Maggio 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Wall Street appare in verde e rimbalza anche in Europa – 22/04/2024 alle 13:05

Una foto dell'edificio della Borsa di New York (NYSE).

Di Claude Chendjo

Si prevede che Wall Street salga all'apertura di lunedì, mentre i mercati azionari europei iniziano la settimana con un rimbalzo di metà sessione in un contesto di allentamento delle tensioni geopolitiche. I futures sull'indice di New York indicano un'apertura di Wall Street dello 0,50% per il Dow Jones, dello 0,59% per l'S&P 500 e dello 0,73% per il Nasdaq. A Parigi, l'indice CAC 40 è avanzato dello 0,26% a 8.043,16 punti intorno alle 10:35 GMT. A Francoforte il DAX ha guadagnato lo 0,66%. A Londra, il FTSE, ricco di materie prime, è salito più nettamente dell'1,44%.

L'indice europeo FTSEurofirst 300 è salito dello 0,46%, mentre l'indice EuroStoxx 50 per l'area dell'euro è cresciuto dello 0,39%. L'indice Stoxx 600, che venerdì ha registrato il terzo calo settimanale consecutivo, è rimbalzato dello 0,44%.

Questa ripresa è guidata dai titoli ciclici, soprattutto nel settore bancario (+0,82%) e dell'energia (+1,14%).

L'andamento di fondo resta tuttavia incerto mentre la settimana sarà caratterizzata, a livello microeconomico, dalle pubblicazioni delle principali aziende europee, soprattutto nel settore dei beni di lusso (Hermès, Kering) e bancario (BNP Paribas, Deutsche Bank, Barclays). . Negli Stati Uniti si prevede l’emergere di giganti come Tesla, Meta Platforms e Boeing.

Secondo i dati LSEG, 158 società dell'S&P 500 e 173 società dello Stoxx 600 pubblicheranno i risultati trimestrali questa settimana.

A livello macroeconomico, il mercato attende giovedì i dati sul PIL statunitense del primo trimestre e venerdì la pubblicazione dell’indice di inflazione PCE e della spesa al consumo per marzo negli Stati Uniti.

Il cauto ritorno agli asset rischiosi arriva in un momento in cui la settimana scorsa il mercato temeva che sarebbe scoppiato un incendio in Medio Oriente dopo le esplosioni in Iran, indicando una ritorsione israeliana nei confronti di Teheran. Ma il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir Abdollahian ha minimizzato l’importanza di questo “incidente”.

READ  Esclusivo - Un'auto leggendaria diventa elettrica: scopri il prototipo della nuova Renault 5

“Sembra che Israele e l’Iran non vogliano intensificare la crisi in Medio Oriente… e con i successivi attacchi da entrambe le parti che non sembrano imminenti, le preoccupazioni degli investitori si sono un po’ attenuate”, osserva Kazuo Kamitani, stratega di Nomura Securities.

Valori da seguire a Wall Street

Tesla ha ridotto il prezzo di alcuni modelli delle sue auto in Cina di circa 2.000 dollari (circa 1.870 euro), a seguito di una decisione simile presa negli Stati Uniti e in diversi paesi europei. Il titolo è sceso del 2,7% nelle negoziazioni pre-mercato a causa dei timori di una guerra dei prezzi.

Nvidia, che venerdì ha perso il 10%, lunedì è rimbalzata del 2,4% nel trading pre-mercato, trascinata al ribasso da Meta Platforms, Amazon e Alphabet, che sono saliti dallo 0,3% allo 0,9%.

Valori in Europa

Alstom (-0,16%) è scesa dopo aver annunciato venerdì la vendita della sua tradizionale attività di segnalamento nordamericana al produttore tedesco di sistemi ferroviari Knorr-Bremse (+4,26%) per circa 630 milioni di euro.

Le azioni Galp Energia sono aumentate del 17,58%. Il gruppo petrolifero portoghese ha annunciato che il suo giacimento di Mopane al largo della costa della Namibia potrebbe contenere almeno 10 miliardi di barili di petrolio.

Le azioni Iveco crollano del 3,42%, dopo che la casa automobilistica italiana ha annunciato la partenza del suo amministratore delegato, Gerrit Marx, per il gruppo americano CNH Industrial.

Una media

Il rendimento dei titoli tedeschi a 10 anni, il punto di riferimento della zona euro, è aumentato di oltre tre punti base al 2,539% mentre i timori di un’immediata escalation militare in Medio Oriente si sono attenuati e gli investitori si sono ora concentrati sui rischi in termini di inflazione e cambiamenti negli interessi chiave. aliquote.

READ  Elon Musk parla della possibilità di ricerca su Twitter

Il rendimento dei buoni del Tesoro con la stessa scadenza aumenta di circa quattro punti base portandosi al 4,6559%.

i cambiamenti

Il dollaro rimane forte (+0,04%) contro un paniere di valute di riferimento, tra cui l'euro scambiato a 1,0652 dollari (-0,02%) e la sterlina britannica a 1,2337 dollari (-0,27%).

L’indice del dollaro ha registrato forti fluttuazioni la scorsa settimana nel contesto delle tensioni in Medio Oriente, con l’indice di volatilità valutaria della Deutsche Bank in aumento del 9,7% al livello più alto da febbraio.

olio

Il mercato petrolifero registra un calo dovuto al venir meno delle tensioni geopolitiche: il greggio Brent è sceso dello 0,58% a 86,78 dollari al barile e il greggio leggero americano (West Texas Intermediate) dello 0,40% a 82,81 dollari.

I due greggi Standard Oil hanno guadagnato più di tre dollari al barile venerdì all'inizio delle contrattazioni dopo le esplosioni avvenute in Iran.

(Scrittura di Claude Chendjo, montaggio di Blandine Hinault)