Maggio 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Christine Lagarde conferma che la prossima variazione dei tassi di interesse nell'Eurozona sarà in calo

Christine Lagarde conferma che la prossima variazione dei tassi di interesse nell'Eurozona sarà in calo

Mentre l’economia europea è impantanata nella recessione, è stato confermato lo scenario di un taglio dei tassi di interesse chiave, che probabilmente rilancerà la crescita dell’attività. Dopo una settimana in cui i tassi di interesse sono stati nuovamente invariati, la presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha confermato martedì alla CNN che il prossimo cambiamento dei tassi di interesse sarà un taglio.

“Potrebbero esserci diverse pause, ma la prossima mossa sarà verso il basso”, ha detto, spiegando che i membri del Consiglio direttivo della Bce erano sulla stessa linea.

« Se dovessimo scegliere tra aumento e riduzione, sarebbe la riduzione“H”, ha aggiunto.

Frode: sequestri di banconote false da 20 e 50 euro in aumento, afferma la Banca Centrale Europea

Bassa inflazione

Si ricorda che, dopo 10 aumenti consecutivi volti a rallentare l’inflazione cresciuta dopo l’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina nel febbraio 2022, la Banca Centrale Europea ha effettuato tre pause successive riguardo alla variazione del tasso di interesse di riferimento, che è attualmente a un livello record livello del 4%. È arrivata dopo il califfato. La pausa è giustificata dal rallentamento dell'inflazione che si sta gradualmente avvicinando al target del 2%, sinonimo di stabilità dei prezzi. Dal 10% dell'anno scorso, da allora gli aumenti dei prezzi sono notevolmente rallentati. A dicembre il tasso era solo del 2,9%. ” Siamo in un trend deflazionistico, su questo non ci sono dubbi “, secondo le stime di Christine Lagarde, Ma dobbiamo affrontare questo processo per ottenere fiducia ».
In un'intervista rilasciata domenica al quotidiano La Tribune, il governatore della Banca di Francia Villeroy de Galhau ha stimato che l'inflazione dovrebbe ritornare al 2% al più tardi l'anno prossimo.

READ  L'Europa dovrebbe essere in rosso in vista di una settimana intensa (Aggiornato) - 29/01/2024 alle 08:34

“L’inflazione tornerà al 2% al più tardi entro un anno.” (François Villeroy de Galhau, governatore della Banca di Francia)

Gli investitori si aspettano un calo ad aprile

Il programma resta da definire. Se Christine Lagarde recentemente menzionasse la possibilità di tagli dei tassi di interesse” Intorno a giugno “E molti analisti si affidano” Aprile ».

“Investitori” Interpretare la mancanza di una forte opposizione alle proposte di taglio dei tassi di interesse a partire da aprile come un segnale » Ciò rafforza le aspettative di una prima riduzione in aprile, precisa Patrick Munelli, analista di Tickmill. È un punto condiviso dall'analista della MUFG Lee Hardman. Interpretazioni supportate dalle parole di Pietro Casimiro. Da parte sua, un membro del Consiglio direttivo della Banca centrale europea ha parlato lunedì di un primo taglio dei tassi entro aprile o giugno, anche se, secondo quanto riferito da Bloomberg, ciò avverrà probabilmente a giugno.

Recessione economica

La pressione sulla BCE sta aumentando poiché l’economia europea è sfuggita per un pelo alla recessione di fine anno e ha registrato una crescita magra dello 0,5% nell’intero 2023, ben lontano dalla buona salute mostrata dall’economia statunitense. Tra le ragioni addotte dagli analisti sono stati particolarmente evidenziati gli alti tassi di interesse imposti dalla Banca Centrale Europea. La contrazione del credito sta colpendo gli investimenti e i consumi sia delle imprese che delle famiglie, mentre le esportazioni soffrono di un rallentamento della domanda globale.

L’Europa impallidisce rispetto agli Stati Uniti, il cui PIL è cresciuto del 2,5% nel 2023. Dall’altra parte dell’Atlantico si pone anche la questione dei tassi di interesse più bassi. Questo sarà il fulcro dell’incontro monetario che si concluderà mercoledì, dopo gli ultimi dati migliori del previsto sull’inflazione e sulla crescita degli Stati Uniti. Dopo aver alzato i tassi di interesse 11 volte tra marzo 2022 e luglio 2023 a fronte dell’inflazione, facendoli aumentare di 5 punti fino a un intervallo compreso tra 5,25 e 5,50%, la Fed sta valutando la possibilità di abbassarli “in futuro”. I suoi funzionari hanno dichiarato a dicembre di aspettarsi tre o quattro cali quest'anno, ma senza specificare quando potrebbero iniziare. Già a marzo alcuni si avventurano fuori. Piuttosto, a maggio per la maggior parte degli operatori del mercato, secondo la valutazione del Gruppo CME. Perché i dati sull'inflazione delle spese per consumi personali, una misura favorita dalla Fed che vuole ridurre al 2%, sono stati pubblicati la settimana scorsa, e hanno portato un pizzico di ottimismo. L’inflazione core – che esclude energia e cibo – è al livello più basso in quasi tre anni, al 2,9%. Ciò significa che l’obiettivo del 2% potrebbe essere raggiunto presto.

READ  Florence Parly pressentie à la tête du conseil d'administration d'Air France-KLM

Biden è sotto pressione

Perché proprio oggi è iniziata la pressione politica: il presidente americano Joe Biden ha ceduto il potere economico a favore di un gruppo di principi, mentre il presidente della Repubblica d'America, figlio del presidente Donald Trump, ha assegnato una quota di potere al paese. . Nei sondaggi d’opinione, la maggioranza degli americani è insoddisfatta dello stato dell’economia e del modo in cui Joe Biden la sta gestendo, nonostante gli ottimi numeri sulla disoccupazione, ai livelli più bassi dalla pandemia, e la crescita, lontana dalle aspettative a lungo attese. recessione. Il tasso di disoccupazione rimane al livello più basso degli ultimi 50 anni, al 3,7% a dicembre. Ma l’aumento dei tassi di interesse ha aumentato i costi dei prestiti, in particolare quelli immobiliari, mentre l’inflazione ha eroso il potere d’acquisto delle famiglie, anche se i salari sono complessivamente aumentati.