Maggio 26, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Canada, Italia e Spagna hanno smesso di donare allo Stato ebraico, ma la Germania ha continuato nonostante le pressioni

Canada, Italia e Spagna hanno smesso di donare allo Stato ebraico, ma la Germania ha continuato nonostante le pressioni

Venerdì il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha chiesto la fine di tutte le vendite di armi a Israele. La Germania, il secondo fornitore dopo gli Stati Uniti, si è opposta alla decisione, mentre molti paesi come il Canada hanno già smesso di farlo.

Pubblicato


Tempo di lettura: 5 minuti

Soldati israeliani vicino al confine con la Striscia di Gaza il 12 marzo 2024.  (Jim Hollander/MaxPPB)

Il Canada non sta aspettando un progetto di risoluzione sull’embargo sulle armi a Israele per fermare le proprie forniture. Il 19 marzo, i parlamentari hanno votato contro il governo dopo aver adottato una mozione non vincolante nel parlamento canadese a favore di un immediato “cessate il fuoco”. “Conferma e interrompi lo scambio” Il Canada conferma le armi allo Stato ebraico Smettere di inviare armi a Israele.

Se gli Stati Uniti sono il primo fornitore di armi a Israele, la Germania è al secondo posto. Durante il suo discorso alla Knesset del 2008 in occasione del 60° anniversario della creazione dello Stato ebraico, Angela Merkel ha stabilito che la difesa di Israele è una questione di Stato. Tuttavia, le armi fornite a Israele dall’inizio del conflitto sono sempre più dibattute.

La Germania vende principalmente attrezzature per la difesa

Nel 2023, la Germania ha approvato 326 milioni di euro di esportazioni militari verso Israele. Si tratta di dieci volte di più rispetto al 2022. La maggior parte delle approvazioni sono arrivate dopo lo shock dell'attentato di Hamas del 7 ottobre. Olaf Scholz aveva allora promesso che sarebbe stata data priorità alle richieste di armi da parte di Israele. Tuttavia, l’importanza di queste vendite deve essere messa in prospettiva. La Germania è molto indietro rispetto agli Stati Uniti nelle vendite di armi a Israele e gran parte di queste esportazioni rappresentano attrezzature per la difesa. Nel 2023, le vendite effettive di armi rappresentavano meno di un decimo del totale, ovvero 20 milioni di euro. 3.000 armi anticarro portatili, inclusi 500.000 colpi di munizioni e mitragliatrici.

READ  Bonuzzi sui problemi dell'Unione di Berlino e sul futuro dell'Italia

Come altrove, anche in Germania queste nascite stanno diventando sempre più controverse, poiché il conflitto è diventato confuso. La pressione arriva dal nuovo partito di estrema sinistra BSW, guidato da Sahra Wagenknecht, che sta ampliando le sue fila. Vuole mettere la questione all'ordine del giorno del Bundestag la prossima settimana. Non nega il diritto di Israele all'autodifesa. Ma è critico nei confronti del sostegno al governo Netanyahu. “Se la ragione dello Stato tedesco – garantire la sicurezza di Israele – è in dubbio, deve ordinare un governo israeliano fuori controllo”Così crede questa musa ispiratrice della sinistra tedesca.

Sostegno sotto pressione nazionale e internazionale

Il conflitto dura più a lungo e le opinioni si sviluppano. Oggi solo il 17% dei tedeschi sostiene un’azione a Gaza, rispetto a oltre il 50% di quest’autunno. Quindi il governo tedesco è sotto pressione. Di conseguenza, le consegne di armi a Israele sono diminuite dall’inizio dell’anno.

La pressione si sta verificando a livello internazionale, e questa è una cosa nuova. A marzo la Corte internazionale di giustizia del Nicaragua ha presentato una denuncia urgente al tribunale delle Nazioni Unite. Berlino è stata accusata di sostenere il genocidio a Gaza. La consultazione si terrà lunedì e martedì prossimi. Gli esperti legali non si aspettano che la corte vieti la vendita di armi tedesche a Israele. Ma Berlino farà fatica a ignorare completamente la pressione internazionale che circonda la denuncia.

Il Canada inasprisce i toni nei confronti di Israele

Il 19 marzo lo ha confermato il ministro degli Esteri canadese Smettere di inviare armi a Israele. Melanie Jolie ha inoltre chiarito che dall'inizio del conflitto, il governo canadese ha approvato solo “permessi per articoli non pericolosi”, come “apparecchi di comunicazione”. Tuttavia, secondo il ministro degli Esteri, dall'8 gennaio non è stato concesso il “permesso” di consegnare armi, “tenendo conto della rapida evoluzione della situazione sul terreno”.

READ  RUGBY. Coup dur pour l'Italie avant la Coupe du monde avec la retray de Callum Braley

Questa decisione di fermare la fornitura di armi ha provocato la reazione del capo della diplomazia israeliana, che determina la decisione canadese. “sfortunato”E crede che lo sia “minando il diritto di Israele a difendersi”.

I produttori di armi canadesi attendono informazioni

Il Dipartimento della Difesa canadese ha espresso rammarico alla stampa “Mancanza di informazioni da parte del governo canadese”Perché ai produttori di armi non è stato comunicato nulla. La decisione è stata presa ufficialmente a gennaio o marzo, quando il Canada ha smesso di controllare i permessi di esportazione. Con il governo che deve ancora annunciare i passi successivi alla decisione, c’è ancora confusione nel settore. Ad esempio, un'organizzazione si chiede se il congelamento delle forniture di armi a Israele si applichi a tutte le autorizzazioni o solo a quelle nuove.

Non conosciamo le cifre degli accordi militari coinvolti, ma secondo Radio-Canada, nel 2022, il Canada ha esportato in Israele attrezzature militari per un valore di oltre 14 milioni di euro, rispetto ai 17 milioni dell’anno precedente. Ciò significa che Israele è uno dei dieci maggiori esportatori di armi canadesi.