Marzo 1, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Chi sono i principali candidati alle elezioni che vincerà Vladimir Putin?

Chi sono i principali candidati alle elezioni che vincerà Vladimir Putin?

Nel pieno della guerra in Ucraina, iniziata da Mosca due anni fa, gli elettori russi dovranno decidere il nome del prossimo presidente, da venerdì 15 marzo a domenica 17 marzo. Il risultato del voto non è più in dubbio ed è già stato confermato che Vladimir Putin si candiderà per un quinto mandato. Otto candidati erano in lizza alle ultime elezioni, nel 2018, anno in cui l’inquilino del Cremlino vinse con ampio margine, molto davanti al candidato comunista (11,8%). Anche questa volta l’opposizione regolare tollerata dal Cremlino dovrebbe condividere pochi voti, senza troppe ambizioni.

Cinque partiti possono presentare i loro candidati, senza dover presentare le firme dei cittadini sostenitori (Russia Unita, Partito Liberal Democratico, Partito Comunista, Partito Nuovo Popolare, Russia Giusta). Per quanto riguarda le figure politiche investite da altri partiti, per presentarsi devono raccogliere tra le 100.000 e le 105.000 firme di cittadini. Questo è stato il caso del liberale Boris Nadezhdin (Iniziativa Civica), la cui nomina è stata infine respinta. Infine, gli “indipendenti” hanno dovuto raccogliere trecentomila garanzie: è il caso di Vladimir Putin. Vi presentiamo i quattro principali candidati, la cui autenticità è stata verificata dalla Commissione elettorale russa.

Vladimir Putin (candidato indipendente)

Vladimir Putin, il 23 gennaio 2024 a Mosca (Russia), durante un forum dedicato ai valori della famiglia.  (Sergej Karpukhin/AFP)

Raccogliere più di 300mila firme era una formalità per l'inquilino del Cremlino. La sua squadra sostiene che il presidente ha raccolto dieci volte tanto, anche se i punti di raccolta installati qua e là nei luoghi pubblici sembrano spesso vuoti. Vladimir Putin, 71 anni, dovrebbe facilmente ottenere un nuovo mandato di sei anni, che gli permetterebbe di rimanere al Cremlino fino al 2030 (o fino al 2036 se sarà ancora candidato la prossima volta). Il leader è stato eletto con il 76,7% dei voti nel 2018 e dovrà ricoprirlo nuovamente.

Leonid Slutsky (Partito Liberal Democratico)

Leonid Slutsky, leader del Partito Liberal Democratico russo, durante una conferenza stampa il 19 dicembre 2023 a Mosca (Russia).  (Natalia Kolesnikova/AFP)

Alla guida del Partito liberale democratico russo (LPDR), un partito nazionalista e conservatore, Leonid Slutsky, 56 anni, conduce una campagna sul tema delle piccole imprese, della proprietà e degli standard. Non incolpa affatto il presidente, anzi. “Sogno la vittoria della nostra operazione militare [en Ukraine]“Non è una vittoria su Putin.”Lo ha detto alla fine dello scorso dicembre, secondo quanto riportato dall'Agence France-Presse RIA Novosti.

“Il nostro compito è garantire che l’elezione del capo dello Stato sia quanto più legittima possibile”., ha riassunto francamente il deputato LPDR Sergei Leonov, che assume volentieri il ruolo di contraltare al suo candidato. Comunque, “Tutti quelli attualmente registrati supportano [Vladimir] Putin in un modo o nell'altro.”è stato riconosciuto a fine gennaio anche come candidato assistente per i web media videospoco.

“Vladimir Putin è il politico più influente del pianeta.”

Leonid Slutsky, candidato presidenziale LPDR

RIA Novosti

Pertanto, il compito di Leonid Slutsky è quello di suscitare l'interesse del pubblico per queste elezioni, aumentando il numero dei viaggi. L'LDP punta anche ad occupare il secondo posto, posizione tradizionalmente riservata al Partito Comunista. I media indipendenti di lingua russa hanno scritto che anche il Cremlino potrebbe vedere la cosa in modo positivo MedusaCitando fonti nei dipartimenti regionali e all'interno della LPDR. Ma il rappresentante viene da lontano. Secondo il Centro per la ricerca sull'opinione pubblica, solo il 18% degli intervistati si fida di lui, rispetto all'80% che si fida di Vladimir Putin. Feto.

Nel tentativo di farsi un nome, ha fatto commenti oltraggiosi sulle notizie di attualità. Dopo lo scandalo provocato da una serata con abiti succinti, Leonid Slutsky propose privatamente di privare gli artisti dei loro titoli onorifici se si fossero comportati male. “inaccettabile”. Il politico è stato anche accusato di molestie sessuali da diverse giornaliste (BBC, RTVI, Dojd, ecc.), ma non è mai stato punito dal Comitato etico della Duma.

Nikolai Kharitonov (Partito Comunista)

Nikolai Kharitonov, candidato presidenziale comunista, mostra alle telecamere il suo certificato di registrazione per votare, 9 gennaio 2024 a Mosca (Russia).  (Natalia Kolesnikova/AFP)

Nikolai Kharitonov, 75 anni, è stato scelto per difendere la tradizionale nomina del Partito comunista. Poiché si tratta di un partito parlamentare, questo politico veterano è stato esentato dalla raccolta delle firme. Si era già candidato vent'anni fa, nel 2004 (13,8%), per poi lasciare il posto a Gennady Zyuganov.

