Ottobre 21, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Cessione AS Saint-Etienne: Il principe cambogiano e gli amici di Nasser Al-Khelaifi (PSG)

È stato il giornalista investigativo Jack Adamovich Davies ad allevare il coniglio ad A Un articolo pubblicato mercoledì mattina sul sito di Radio Free Asia. Questo specialista del sud-est asiatico era curioso delle informazioni che circolavano sulla possibile acquisizione di AS Saint-Etienne da parte del principe Norodom Ravichak, nipote di Norodom Sihanouk e nipote dell’attuale re di Cambogia Norodom Sihamoni. Lo stesso Norodom Ravichak ha confermato questa informazione a Camdodge Mag. “Le discussioni sono in corso con partner forti‘, ha detto, aggiungendo che l’importo spesso citato – 100 milioni di euro – è stato sopravvalutato.

esagerato, forse; Ma l’investimento sarà comunque significativo. Norodom Ravichak non è uno di quei ricchi principi che possono usare le loro fortune familiari a loro piacimento. Non è un miliardario, nemmeno un milionario, né i suoi parenti stretti. Non è un sipario dietro il quale si nasconde la stessa famiglia reale cambogiana. Non ha partner cambogiani che potrebbero accompagnarla nel suo tentativo di ottenere il controllo di ASSE. KPMG, che è al centro delle trattative, non è né una banca né un finanziatore, ma solo un arbitro. Quindi, con quali soldi Norodom Ravichak può convincere gli attuali proprietari del club a vendergli la loro proprietà? Non lui, a quanto pare. Ma quale, allora?

Lega 1

A Verratti manca Metz, nuovo punto sull’infortunio di Messi “tra 48 ore”.

un’ora fa

Associato con Besik, parenti di Nasser Al-Khelaifi

Adamovich Davies, grattandosi un po’, si è accorto che il giovane principe aveva diversi soci: due francesi residenti a Doha, i fratelli Ahmed e Abdelkader Besdik, con i quali SAR ha fondato il Cambodia Consulting Group in Cambogia. Norodom Ravichak e Ahmet Pesdek sono anche fondatori di B&N Consulting and Strategy, la cui sede si trova in rue du Faubourg St Honoré 91 a Parigi. Ovviamente si trattava di un rapporto molto stretto: i fratelli Bessedik sono gli unici non Campdog coinvolti negli affari del Principe.

READ  Tifo "Anti-Leonie" pubblicato in Geoffroy Guichard

Ma il nome “Besdec” è sconosciuto nel mondo sportivo francese. Ahmed, originario della Mazouna algerina, è già un caro amico di lunga data di … Nasser Al-Khelaifi, che avrebbe incontrato all’inizio degli anni ’90, quando era il futuro presidente del PSG e dei tennisti di beIN Sport. Il giocatore che si è allenato nell’entroterra del Nizza. Da allora questa amicizia non ha vacillato. Un autre frère Bessedik, Bouadbellah, s’occupa un temps de la communication du PSG et fut photographié sur la pelouse du Stade de France en compagnie de Mauricio Pochettino et de Nasser el-Khelaïfi après la victoire des Parisiens final sur de la Cocoup dalla Francia .

Ahmed, soprannominato “L’ombra dell’ombra” da Al-Khelaifi ed ex dipendente di beIN Sport, non è l’unico Bisdek che ha mantenuto uno stretto rapporto con il presidente del PSG. Suo fratello Abdelkader, altro socio di Norodom Ravichak, era azionista della società qatariota Golden Home Real Estate che ha acquistato una villa di lusso in Costa Smeralda, in Sardegna, con la quale avrebbero dovuto in seguito avere una buona conversazione. Altri importanti contributori includono: Nasser Al-Khelaifi. Tre giorni dopo l’acquisizione della villa, Abdulkadir Pasek ha ottenuto una procura che gli consente di firmare l’atto di vendita della proprietà il 31 dicembre 2013.

Il presidente del Paris Saint-Germain Nasser Al-Khelaifi, Bouabdallah Besdic e l’allenatore del Paris Saint-Germain Mauricio Pochettino hanno festeggiato dopo la finale di Coppa di Francia tra Paris Saint-Germain (Paris Saint-Germain) e Monaco.

Credito: Getty Images

Il caso della villa e Jerome Valcke

Se conosciamo tutti questi dettagli, allora questo è ciò che la celebre villa, il cui valore è stimato in 7 milioni di euro, è stata al centro delle cause intentate dalla magistratura svizzera contro Nasser Al-Khelaifi e l’ex segretario generale della FIFA Jerome Valcke nel suo favore. “Corruzione attiva e passiva”, conclusasi nell’ottobre 2020 con la prima assoluzione e la sospensione della pena detentiva. Secondo l’accusa, Al-Khelaifi ha permesso a Valcke di utilizzare gratuitamente la proprietà di lusso e la FIFA n. 2 ha promesso da parte sua di usare la sua influenza per sostenere beIN Sport nel suo tentativo di acquisire i diritti di trasmissione.

Al-Khelaifi si è sempre dichiarato innocente, e ha affermato che la villa è stata acquistata a beneficio di… Abdelkader Besedek. Tuttavia, il caso non è stato chiuso da quando la magistratura svizzera ha impugnato la prima sentenza nel febbraio 2021 e si sospetta ancora che Al-Khelaifi e Falk abbiano concluso un “accordo corrotto”. Non è stata ancora fissata una data per il secondo processo.

Comunque sia, il fatto che nell’immediato entourage del capo del PSG facciano parte anche i più stretti collaboratori del potenziale acquirente di ASSE, e che uno di loro sia stato coinvolto nella famosa vicenda di Villa Sardinia, merita di essere interrogata : gli stessi Bessedik furono coinvolti nel tentativo di redimere Santo Stefano?

Lega 1

Incitamento all’odio e promesse sessuali: ottenere giustizia dopo Lance Lance

2 ore fa

Lega 1

80 milioni di euro per quello? Ren, ritorno deludente sull’investimento

14 ore fa