Febbraio 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

A quarant’anni dalla scoperta del virus responsabile della malattia, dov’è la ricerca di un vaccino?

A quarant’anni dalla scoperta del virus responsabile della malattia, dov’è la ricerca di un vaccino?

Il 20 maggio 1983, tre ricercatori francesi scoprirono l’HIV. Quarant’anni dopo, non esiste un vaccino per il virus.

Il mondo riuscirà mai a voltare pagina sull’HIV? Dalla scoperta del virus responsabile dell’AIDS il 20 maggio 1983, gli scienziati sono alla ricerca di un vaccino efficace per sconfiggerlo. Poiché in quattro decenni la vita quotidiana dei pazienti è migliorata notevolmente grazie alle triple terapie e alla PrEP, un trattamento profilattico che impedisce all’HIV di entrare nel corpo, non è stato ancora trovato un vaccino efficace.

E “grande rammarico”spiega Françoise Barré-Sinoussi, una delle ricercatrici che ha scoperto l’HIV e premio Nobel per la medicina, in Video rilasciato dall’Istituto Pasteur martedì. “Vorrei poter lasciare questo mondo pensando che l’HIV fosse stato debellato.” Questo è ancora lontano dal caso: nel 2021, Nazioni Unite comprese 38,4 milioni di persone convivono con il virus in tutto il mondo.

Un virus con molte mutazioni

Come spieghiamo che questa ricerca è così noiosa? Prima di tutto, l’HIV ha una fortissima capacità di mutare, permettendogli di sfuggire a un potenziale vaccino. “Il numero di varianti è incomparabile con il numero di varianti di Sars-CoV-2, è molto più alto”.Michaela Müller-Troutin, capo dell’unità HIV presso l’Istituto Pasteur in Francia, spiega: navigatorerivista specializzata edita da Sidaction. “Un singolo paziente infetto può trasportare milioni di specie diverse, più della varietà generata durante una pandemia influenzale globale. Quest’ultima, tuttavia, richiede lo sviluppo di un nuovo vaccino ogni anno”.Jean-Daniel Leliver, vaccinologo e capo del dipartimento di malattie infettive dell’ospedale Henri-Mondor di Créteil (Val-de-Marne), abbonda di Conversazione.

A differenza del SARS-CoV-2 o di altri agenti patogeni per i quali esiste un vaccino, il corpo umano non è in grado di produrre da solo anticorpi per neutralizzare l’HIV. Pertanto, è impossibile curare la malattia in modo naturale. Gli unici tre casi di remissione identificati finora riguardano persone che hanno beneficiato di un trapianto di midollo osseo. Questa specificità rende il compito difficile per i ricercatori che devono “Trovare una processione per portare la nostra immunità a radunare le sue forze e rimanere in grado di combattere l’HIV in modo efficace, il che richiede tempo”, Spiega Jean-Daniel Leifer L navigatore.

Tuttavia, in questi anni, sono state esplorate molte strade. Ad esempio, nel 2009 è stato testato un vaccino preventivo. Sebbene promettente, è stato efficace solo al 30%, come confermato dal professor Yves Levy, direttore del Vaccine Research Institute (VIR), con franceinfo, all’inizio del 2021. È stato interrotto nello stesso anno, per mancanza di risultati conclusivi. Il vaccino, chiamato Imbokodo, è stato testato dal 2017 su circa 2.600 giovani donne in Malawi, Mozambico, Zambia, Sudafrica e Zimbabwe, dove l’HIV è particolarmente diffuso. I risultati hanno mostrato un’efficacia del 25%, che è un punteggio inferiore rispetto al vaccino testato nel 2009.

READ  Imparare con YouTube #229: Scienticfiz, Lumni, L'Antiseche, Amazing Science...

Un candidato al vaccino francese è monitorato da vicino

Questi fallimenti hanno permesso ai ricercatori di comprendere meglio il virus e sviluppare una nuova strategia per combatterlo. Nel febbraio 2023, l’Agenzia nazionale per la ricerca sull’AIDS (ANRS) e l’Inserm hanno pubblicato i risultati molto incoraggianti di un candidato vaccino francese, a seguito di una sperimentazione preliminare, nota come “Fase 1”, condotta su un campione di 36 persone sane. “Il vaccino ha dimostrato di essere sicuro e di indurre risposte precoci, robuste e durature”.Yves Levi’s ha accolto con favore dell’ANRS.

Oltre ai risultati, è la sua strategia che viene esaminata dagli scienziati. Questo vaccino profilattico contro l’HIV è già il primo a basarsi su cellule dendritiche, Queste cellule del trapianto si trovano in tutto il corpo e sono in grado di innescare una risposta immunitaria. Questa modalità di funzionamento presenta diversi vantaggi: “In primo luogo, prendiamo di mira le cellule giuste, quindi selezioniamo i frammenti del virus, in questo caso l’involucro dell’HIV che gli consente di entrare nel corpo. Il terzo vantaggio è che stimoliamo la cellula dendritica, e quindi l’immunità. Infine, perché prendiamo di mira i frammenti giusti e la cellula giusta, non abbiamo bisogno di una grande quantità di vaccino”, Il professor Yves Levy ha spiegato a franceinfo nel febbraio 2021.

Tuttavia, i ricercatori rimangono cauti. “È una nuova strategia e dovremo quindi aspettare e vedere cosa produrrà”, ha detto. Jennifer Pasquer, direttore scientifico di Sidaction, ha osservato a marzo in Francia Inter. Inoltre, tCome esiste attualmente, questo vaccino “Forse no” Per questo ti ho scritto “Questo ci proteggerà dall’infezione. Il tipo di proteina che è stato applicato potrebbe non essere il tipo ottimale per il vaccino contro l’HIV”Minuti allo stesso tempo Jean-Daniel Lelièvre, con lancio (articolo riservato agli abbonati). Perché al momento, la preparazione testata è stata testata solo su un isolato (gruppo) del virus. Dopo questo primo passaggio, “Le osservazioni dovrebbero essere ampliate con altri isolati di HIV per vedere se gli anticorpi prodotti hanno capacità neutralizzanti ad ampio spettro”, ha detto. Spiega sempre lancioOlivier Schwartz, Direttore dell’Unità di Immunologia e Virologia dell’Istituto Pasteur.

READ  Il Girls' Science Club apre le possibilità STEM ai giovani studenti