Maggio 26, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Champions League – Quarti di finale – Paris Saint-Germain Cheat Sheet – Barcellona: partita divertente, PSG illeggibile

Champions League – Quarti di finale – Paris Saint-Germain Cheat Sheet – Barcellona: partita divertente, PSG illeggibile

Gioco: Siamo stati fregati di nuovo

Dopo Manchester City – Real Madrid (3-3) e Arsenal – Bayern Monaco (2-2), mercoledì sera PSG-Barcellona ci ha regalato ancora una volta uno spettacolo di alta qualità, con più errori, ma quasi altrettanto divertimento. Il Paris parte forte, pressa forte e riconquista palla velocemente. Ma dopo 10 minuti entusiasmanti, i blaugrana dimostrano di aumentare la loro forza nelle transizioni, e Rafinha è il primo a segnare il gol (37esimo).

Luis Enrique ha sostituito Marco Asensio con Bradley Barcola alla fine del primo tempo, e l'eroe francese ha trovato rapidamente più ritmo e ha fatto più mosse. Tre minuti di follia con i fuochi d'artificio di Ousmane Dembélé (48) e la grande ispirazione di Vitinha (51) avrebbero potuto (o dovuto?) permettere a Parigi di vivere un secondo atto calmo. Ma il club dell'Ile-de-France continua a crearsi problemi quasi da solo, aiutato né da Gianluigi Donnarumma – partito male e con un'uscita inesistente – né dal genio di Pedri, con Rafinha che torna (62), e Andreas Christensen (77) esce dalla panchina.

All'arrivo ricorderemo che il Paris è in una pessima situazione prima della partita di ritorno di martedì prossimo. Ma ci divertiremo moltissimo.

Giocatori: Donnarumma è colpevole e Mbappe deluso

Se serve un grande portiere e un grande marcatore per brillare nella prima competizione, il PSG mercoledì sera non li aveva. Gianluigi Donnarumma ha vissuto una serata molto complicata, mentre Kylian Mbappé non ha fatto differenza.

“Speravamo di glorificare Mbappé. Attenzione all'amara fine”.

Fattore X: quantità maledette

Siamo al 55' di gioco, il PSG ha appena segnato due gol in tre minuti e Bradley Barcola continua a dimostrare a Luis Enrique che aveva ragione a buttare via la palla nel primo tempo. L'ex giocatore del Lione aveva spazio davanti a sé, ma il suo tiro potente, gestito con leggerezza da Marc-Andre ter Stegen, ha colpito la traversa prima di finire a lato. Un'occasione d'oro per segnare il gol del 3-1. Venti minuti più tardi, è stato il palo a impedire a Ousmane Dembélé di segnare il 3-2 (75'), due minuti prima del gol del 2-3.

Nello stato: 0

Il Parigi è tutt’altro che spacciato, e questo Barcellona è tutt’altro che ingiocabile. Ma il Paris Saint-Germain avrà un grande traguardo da raggiungere nella gara di ritorno tra sei giorni. Perché nessuna squadra francese si è mai qualificata al turno successivo dopo aver perso l'andata in casa nella fase a eliminazione diretta nella storia della Champions League.

Contratto: Marquinhos (Canal+)

Era un po’ aperto e abbiamo avuto difficoltà. Abbiamo avuto dei bei momenti nel secondo tempo, ma i dettagli fanno la differenza, come quel gol su calcio d'angolo (Christensen, 77'). Non possiamo accettarlo in vista del ritorno. Non c’è più alcuna scelta, dovremo lottare per la vittoria lì.

Domanda: Cosa ricordare di questo PSG?

Questo gruppo, dominato da movimenti completamente opposti nel cuore del primo periodo, è stato poi capace di fornire una risposta clamorosa al rientro dagli spogliatoi. Una squadra che stava per riposarsi e rendere confortevole il ritorno, ma alla fine ha aperto la porta per ribaltare la situazione, lasciando il laborioso Barcellona, ​​talentuoso ma non incapace di giocare, a segnare tre volte nel parco.

immagine

Ousmane Dembélé ha deluso contro il Barcellona

Credito: Getty Images

Non metteremo in discussione tutto dopo questa prima sconfitta in cinque mesi. Ma l'ultima partita, una sera di novembre contro il Milan, era già stata giocata in Champions League. Questa è la terza sconfitta per il Paris Saint-Germain nella Prima Divisione francese in questa stagione. Ha controllato la situazione due volte, a Newcastle e Milano. Questa volta ha perso con un punteggio diverso, non ha mai lottato atleticamente, ma non è stato altrettanto chiaro tatticamente.

Luis Enrique vuole essere imprevedibile per i suoi avversari, ma non lo è anche per i suoi uomini? Marquinhos era un terzino destro, prima di scambiarsi di ruolo con Lucas Hernandez. Warren Zaire Emery si sedette sulla panchina. Marco Asensio si è aggirato in un centrocampo affollato prima di partire, ed è stato sostituito da Bradley Barkola che incarnava un piano di gioco completamente diverso. Anche i migliori individui erano difficili da seguire. Ousmane Dembele ha brillato (e alla fine ha segnato) per quanto ha potuto preoccuparsi di certe scelte. Assente Kylian Mbappé, anche se in questi momenti è sempre presente. Questo PSG è chiaramente illeggibile a volte. Come il suo futuro in Champions League.

READ  Chelsea contro Kimpembe, il PSG ha recuperato 60 milioni di euro