Giugno 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Verrà potenziato il collegamento elettrico tra Corsica, Sardegna e Italia

Verrà potenziato il collegamento elettrico tra Corsica, Sardegna e Italia

Si tratta di un progetto farsesco ed essenziale per il futuro dell’approvvigionamento elettrico della Corsica, realizzato sotto l’egida di EDF e della sua filiale italiana Terna. In due comunicati stampa pubblicati questo martedì, EDF e la Commissione di regolamentazione dell’energia (CRE) annunciano l’inizio dei lavori per rafforzare il collegamento Sardegna-Corsica-Italia, noto come SACOI 3. au 2Gi Trimestre 2024 ». « Questo è un progetto che stiamo preparando da anni. », commenta Vincent de Rule, direttore regionale di EDF in Corsica. Inizialmente prevista per il 2024, la messa in servizio della struttura è stata leggermente ritardata a causa di rischi imprevisti. ” Abbiamo subito ritardi a causa della crisi covid che ha in una certa misura ostacolato il progresso del progetto. La crisi in Ucraina e la conseguente crisi energetica hanno reso un po’ più complicata la realizzazione di questo tipo di progetti. Scegliere il partner migliore richiede il riavvio di alcune operazioni basate su soluzioni tecnologiche. Oggi disponiamo di un programma operativo per questo progetto SACOI 3 entro la fine del 2029. », riferendosi al direttore regionale dell’EDF.

Costruito nel 1964, SACOI è un impianto a corrente continua per trasportare la produzione di energia elettrica dalla Sardegna all’Italia continentale e alla Toscana attraverso la Corsica. Dal 1986 serve anche la nostra isola collegata alla rete tramite la Louisiana Conversion Station, che le permette di prelevare 50 megawatt di elettricità. Un contributo importante al sistema elettrico corso, che permette di garantirne l’approvvigionamento elettrico e di sostenere in particolare lo sviluppo dell’area metropolitana di Bastia. Una nuova fase si raggiunse nel 1992 con il progetto SACOI 2 e il rinnovamento delle stazioni di conversione della Sardegna e della Toscana, che riuscirono ad aumentare la capacità di trasmissione da 200 a 300 MW. Ma l’energia ricevuta dalla rete corsa rimane la stessa, poiché è sufficiente a soddisfare il fabbisogno dell’isola. Tuttavia, la prospettiva di cambiamenti significativi nel consumo elettrico sempre crescente dovuto alla crescita della popolazione corsa e alla proliferazione degli usi dell’elettricità ha spinto la Comunità corsa (CdC) ad anticipare il futuro. Quando nel 2015 è stato adottato il Programma energetico pluriennale (PPE), esso si poneva l’obiettivo di aumentare l’energia recuperata dalla Corsica attraverso la connessione SACOI, sfociando nel progetto SACOI 3 lanciato nel 2017 da EDF e dal suo partner Terna. Connessione da 300 a 400 MW.

READ  Arriva in Italia una settimana lavorativa di 4 giorni

1,5 miliardi di euro

Un aggiornamento molto atteso “Tre motivi principali ». « Sostituiremo un impianto che ha quasi 40 anni, è obsoleto, ma continua a fornire un buon servizio alla rete elettrica. Inoltre, l’efficienza energetica che possiamo ottenere raddoppia. Infine, tutto ciò fa parte di un piano molto più ampio a sostegno della transizione energetica », spiega Vincent de Rule, descrivendo che il progetto sarà suddiviso in diverse fasi. ” Inizieremo i lavori volti a migliorare la rotta aerea esistente tra la Louisiana e Bonifacio “, lui chiede. ” Successivamente si tratta delle linee sottomarine tra la Sardegna e la Corsica, tra la Corsica e la Toscana, e le linee sotterranee nell’arrivo dei sottomarini. “.In questo caso è prevista la realizzazione di due nuovi elettrodotti interrati e la sostituzione di tutti i cavi.” Successivamente, il 1° inizierà un importante cantiereC’è Nel trimestre del 2025 verrà costruito un nuovo impianto in sostituzione di quello esistente presso la stazione di conversione della Louisiana », prosegue il direttore regionale di EDF, sottolineando che la stazione della Louisiana – l’attrezzatura che permette di estrarre l’energia che circola nelle linee – raddoppierà la sua capacità di prelievo da 50 a 100 MW. Contestualmente verranno sostituite anche le stazioni di conversione in Sardegna e Toscana. La gara d’appalto per la costruzione di queste tre stazioni di conversione è stata vinta dalla joint venture Hitachi/Razel Beck/Pelligrini.

Riconosciuto come Progetto di Interesse Comune dall’Unione Europea nel 2017 “Risposte alle questioni di politica energetica francese e italiana », il progetto è stato verificato anche dai regolatori francesi e italiani – CRE e la sua controparte, Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) -. Quest’ultima ha sostenuto EDF e Terna garantendo il sostegno pubblico per finanziare il lavoro verificato all’inizio dell’anno dai governi di entrambi i Paesi. “In totale il progetto costerà 1,5 miliardi di euro, di cui due terzi saranno pagati dal nostro partner Terna per tutti i lavori di linea e le stazioni di conversione che saranno realizzati in Italia. Circa 500 milioni di euro saranno a carico di EDF. Il tutto rientra nel quadro degli accordi tra i regolatori francese e italiano: questi importi vengono investiti dagli operatori, ma esiste un quadro normativo che garantisce il funzionamento del lato finanziario di questo tipo di partenariato. », rivela Vincent de Rule.

READ  I mercati azionari chiudono in rialzo; Investing.com Italy's 40 Index ha guadagnato l'1,64% da Investing.com