Gennaio 31, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Aerei da combattimento del futuro: l’italo-britannico Tempest si fonderà con l’F-3 giapponese

Negli ultimi anni, molte voci hanno chiesto la convergenza del futuro sistema di combattimento aereo [SCAF]guidato da Francia, Germania e Spagna, con Tempest, progetto lanciato dal Regno Unito e affiancato dall’Italia, con la Svezia come osservatore.

“Non è certo che l’Europa sarà in grado di sostenere in futuro due sistemi di combattimento aereo concorrenti, con una base di esportazione necessariamente più ristretta che se ci fosse un solo programma”, erano già i primi senatori Helen Conway Murray e Ronan Le Gliott in un rapporto sul Consiglio supremo delle forze armate, pubblicato nel luglio 2020.

Già Delegato Generale per gli Armamenti [DGA]Joel Barr, ha più volte affermato di auspicare una “convergenza” tra questi due programmi europei. “Potremmo percorrere strade diverse. Spero che alla fine ci integreremo “, ha persino anticipato il generale Ingo Gerhartz, capo della Luftwaffe. Il suo omologo italiano, il generale Luca Goretti, ha addirittura azzardato la previsione di una fusione tra la giunta delle Forze armate e Tempest, ritenendo “fuori questione” investire “risorse finanziarie in due progetti uguali”.

Solo, contemporaneamente, il Regno Unito si è avvicinato al Giappone, che, dal canto suo, aveva appena avviato lo sviluppo dell’F-3, velivolo di sesta generazione chiamato a sostituire l’F-2, in gran parte ispirato all’F- 16 della Lockheed Martin… Per il suo programma, Tokyo ha dichiarato di cercare partner… Da qui le discussioni sulla cooperazione “tecnologica” con Londra.

Si è conclusa con la firma di un “protocollo di collaborazione” nel dicembre 2021 volto allo sviluppo di una “nuova generazione di motori per aerei da combattimento”, con Rolls-Royce invitata a lavorare con Ishikawajima-Harima. Industrie pesanti [IHI]. Poche settimane dopo, Londra e Tokyo hanno annunciato un’altra partnership, questa volta per la suite di guerra elettronica “Jaguar”, che sarà unita a Tempest e F-3.

READ  Il vicepresidente Dina Boulwart ha prestato giuramento come capo del paese dopo il licenziamento e l'arresto di Pedro Castillo.

Tuttavia, al Farnborough Air Show lo scorso luglio, il Ministero della Difesa britannico [MoD] Ha suggerito che la cooperazione con il Giappone sarebbe stata più ambiziosa… e infatti lo sarebbe stata.

Infatti, il 9 dicembre, Regno Unito, Italia e Giappone hanno annunciato la loro intenzione di sviluppare una “nuova generazione di aerei da combattimento” nell’ambito di un programma chiamato “Global Air Combat Programme”. [GCAP]. Ovviamente, la tempesta si fonderà con l’F-3. BAE Systems, Leonardo e Mitsubishi Heavy Industries giocheranno un ruolo di primo piano.

Collaborando con l’Italia e il Giappone nella fase successiva del programma, il Regno Unito […] Condividerai i costi e assicurerai che la Royal Air Force [RAF] Rimane interoperabile con i nostri partner più stretti. Il progetto dovrebbe creare posti di lavoro altamente qualificati in tutti e tre i paesi, rafforzare la nostra base industriale e guidare l’innovazione con vantaggi che vanno oltre l’uso puramente militare”. litigare governo britannico.

“Siamo determinati a difendere l’ordine internazionale libero, aperto e basato su regole, che è più importante che mai in un momento in cui questi principi vengono messi in discussione e quando le minacce e gli attacchi sono in aumento”, afferma ora partner, in un accordo congiunto Comunicato stampa: “Data l’importanza di Critical per difendere la nostra democrazia, economia e sicurezza e proteggere la stabilità regionale, abbiamo bisogno di solidi partenariati per la difesa e la sicurezza, sostenuti e sostenuti da un deterrente credibile.

Inoltre, questa nuova generazione di velivoli da combattimento, che sarà al centro del “sistema di sistemi” che combina “veicoli aerei senza equipaggio, sensori avanzati e armi avanzate”, deve, in particolare, essere “interoperabile” con i mezzi implementati dagli “stati”. Stati Uniti – Stati Uniti e NATO” “, nonché da altri” partner “in Europa e nella regione indo-pacifica.

READ  VIDEO - Guerre en Ucraina : les premieres images des lance-roquettes américains Himars, très redoutés par Moscou, déjà en action

Tuttavia, i dettagli di questa alleanza senza precedenti non sono stati specificati, se non che la fase di sviluppo sarà avviata nel 2025, con l’obiettivo di far volare questo nuovo velivolo da combattimento entro il 2035. Inoltre, il programma GCAP sarà aperto ad altri paesi che potrebbero desiderare di aderire. Come la Svezia per esempio. O anche… gli Stati Uniti.

Infatti, dentro Dichiarazione congiunta Con il Ministero della Difesa giapponese, il Pentagono ha sottolineato che gli Stati Uniti “sostengono la cooperazione in materia di sicurezza e difesa del Giappone con alleati e partner che la pensano allo stesso modo, tra cui il Regno Unito e l’Italia, sullo sviluppo del suo prossimo aereo da combattimento”. “Insieme, abbiamo avviato un’importante cooperazione attraverso una serie di discussioni From sulle capacità dei sistemi autonomi, che potrebbero integrare il prossimo programma di caccia giapponese tra le altre piattaforme. In questo contesto, le due parti hanno concordato di avviare una concreta cooperazione il prossimo anno.

Illustrazione: Leonardo