Giugno 13, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Alla scoperta delle origini fossili del drago gallese: un ecosistema tropicale ricco di dinosauri

Alla scoperta delle origini fossili del drago gallese: un ecosistema tropicale ricco di dinosauri

La recente scoperta di fossili in Galles ha rivelato nuovi dettagli sulla presenza dei dinosauri e sulle loro condizioni di vita in questa regione, da tempo considerata priva di queste creature preistoriche, nonostante lo stemma del paese.

Il drago rosso appare sulla bandiera nazionale ed è profondamente radicato nella mitologia e nell’identità gallese. Un team di ricercatori dell’Università di Bristol, in collaborazione con il Museo Nazionale del Galles, ha pubblicato i risultati sulla rivista Atti della Società dei GeologiQuindi collegalo a questo potente simbolo culturale.

Queste scoperte forniscono una nuova prospettiva sull’ecosistema gallese più di 200 milioni di anni fa. Rivela, tra le altre cose, che questi dinosauri vivevano nelle pianure tropicali e si mescolavano con altri rettili marini. Queste scoperte arricchiscono la comprensione degli antichi ecosistemi e delle condizioni di vita dei dinosauri, ma soprattutto sottolineano l’importanza di questa regione per lo studio dei fossili.

Incredibili scoperte di dinosauri in Galles

La ricerca a Lavernock Point, vicino a Cardiff e Penarth, si è concentrata su scogliere composte da scisto scuro e calcare, resti di antichi fondali marini poco profondi. Queste formazioni geologiche hanno rivelato accumuli di ossa a diversi livelli. Includono resti di pesci, squali, rettili marini e, eccezionalmente, dinosauri.

Nello specifico, reperti degni di nota includono resti fossili di osteodermi di placodont e ossa di celacanto. Questi fossili forniscono una nuova prospettiva sui Reti di questa regione. È una delle sezioni del periodo geologico del Triassico superiore. Si estende da circa 208 a 201 milioni di anni aC. Rappresenta l’ultima fase del periodo Triassico, immediatamente precedente all’inizio del periodo Giurassico.

READ  Integral Ad Science Holding Corp. : Wells Fargo Titoli favorevoli sul dossier

Il dottor Chris Duffin, supervisore dello studio, Conferma L’importanza di questi risultati: I resti di celacanto e placodonte sono relativamente rari nel Regno Unito, il che rende questi ritrovamenti ancora più notevoli “Inoltre, fino a dieci anni fa, in Galles non era stata documentata alcuna prova della presenza di dinosauri”, aggiunge Owen Evans, coautore dello studio. Ho visitato la costa di Penarth per tutta la vita, essendo cresciuto a Cardiff. Ma non ho mai notato i fossili. I geologi locali raccolgono ossa sin dal 1870.

Di conseguenza, le ossa recuperate formano una delle collezioni di fossili più importanti del Galles. Cindy Howells, curatrice del dipartimento di paleontologia del National Museum Wales, sottolinea: “ La presenza di fossili di dinosauro in questo sito garantisce che rimanga uno dei luoghi più importanti per la paleontologia del Galles “Queste collezioni storiche, combinate con nuove scoperte, forniranno una migliore comprensione dell’evoluzione dei dinosauri in questa regione precedentemente sottovalutata”.

Condizioni di vita dei primi dinosauri

Recenti ricerche hanno rivelato che i dinosauri gallesi vivevano nelle pianure tropicali vicino al mare più di 200 milioni di anni fa. Queste zone sono caratterizzate da un clima caldo e umido. Molto favorevole per lo sviluppo di piante rigogliose e diversificate. Tracce di dinosauri scoperte a Bari e in altri siti vicini mostrano che queste creature vagavano per le pianure alluvionali.

Erano attraversati da fiumi e intervallati da paludi. La vicinanza al mare suggerisce anche che questi dinosauri potrebbero aver avuto accesso a una varietà di risorse alimentari. Ciò include piante costiere e animali acquatici.

Fotografie del sito osseo a (a) Lavernock Point e (b) St Mary’s Whale Bay. Lo strato osseo basale a Lavernock ha uno spessore di circa 5 cm, mentre lo strato superiore a St Mary’s Well Bay è di circa 1,5 cm. ©o. Evans et al., 2024

Owen Evans descrive questo paesaggio come un arcipelago tropicale spesso esposto alle tempeste. Queste tempeste hanno svolto un ruolo cruciale nel trasporto di strati di ossa, materiale di lavaggio e resti organici dal terreno circostante nelle zone intercotidali. Questa dinamica ha creato depositi sedimentari ricchi di fossili. Ora consente ai ricercatori di ricostruire un ecosistema complesso. I dinosauri coesistevano con molti rettili marini, come ittiosauri, plesiosauri e placodonti, nelle acque vicine. Queste particolari condizioni di vita hanno quindi contribuito alla diversità e all’adattamento delle specie presenti in questa regione.

Una rappresentazione artistica di un arcipelago britannico durante il Triassico. ©Gabriel Oguito

Diversità e importanza delle specie

Ecco perché l’aspetto centrale dello studio si basa sull’analisi di migliaia di microfossili scoperti nel sito di Lavernock Point. Includono una varietà di denti di pesce, scaglie e frammenti di ossa. Forniscono preziosi indizi sulla composizione dell’ecosistema marino e terrestre dell’epoca. I ricercatori sono riusciti a identificare le principali specie presenti in queste acque poco profonde. Hanno poi dipinto un quadro dettagliato della biodiversità che caratterizza questi antichi ambienti costieri. Il professor Michael Benton, della Bristol School of Geosciences, afferma: La scala dei resti di dinosauro trovati a Lavernock è molto emozionante e offre l’opportunità di studiare un periodo complesso e spesso misterioso della sua storia evolutiva ».

Vista della scarpata di Lavernock Point dall’estremità orientale della spiaggia, che mostra le pietre di fango rosse del membro Williton (formazione Mercia Mudstone) che passano verso l’alto nelle rocce intercalate della formazione Westbury. ©o. Evans et al., 2024

Tra le scoperte più importanti, i ricercatori hanno identificato i resti di un grande animale simile a un dinosauro piatto. È un enorme erbivoro. Hanno anche scoperto temibili carnivori con più ossa attribuite a teropodi predatori. Questa diversità di specie conferma un ambiente ricco e diversificato.

READ  Dottolib accusato di promuovere la medicina alternativa

La coesistenza di questi diversi gruppi indica una catena alimentare complessa e un’interazione dinamica tra specie marine e terrestri. Questi risultati forniscono una nuova prospettiva sull’ecologia dei dinosauri e dei rettili marini durante il tardo Triassico, arricchendo la nostra comprensione della diversità e dell’evoluzione degli ecosistemi preistorici. Gli autori concludono maliziosamente che le origini dei draghi gallesi sono state finalmente identificate.

Fonte: Owen Evans et al., “Microvertebrati del letto osseo del Retico (tardo Triassico) a Lavernock, nel Galles meridionale“, Atti della Società dei Geologi (2024)