Maggio 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Ci sono ancora “motivi di preoccupazione”, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che mantiene i massimi livelli di allerta sanitaria

Ci sono ancora “motivi di preoccupazione”, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che mantiene i massimi livelli di allerta sanitaria

Inserito martedì 1 novembre 2022 – 18:03

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha deciso di mantenere la massima preparazione sanitaria per il vaiolo delle scimmie, secondo un comunicato stampa dell’organizzazione pubblicato martedì 1 novembre.

un Diminuzione significativa dei casi Si osserva nei paesi più colpiti in Europa e in America. Nonostante questo miglioramento, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha deciso Mantieni la massima allerta sul vaiolo delle scimmie, secondo un comunicato stampa dell’organizzazione pubblicato martedì 1 novembre.

Il comitato di emergenza dell’OMS ha deciso che, nonostante i progressi nel controllo dell’epidemia di malattia virale, Ci sono ancora “motivi di preoccupazione”, In particolare a causa di nuovi contagi in alcuni paesi, ma anche per la mancanza di risorse nei paesi poveri o rischio di stigmatizzazione delle popolazioni a rischio, Ciò conferma il comunicato stampa del gruppo di esperti riunitosi lo scorso 20 ottobre. Emergenza sanitaria di rilevanza internazionale – Il più alto livello di preparazione sanitaria dell’OMS – annunciato il 23 luglio dal Direttore Generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus.

La malattia – che è endemica in alcuni paesi dell’Africa occidentale – è una delle sue caratteristiche eruzione cutanea che possono comparire sui genitali o in bocca e possono essere accompagnati da attacchi di febbre, mal di gola o dolore ai linfonodi. Da maggio, le autorità sanitarie hanno rilevato focolai in Europa e negli Stati Uniti. Nella maggior parte dei casi, le persone infette fino ad oggi sono stati uomini relativamente giovani che hanno rapporti sessuali con uomini.

58 paesi non hanno segnalato un caso in 21 giorni

READ  Perché mangiare i vermi fa bene a te e al pianeta

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha messo in guardia fin dall’inizio Contro ogni macchia comunità specifica, pur sottolineando che la trasmissione dell’infezione non era limitata agli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini. Diverse donne e bambini (al di fuori dell’area endemica) si ammalarono. Grazie alla mobilitazione e alle campagne di sensibilizzazione delle organizzazioni per i diritti LGBT, gli ostelli sono stati ridimensionati. Al 31 ottobre, 77.264 casi sono stati registrati in 103 paesi e la malattia ha causato 36 vittime, secondo il dashboard dell’OMS.

Nella settimana dal 24 al 30 ottobre, Il numero di casi nel mondo è diminuito del 40,7%. La maggior parte delle nuove infezioni nell’ultimo mese si è verificata nelle Americhe (88,7%) e nella regione europea dell’OMS, che comprende 53 paesi (7,7%). I 10 paesi più colpiti sono Stati Uniti, Brasile, Spagna, Francia, Regno Unito, Germania, Colombia, Perù, Messico e Canada. Da soli rappresentano l’86,4% di tutti i casi elencati nel mondo.

Nella settimana dal 24 al 30 ottobre, nigeriano L’aumento maggiore è stato registrato tra i 15 paesi che hanno visto l’aumento dei casi. in contrasto, 58 paesi non hanno segnalato alcun caso per 21 giorni, Che corrisponde al periodo massimo di incubazione della malattia durante il quale il portatore non mostra nessuno dei sintomi molto caratteristici della malattia.