Giugno 13, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Aquiloni

Aquiloni

Questo fine settimana iniziano gli International Berk Kite Meetings. Il che mi dà l’opportunità di chiederti come fai a far volare un aquilone? È sullo stesso principio dell’aereo?

SÌ. Esistono due modi fondamentali per volare, che portano a due diversi tipi di oggetti volanti: più leggeri dell’aria, che utilizzano la propulsione galleggiante, e più pesanti dell’aria, che utilizzano il movimento, l’aria. Nella prima categoria ci sono i palloncini, che sono più leggeri dell’aria perché per riempirli viene utilizzato un gas più leggero dell’aria. Ad esempio l’elio. O solo aria calda, come nelle mongolfiere. Nella seconda categoria troviamo quasi tutto, compresi gli aerei. Così sono gli aquiloni. Questi oggetti non si bloccano in aria: se non c’è differenza tra la loro velocità e la velocità dell’aria che li circonda, cadono.

questo da dire?

Bene, se sei più pesante dell’aria e non vuoi cadere, devi trovare la forza che spinge via il tuo peso. Questa forza si chiama portanza ed è generata dall’aria che colpisce le ali. È una forza che conosciamo bene nella vita di tutti i giorni: è la forza generata dal vento, la forza che rallenta i nostri giri in bicicletta, che spazza via le foglie cadute e, naturalmente, che spinge le barche a vela. Per volare, devi solo fare in modo di dirigere quella forza verso l’alto per compensare il peso.

E come lo facciamo?

Bene, semplicemente inclinando le ali. Se è inclinato nella giusta direzione, il vento lo spinge verso l’alto. Quindi dico il vento, ma ovviamente è il vento in relazione all’aereo. Un aeroplano può volare anche quando non c’è vento, basta che si muova abbastanza velocemente: per esempio, se viaggia a 800 km/h, è come se l’aria intorno si muovesse a 800 km/h.

READ  Concours de dessin pour l'égalité « des Elles pour une science plus juste » | ECOSCIENZE

Quindi gli aquiloni funzionano secondo lo stesso principio?

SÌ. Ovviamente l’aquilone non si muove, quindi il movimento dell’aria è solo dovuto al vento. Affinché il vento produca una forza verso l’alto, l’aquilone deve essere inclinato, come le ali di un aeroplano. E proprio come un aeroplano, l’angolo di inclinazione è molto importante: perché la portanza dipende da quell’inclinazione e dalla velocità del vento. Se il vento è più basso, l’aquilone deve essere più inclinato per avere più resistenza al vento, come un aquilone che si solleva in fase di decollo, quando la sua velocità è relativamente bassa. Lo si vede molto bene quando si fa volare un aquilone: ​​a terra l’aquilone è molto inclinato, e lo è sempre meno man mano che si sale, perché il vento aumenta man mano che ci si allontana da terra. Per lo stesso motivo la fase più sensibile è il decollo: c’è meno vento e, di conseguenza, la portanza è la più debole.

Modo effettivo. Ma quello che non capisco è che non abbiamo modo di regolare l’inclinazione del kite, abbiamo solo la corda per tenerlo.

Esatto, ed è questo che rende così speciale un aquilone: ​​è progettato in modo che la sua inclinazione si adatti automaticamente alla velocità del vento, senza che il pilota debba intervenire. Quindi è molto più facile volare di un aeroplano!

Vuoi dire che progettare un aquilone non è così facile come sembra?

READ  Un ciclo di conferenze in occasione del Festival della Scienza

Sì, ci sono alcune regole da seguire, altrimenti il ​​tuo aquilone non volerà mai. Ad esempio, il vento deve inclinare l’aquilone nella giusta direzione, e quindi il suo peso deve sbilanciarlo leggermente all’indietro. Un modo semplice per accentuare questo squilibrio è aggiungere una coda all’aquilone. Così, le meravigliose code multicolori degli aquiloni, a volte lunghissime, servono soprattutto a stabilizzarli. E possono essere davvero lunghissime, perché il record è di oltre 1 chilometro!