Aprile 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Carbonio, disuguaglianza e fantascienza |  Per vostra informazione

Carbonio, disuguaglianza e fantascienza | Per vostra informazione

Il tema della disuguaglianza entra in gioco nelle discussioni sull’ambiente. Sulla scia del recente rapporto dell’IPCC, molte pubblicazioni mostrano che la crisi climatica e quella della disuguaglianza sono “intrecciate, integrate e si alimentano a vicenda”, come si legge ad esempio nel recente rapporto di Oxfam, Uguaglianza climatica, pianeta 99%. A margine del recente World Economic Forum di Davos, l’associazione ha anche condannato “livelli di disuguaglianza scandalosi”.

L’argomentazione è tanto semplice quanto i numeri sono sconcertanti. I paesi e le popolazioni più svantaggiati sono i più vulnerabili ai cambiamenti climatici, ne hanno poca responsabilità, e tuttavia sono i meno in grado di rispondere. D’altro canto, gli stati e le popolazioni favoriti sono i più responsabili, ma meno colpiti dalle sue conseguenze, e più capaci di sviluppare soluzioni quando non ne traggono beneficio.

IL Database mondiale sulle disuguaglianzeSi tratta di un database supportato da una rete di economisti e curato da Thomas Piketty, Lucas Chancel, Gabriel Zucman, ecc., che traduce questa osservazione in numeri. La metà più povera della popolazione mondiale possiede il 2% della ricchezza totale e riceve solo l’8,5% del reddito globale, mentre il 40% della classe media possiede il 22% della ricchezza e riceve il 39,5% del reddito, mentre il 10% più povero ha Il 76% della ricchezza e il 52% della popolazione mondiale. Di reddito. Il rapporto con le emissioni di gas serra è netto: la metà più povera è responsabile del 12% delle emissioni (una media di 1,6 tonnellate a persona) rispetto al 40% del 4% medio e al 48% del 10% più ricco. Di questi, l’1% più ricco della popolazione emette il 17%, ovvero 110 tonnellate in media a persona. E siamo lontani dal distribuire equamente questa nuova e sempre più scarsa ricchezza: il bilancio di carbonio rimanente per mantenere una Terra abitabile.

READ  Gli studenti di chimica fanno esplodere le zucche per ravvivare Halloween con la scienza e la chimica

E ancora più scioccante: “Negli ultimi 40 anni, i paesi sono diventati significativamente più ricchi, ma gli stati sono diventati significativamente più poveri. La quota di ricchezza detenuta dagli enti pubblici è vicina allo zero o negativa nei paesi ricchi, il che significa che tutta la ricchezza è nelle mani di enti pubblici.” Privati. » Oxfam stima che il mondo potrebbe avere il suo primo trilionario (1.000 miliardi di dollari) entro un decennio! Il PIL della Francia nel 2023 ha raggiunto circa 3.000 miliardi…

Questo lavoro degli economisti conferma che la disuguaglianza non è inevitabile, ma piuttosto una scelta politica. Sono d'accordo con la tesi Bruno Latour Sulla separazione delle élite che, a partire dagli anni ’80, hanno capito che il pianeta non sosterrà la continuazione della globalizzazione e che non ci sarà vita futura sulla Terra per tutti. Ciò spiega, secondo lo storico della scienza, «ciò che negli anni Ottanta veniva chiamato “deregulation” e “smantellamento dello stato sociale”; e dagli anni 2000, il “negazionismo climatico”; Soprattutto, nel corso di quarant’anni, la disuguaglianza si è ampliata in modo sorprendente; Tutto ciò contribuisce allo stesso fenomeno.

Comprendiamo meglio i piani della cometa di Elon Musk per mandare i ricchi su Marte e gli ricorderemo la scena finale di Non alzare lo sguardo, dove Meryl Streep, appena sveglia, viene mangiata da Bronteroc sul fertile pianeta B. I più “realistici” sono quelli che preferiscono le Isole Hawaii, dove, ad esempio, Mark Zuckerberg si è costruito un bunker. Altri imprenditori della Silicon Valley, secondo Bloomberg, considerano la Nuova Zelanda più sicura. I creatori di forti si stanno fregando le mani. Uno di loro determina I californiani sono addirittura disposti a saltare sui loro aerei privati ​​al primo segno della fine del mondo, come ad esempio una “rivolta in stile Rivoluzione francese che prende di mira l’1%”. Sarebbe saggio considerare le tasse globali sui super-ricchi, alcuni dei quali sono anche ardenti sostenitori, prima che il 99% delle persone pensi di attaccare questa bastiglia della nuova tecnologia.

READ  Covid : on en sait plus sur le variant XD, recombinant de Delta et Omicron, qui fait l'objet d'un suivi renforcé en France

Riferimenti

Clima di disuguaglianza – Gli impatti diseguali del cambiamento climatico in FranciaIl nostro lavoro, 2020.

Uguaglianza climatica, pianeta 99%Novembre 2023, Oxfam.

Rapporto sulla disuguaglianza mondiale 2022sostenuto dal Programma di sviluppo delle Nazioni Unite, Global Inequality Lab.

IL. Cancello piccolino. Mostrali, L’impronta di carbonio del capitale: prove provenienti da Francia, Germania e Stati Uniti basate su calcoli ambientali distributivi, Parola sulla disuguaglianza, 7 dicembre 2023.

B. Latour, “Il rifugio in Europa”,Epoca di declinoIl primo parallelo, 2017.

B. Latour, Dove atterri?Scoperta, 2017.

B. Carville, I ricchi della Silicon Valley hanno un piano per sfuggire al giorno del giudizioBloomberg, 5 settembre 2018.