Luglio 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Un fenomeno più sorprendente del previsto

Un fenomeno più sorprendente del previsto

“La grande macchia rossa di Giove” . Questo è il nome dato a questo anticiclone, più grande della Terra, che Cassini scoprì nel 1665 sul pianeta più grande del nostro sistema solare. Quasi quattro secoli dopo, questa regione sta lentamente rivelando i suoi segreti, prima grazie alla sonda Juno e ora grazie al telescopio spaziale James Webb. Nello specifico, grazie alle ultime immagini inviate da James Webb, gli scienziati ora sanno di più su questa misteriosa regione.

Innanzitutto bisogna ricordare che l’intensa luminosità dell’aurora del pianeta rende difficile l’osservazione dei dettagli dai telescopi terrestri. D’altra parte, grazie alla sensibilità agli infrarossi del telescopio James Webb, gli astrofisici possono ora studiare l’atmosfera superiore di Giove.

Gli scienziati scommettevano su un’area “noiosa”.

Questa parte costituisce l’interfaccia tra il suo campo magnetico e l’atmosfera sottostante, e lì possiamo osservare l’aurora boreale e quella meridionale, alimentate dal materiale vulcanico espulso da Io. Vediamo fasce di diversi colori o tempeste e nuvole enormi. Vicino all’equatore, la struttura dell’alta atmosfera è influenzata dalla luce solare e poiché Giove riceve solo il 4% della luce solare della Terra, gli astronomi pensavano che questa regione fosse uniforme e non avesse alcun significato visivo.

“Pensavamo, forse ingenuamente, che questa zona sarebbe stata davvero noiosa”, spiega nell’articolo dichiarazione Henrik Melin, team leader dell’Università di Leicester nel Regno Unito. “In realtà è altrettanto interessante, se non di più, dell’aurora boreale su Giove che non smette mai di sorprendere.”

Credito immagine: ESA/Web, NASA e CSA, team Jupiter ERS, J. Schmidt, H. Melin, M. Zamani Questo diagramma mostra la regione osservata: prima la sua posizione sull’immagine NIRCam dell’intero pianeta (a sinistra), e la regione stessa (a destra), che è stata ripresa dallo spettrometro nel vicino infrarosso del telescopio (NIRSpec).

Complessi strutturali

Infatti, le immagini di James Webb, scattate il 27 luglio 2022 come parte dell’Early Science Release Program, hanno rivelato strutture complesse sopra la famosa Grande Macchia Rossa. Il team di Henrik Melin ha scoperto archi oscuri e punti luminosi visibili nell’infrarosso. La fonte di questa differenza non è la luce solare, ma piuttosto gli strati profondi e turbolenti dell’atmosfera di Giove.

READ  Calma dalla parte del Covid-19, ma aumento delle malattie invernali

“Un modo per modificare questa struttura è utilizzare le onde gravitazionali, simili alle onde che si infrangono su una spiaggia, creando increspature nella sabbia”, continua Mellin. “Queste onde sono generate in profondità nella turbolenta atmosfera inferiore, attorno alla Grande Macchia Rossa, e possono viaggiare verso l’alto, modificando la struttura e le emissioni dell’atmosfera superiore”.

Queste onde atmosferiche possono essere osservate anche sulla Terra, ma sono molto più deboli di quelle rilevate da Webb su Giove. Il prossimo passo sarà studiare queste onde e comprendere il potenziale energetico di questa regione, nonché l’evoluzione delle loro proprietà nel tempo.