Questo ex agronomo ha gestito per più di vent'anni una fattoria collettiva nella regione di Novosibirsk, prima di co-creare il Partito Agrario e poi unirsi al Partito Comunista. Nikolai Kharitonov ha anche raggiunto il grado di colonnello nel Servizio di sicurezza federale negli anni 2000, e uno dei suoi nipoti è morto in combattimento in Ucraina lo scorso luglio.

In particolare, ha proposto la nazionalizzazione e misure per incoraggiare l'industria. Questa nomina poco brillante non ha molta importanza, perché il Partito Comunista di fatto sostiene le politiche del Cremlino. È difficile credere al successo della sua campagna elettorale, anche se si chiamava “Vittoria”. “Non escludo che lui stesso possa fare campagna per Vladimir Putin man mano che la campagna avanza”.secondo le stime di un analista russo Dal quotidiano Novosibirsk. “Non posso dire di essere migliore di Putin.”Lo affermava l'interessato alla fine dello scorso dicembre, secondo I media russi Sota Vision. In ogni caso, il compito di Nikolai Kharitonov si limita a conquistare il secondo posto. La missione sta diventando più delicata poiché il Cremlino sembra essere alla ricerca di un nuovo operatore elettorale.

Vladislav Davankov (Nuove persone)

Vladislav Davankov, leader del Nuovo Partito Popolare, parla ai giornalisti dopo essersi registrato come candidato per le elezioni presidenziali russe, il 5 gennaio 2024 a Mosca.  (Olga Maltseva/AFP)

Vladislav Davankov, 39 anni, è il candidato più giovane. Il suo partito, New People, si era inizialmente astenuto dalla votazione per riconoscere l'indipendenza di Donetsk e Luhansk. Ma in seguito ha ritirato la sua dichiarazione e ha sostenuto l’invasione dell’Ucraina. La sua posizione sulla guerra, da quel momento in poi, è a dir poco ambigua. “Voglio la pace ad ogni costo? No.”Ciò è avvenuto durante un incontro a San Pietroburgo, secondo il sito di notizie russo Il tuo carattere. Insiste ancora affinché l'operazione militare speciale trovi una via d'uscita, senza rivelare la sua posizione.

Candidato a sindaco di Mosca (5,4%) nel 2023, questo uomo d'affari si batte per una maggiore libertà per le imprese, la riduzione della burocrazia, il decentramento economico del Paese e la modernizzazione. Vuole anche aumentare i budget per l’istruzione e la sanità. Intende essere violento nei confronti di Vladimir Putin? Quando a fine dicembre Vladislav Davankov è stato interrogato in merito, se l'è cavata: “Non c'è nulla da guadagnare dalla critica politica. Questi sono metodi di un'altra epoca.”Ha risposto come mostrato cavo Gruppo media RBK.

Vladislav Davankov ha firmato con diversi candidati dichiarati, tra cui Boris Nadezhdin e l'ambientalista Anatoly Batashev, per sostenere il pluralismo politico, dice. Vuole anche sbloccare l'accesso alla rete Instagram, bloccata da marzo 2022. “Tutti comunque hanno una VPN oggigiorno”Lo ha affermato durante un incontro.

Assenti

La personalità degli intellettuali a partire dagli anni Novanta, Grigory YavlinskyIl fondatore del partito liberale Yabloko aveva annunciato a dicembre che il suo partito non avrebbe presentato alcun candidato. A fine anno, la commissione elettorale ha respinto la candidatura del giornalista Ekaterina DoncovaAttivista per la democrazia e per la fine dell'offensiva in Ucraina. Poi ho litigato Boris Nadeždinfallito dopo aver controllato le sue firme.

comunista Sergej Malinkovich Anche in questa fase ha fallito. Andrei Bogdanovdell'oscuro Partito russo Libertà e Giustizia, si è arreso. Attivista ambientale Anatolij Patachevcandidato indipendente, non ha raccolto le 300.000 sponsorizzazioni richieste, proprio come la blogger di consigli di bellezza Rada Ruskikh. Presidente del Partito nazionalista dell'Unione popolare russa, Sergej Baburinha chiesto di votare per Vladimir Putin, dopo aver depositato le sue firme, per poi ritirare la sua candidatura.

Attivista anti-corruzione Alexei Navalny, il principale oppositore di Vladimir Putin, resta in una colonia penale, dove incita a manifestazioni durante le elezioni. Il nazionalista Igor GirkinSta scontando l'ergastolo nei Paesi Bassi per la sua responsabilità nell'incidente della Malaysia Airlines del 2014, una condanna a quattro anni annunciata a gennaio dopo gli insulti rivolti alla leadership militare russa. Ex leader della milizia Wagner Evgoney PrigozhinNon ha avuto il tempo di rivelare le sue possibili intenzioni, dopo la sua morte lo scorso agosto in un incidente aereo.

READ  Come Vladimir Putin sta spingendo i suoi mercenari in Africa