Maggio 26, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

certificato.  “I medici pensavano che fossi pazza…” Vittima perenne del lungo Covid, ha fondato un'associazione nel Gers

certificato. “I medici pensavano che fossi pazza…” Vittima perenne del lungo Covid, ha fondato un'associazione nel Gers

Di base
Questa residente di Miramont-d'Astarac, nel Gers, soffre di Covid da più di un anno e non può praticamente uscire di casa. Nel tentativo di aumentare la consapevolezza sulla sua malattia, ha fondato un gruppo informativo su questa malattia moderna. La storia della sua lotta quotidiana.

“I medici pensavano che fossi pazzo perché i miei sintomi erano sconosciuti”. Nel novembre 2022, Sophie* ha contratto il coronavirus per la seconda volta. I suoi sintomi sono classici (tosse e naso che cola) e non vi sono indicazioni di complicanze.

Dopo due mesi, la donna, che è piuttosto atletica, ha notato che cominciava a soffrire di problemi articolari o di difficoltà di concentrazione. “Sei esausta”, “dovresti andare da uno psichiatra”, sente dire dai medici che consulta per capire cosa le sta succedendo. Enormi problemi di salute che raggiungeranno il punto di non ritorno il 18 marzo 2023: “Stavo pulendo la mia macchina quando all'improvviso è crollata e tremavo. Mio marito pensava che avessi un ictus”, racconta.

Leggi anche:
Long Covid: perché l'Occitania è in prima linea nella cura dei pazienti

Dopo una consultazione 3 mesi dopo, l'Ars del Gers sospettava la presenza del “Covid lungo”, sospetto confermato dagli esami effettuati a fine estate presso la clinica Saint-Exupéry di Tolosa.

Il virus è entrato nel cervello

Per chi ha dovuto interrompere il lavoro, la diagnosi è un po' un “sollievo”: finalmente sa cosa la rode dentro da 8 mesi. Quando l'olfatto di una persona cambia a causa del COVID-19, è il bulbo olfattivo ad essere colpito. Questa lampadina si trova vicino alla barriera cerebrale. Nel caso di Sophie, questa barriera deve essere stata indebolita durante la prima contaminazione e durante la seconda il virus è riuscito a penetrare nel suo cervello.

READ  Tutta la bandiera LG in Oled ma non senza intoppi

Disfunzione organica, disfunzione del tronco cerebrale (che controlla le funzioni vitali e la coordinazione dei movimenti) o addirittura confusione mentale (perdita di memoria, disturbi dell'attenzione e della concentrazione): le conseguenze sono disastrose per Sophie.

Leggi anche:
certificato. Covid lungo: «Una semplice doccia è una conquista», racconta la sua dura prova un paziente

Dopo essere stata fisicamente e mentalmente incapace di lavorare per un anno, Gersoise descrive la sua vita quotidiana piena di alti e bassi: “La mia situazione oscilla. Un giorno va tutto bene e il giorno dopo sono a letto e non riesco ad alzarmi del letto.” La distribuzione del letto oggi è più simile a 27 giorni sbagliati e 3 giorni normali.

Soluzioni per lenire, ma non per il trattamento

D'ora in poi, la persona che ha difficoltà a sopportare il rumore e la luce è bloccata in casa: “Il corpo non può più sopportare lo sforzo e, ad esempio, può sentirsi male dopo la doccia. Se esco, questo è accompagnato da un luogo privo di rumore e con la necessità di riposare completamente una volta tornata”, si lamenta.

Leggi anche:
problema. “Covid lungo”: sintomi, rilevamento, conseguenze… Sono molte le persone che si ammalano senza saperlo?

Dopo la recente comparsa di questa malattia, Miramonte si è trovata priva di soluzioni terapeutiche. Fa però di tutto per rallentare l'encefalite: «La clinica di Tolosa mi ha consigliato di praticare la meditazione e la psicologia», spiega. La velocità è l'unica strada che gli permette di vedere miglioramenti anche nella vita quotidiana: “Dopo l'attività, mi prendo lo stesso tempo per il riposo completo. Ad esempio, se impiego 15 minuti per prepararmi, devo Dopodiché “ascolta” per un quarto d'ora”, dice Gersoise. .

READ  Perdere peso: gli scienziati rivelano un trucco inarrestabile per manipolare il tuo cervello per combattere le voglie

“Tutto quello che voglio è tornare alla mia vita normale.”

Sophie è stato il primo profilo “Covid lungo” identificato all'MDPH du Gers. Lo sfortunato maggiore è ora considerato invalido dal 60% al 75%. Senza cura, cerca di mantenere la speranza: “Tutto quello che voglio è tornare a una vita normale. So che ci vorrà molto tempo. Se riusciremo a sviluppare una cura in 5 anni, sarà un miracolo”. Jersoise prende in giro.

Questa malattia è molto recente, ed è sconosciuta ai medici di base: «Ne so più di loro», sorride Sophie. Miramontes cerca di usare le sue conoscenze ad altri pazienti: “Ci sono molti casi ma le persone non sanno di essere infette”. Per aumentare la consapevolezza su questa malattia e guidare i pazienti, ha lanciato Sophie Messa lunga Covid 32 Che riunisce già più di dieci membri.

Medici del Gers senza una soluzione alla malattia

È chiaro che le soluzioni proposte per lo screening o il trattamento del Covid a lungo termine nella regione del Gers sono scarse. I diversi attori della professione medica nel Gers non riescono a formulare una risposta alle nostre domande su questa malattia che presenta più di 200 sintomi distinti. Tuttavia, il dottor Hebert Cancio, presidente del Consiglio nazionale della 32a Ordine dei medici, sottolinea che indirizza i suoi pazienti verso Tolosa.

*Il nome è stato cambiato.