Giugno 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Abbiamo mangiato il pianeta

Abbiamo mangiato il pianeta

La prima misura per combattere il cambiamento climatico è stata quella di limitare le emissioni di gas serra (GHG) attraverso il sistema di quote di mercato istituito nel 1997 nell’ambito del Protocollo di Kyoto. Basti dire che poche persone erano preoccupate per la questione scientifica dei “ppm” di anidride carbonica equivalente.2 Nell’atmosfera (363 ppm nel 1997)!

Nel 2023 raggiungeremo 421 ppm… Ma gli effetti del cambiamento climatico si fanno sentire soprattutto nella vita di tutti i giorni e su tutti gli ecosistemi terrestri e marini: picchi di caldo, inondazioni e siccità, riduzione dei rendimenti agricoli… Fauna, flora e la fauna sta perdendo il paesaggio Diversità Ciò porta a un cambiamento di prospettiva. Il cambiamento climatico non mette più in ombra tutti gli altri problemi, è solo uno dei motivi, tra gli altri, del collasso del nostro pianeta che ora sentiamo in modo sensibile, perché colpisce gli organismi viventi.

La Piattaforma intergovernativa di politica scientifica sulla biodiversità e i servizi ecosistemici condanna l’agricoltura come principale causa del declino della biodiversità su scala globale. Il suo fratello maggiore, il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici, sta seguendo l’esempio con un appello all’agroecologia derivato dall’ecologia scientifica, presentandola come una soluzione, sia per mitigare e adattarsi ai cambiamenti climatici, sia come contromodello alle monocolture industriali. Finalmente ! Non ci lamentiamo più degli impatti dei cambiamenti climatici sull’agricoltura, ma ne sottolineiamo le conseguenze per il clima, la biodiversità e la salute. Giusta restituzione delle cose.

Alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28) di Dubai, mentre è stata accolta con favore la menzione della transizione dai combustibili fossili, 134 paesi si sono impegnati a includere l’agricoltura e l’alimentazione nei loro piani climatici entro il 2025. Anche l’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) è cambiata Naturalmente: non è più opportuno produrre sempre di più per raggiungere l’obiettivo “fame zero” e garantire la sicurezza alimentare, ma muoversi radicalmente verso pratiche agroecologiche e trasformare i terreni agricoli in pozzi di carbonio. Al contrario, ciò non impedisce la lotta contro la fame nel mondo.

READ  COVID : pourquoi l'immunité collective a été un mythe

L’agricoltura e l’industria alimentare, infatti, rappresentano un terzo delle emissioni di gas serra su scala globale (fino al 73% per il Brasile!), e questo non avviene solo attraverso la deforestazione dei terreni agricoli, ma anche attraverso i gas associati al bestiame e alle colture. (metano prodotto dalle mucche). Le risaie hanno un potenziale di riscaldamento su 100 anni 28 volte maggiore rispetto al biossido di carbonio2), Fertilizzanti azotati (protossido di azoto, 273 volte), Trasporti, Rifiuti.

Il rapporto del febbraio 2024 del Consiglio Supremo per i Cambiamenti Climatici conferma che i sistemi alimentari e la produzione agricola sono in prima linea nelle sfide climatiche. Rappresenta il 22% dell’impronta di carbonio della Francia, ovvero 2,1 tonnellate di anidride carbonica equivalente.2 (tonnellate di anidride carbonica equivalente) per abitante, mentre questo è il limite che ogni francese non dovrà superare nel 2050 secondo la Strategia nazionale Low Carbon. Continuare a mangiare come facciamo oggi, metà del quale è importato e principalmente carne, inciderebbe sul bilancio del carbonio. Non c’è più niente per cui correre, trovare alloggio, vestirsi…ma attenzione, i gesti ecologici e il passaggio a un’alimentazione più vegetale non saranno sufficienti. Sono tutte strutture materiali e mentali costruite su logiche estrattive della biodiversità e degli organismi da trasformare.

Possiamo solo lamentare il calo delle ambizioni climatiche dell’Europa per l’agricoltura e la sua scelta di sacrificare la biodiversità di fronte ai movimenti degli agricoltori… Quanta terra in più possiamo mangiare?