la partenza prevista della navicella spaziale europea per il Pianeta Rosso nel settembre 2022 all’ottobre 2028.

READ  Il Kenwood Pastry Robot è in una pazza promozione su Amazon, quindi approfittane!

Nonostante queste tensioni, esiste una cooperazione russo-occidentale sulla Stazione Spaziale Internazionale “Continua come al solito”“, spiega Paul Wuhrer. Nel luglio 2022, gli Stati Uniti e la Russia hanno annunciato la ripresa dei voli congiunti verso la Stazione Spaziale Internazionale e il mantenimento del programma di scambio di astronauti tra i due paesi. Gli astronauti americani e russi furono trasportati dai razzi Soyuz nelle capsule americane Space X.

Nel dicembre 2022, dopo una fuga accidentale da una nave attraccata alla Stazione Spaziale Internazionale, Yuri Borisov, capo di Roscosmos, ha chiesto ai russi a bordo della Stazione Spaziale Internazionale di passare “Ciao a tutta la squadra americana!” Chi ha aiutato gli astronauti a risolvere questo problema. “Hanno agito in modo molto gentile in questa situazione e ci hanno contattato per aiutarci.”-Hai annunciato?

La stazione era sempre lontana “Problemi geopolitici della Terra”“, osserva Paul Wuhrer. Già nel 2014, “Durante l’annessione della Crimea e le prime sanzioni contro la Russia, questa cooperazione è stata mantenuta”.Lo conferma la geografa Isabelle Surbes-Vergé, direttrice della ricerca presso il Centro nazionale per la ricerca scientifica e specialista in politica spaziale.

Una stazione progettata per la collaborazione

Non c’è dubbio che questa armonia spaziale tra russi e occidentali sia spiegata dalla storia unica della Stazione Spaziale Internazionale. La stazione orbitale, in orbita dal novembre 1998, rappresenta un modello unico di cooperazione internazionale. Progettato come laboratorio scientifico e tecnologico, è stato costruito con spirito di intesa da una quindicina di paesi tra cui undici paesi europei, Canada, Giappone, Stati Uniti e Russia. Si sono già susseguiti più di 250 astronauti provenienti da 19 paesiPer realizzare migliaia di nuovi esperimenti scientifici.

READ  Starfield: Report, Xbox esclusa, storia d'amore, gameplay... Todd Howard mostra i dettagli | Xbox One

la firma “Una riunione tra i nemici di ieri” Negli anni ’90, la Stazione Spaziale Internazionale è stata progettata per essere una stazione interconnessa che faceva affidamento sul contributo di tutti i paesi coinvolti. Ogni forza spaziale porta la propria unità o equipaggiamento pressurizzato. Di conseguenza, nessuna agenzia ha la capacità di agire indipendentemente dalle altre agenzie. Se i russi decidessero di ritirarsi e di rinunciare al loro equipaggiamento, “IO “Sarà molto complicato per gli europei, gli americani e gli altri partner gestire la Stazione Spaziale Internazionale.”Paul Wührer spiega.

Come accennato BBCUnità Zvezeda del settore I russi assicurano che la stazione venga spinta e riportata nell’orbita della Stazione Spaziale Internazionale per evitare che entri in collisione con la Terra. Se questa capacità di pagamento viene sospesa, “Gli Stati Uniti e i loro partner – Europa, Giappone e Canada – dovranno escogitare periodicamente altri modi per far avanzare la stazione”.“, specifica Paul Wuhrer. Lo scorso marzo la Russia ha minacciato di fermare queste manovre. Per la prima volta a giugno, una nave mercantile non russa appartenente all’azienda industriale Northrop Grumman ha corretto e alzato l’orbita della Stazione Spaziale Internazionale di alcune centinaia di volte metri.

La Stazione Spaziale Internazionale è destinata a scomparire

Se gli occidentali non possono fare a meno dei russi, Mosca versa in uno stato di estrema tensione Sulle sue intenzioni. Nel luglio 2022, il nuovo direttore generale di Roscomos, Yuri Borisov, ha annunciato durante un incontro televisivo con il presidente russo Vladimir Putin, il ritiro della Russia dalla Stazione Spaziale Internazionale. “Dopo il 2024” E costruire un “Stazione orbitale russa”. Infine, nell’aprile 2023, la Russia ha rinviato questo ritiro. Durante un nuovo incontro televisivo con il presidente Vladimir Putin, il capo dell’Agenzia spaziale russa ha esteso il segmento russo fino al 2028.

READ  Ubisoft - News annuncia ufficialmente Assassin's Creed Mirage

Nel frattempo, l’amministratore della NASA Bill Nelson, in un’intervista a Reuters, ha chiesto il mantenimento di questa cooperazione russo-occidentale. “Fino alla fine del contratto”. Lo hanno annunciato gli Stati Uniti, il Giappone e l’Agenzia spaziale europea Allungare la vita della Stazione Spaziale Internazionale fino al 2030. Dopo aver operato per più di 20 anni, la ISS verrà gradualmente espulsa dalla sua orbita nell’atmosfera terrestre.

Fino ad allora, la Russia deve iniziare la costruzione della futura stazione orbitale russa, chiamata ROS. “Il tempo vola e in nessuna circostanza dovremmo prenderci una pausa dagli astronauti con equipaggio”.Yuri Borisov ha detto. Considerata la nuova priorità spaziale del Cremlino, questa stazione orbitale rappresenta un cambiamento nella politica spaziale russa dopo diversi decenni di cooperazione internazionale. Per Paul Wuhrer la decisione sarà ribaltata “Tensioni geopolitiche” terrestre.