Giugno 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Venere: questa rete di palloncini studierà il suo vulcanismo!

Venere: questa rete di palloncini studierà il suo vulcanismo!

Vulcani su Venere! E se inviassimo palloncini direttamente nell’atmosfera di Venere per raccogliere informazioni sull’attività vulcanica del pianeta? Questa è l’idea che è stata sviluppata in scienza diretta dai ricercatori del Jet Propulsion Laboratory della NASA. Diversi palloncini indipendenti possono monitorare l’attività del vulcano. Inoltre, i satelliti in orbita attorno al pianeta lo controlleranno.

Venere è il pianeta più caldo del sistema solare

Venere è molto simile alla Terra. Hanno le stesse dimensioni e massa, nonché una composizione chimica simile. Ma la somiglianza finisce qui, perché Venere, a differenza del nostro bellissimo pianeta blu, è un vero inferno. Mercurio è il pianeta più vicino al sole. Tuttavia, è Venere, che è seconda in termini di distanza dalla nostra stella, ed è il pianeta più caldo del sistema solare.

A causa del forte effetto serra, la temperatura media sulla superficie di Venere è di circa 470 gradi Celsius. Questo effetto serra è dovuto all’atmosfera estremamente densa, composta quasi interamente da anidride carbonica. La pressione atmosferica sulla superficie di Venere è circa 92 volte la pressione atmosferica sulla Terra. Questo è fantastico atmosfere Molto denso contiene anche nubi di acido solforico larghe da 30 a 90 km. Blocca fino all’80% della luce solare. Il vento spazza questo ambiente infernale. Può raggiungere velocità superiori a 360 km/h in determinate aree, in particolare all’equatore del pianeta.

Venere ha un nucleo metallico centrale che può essere liquido o solido al centro e liquido in superficie. Tuttavia, la mancanza di un campo magnetico interno indica un nucleo completamente liquido. Al di sopra di questo nucleo si forma un mantello estremamente spesso di silicati e ossidi. La crosta del pianeta, spessa una ventina di chilometri, contiene uno strato di silicato. Questa crosta è composta per il 70% da pianure. Il restante 30% è costituito da profondi canyon, alte montagne e numerose cupole vulcaniche.

Leggi anche: Lo studio fa luce su come l’attività geologica su Venere modella la sua superficie

Vulcani attivi su Venere

Gli astronomi sono da tempo convinti che Venere abbia un vulcanismo attivo. pubblicato in Scienze Solo pochi giorni fa hanno mostrato la scoperta dei principali segni di attività vulcanica attiva sul pianeta. Gli astronomi hanno analizzato i dati della sonda spaziale Magellan. Così, hanno scoperto modifiche geologiche della crosta del pianeta. Hanno anche osservato tracce che interpretano come flussi piroclastici che indicano vulcani attivi.

READ  📰 Il polo nord magnetico si sta muovendo molto velocemente: spiegano gli scienziati

La navetta spaziale statunitense Atlantis ha lanciato la sonda spaziale Magellan il 4 maggio 1989. Quindi la sonda è entrata in orbita attorno a Venere il 10 agosto 1990. Questa sonda si è avvicinata il più possibile a Venere per raccogliere quanti più dati possibile. Ciò ha permesso di creare la prima mappa dettagliata della superficie del pianeta. Per penetrare nella densa atmosfera di Venere, Magellan dispone di un potente radar con apertura artificiale.

Gli scienziati del Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA stanno utilizzando una rete di palloni a guida autonoma. Grazie a lui, credono di poter penetrare nel cuore dell’inferno di Venere. L’obiettivo è studiare da vicino questo fenomeno, la cui esistenza è stata confermata pochi giorni fa: i vulcani.

Questa missione consisterà nell’utilizzare una rete sovrapposta di palloni controllati in quota da un satellite in orbita attorno a Venere. Per progettare i palloni, i ricercatori adotteranno il concetto di palloni con galleggiabilità variabile e controllo della missione iRobot Venus ad altezza variabile 2022.

Gli astronomi usano una tecnica chiamata microinfrasuoni. Grazie a ciò, i palloncini possono fluttuare nell’atmosfera di Venere. In questo modo possono avvicinarsi il più possibile ai vulcani attivi per raccogliere quanti più dati possibile.

Leggi anche: La NASA monitora per la prima volta un vulcano attivo su Venere

Un satellite per guidare i palloncini nella giusta direzione

Video di un prototipo di pallone a galleggiamento variabile per l’esplorazione di Venere
Crediti: JPLraw/Youtube
Link a questo video: https://www.youtube.com/watch?v=Ug6B2hnNk3I

Ogni pallone della rete conterrà un microbarometro a infrasuoni. È un piccolo dispositivo che può aiutare a rilevare le differenze di pressione nell’atmosfera di Venere causate dalle eruzioni vulcaniche.

READ  Il riscaldamento dell'Oceano Artico è iniziato decenni prima di quanto previsto dalla scienza

Anche se rileviamo un’eruzione vulcanica, sarà comunque necessario che un pallone a griglia situato il più vicino possibile al vulcano possa recarsi lì per iniziare a raccogliere dati. L’atmosfera di Venere è soggetta a forti correnti di diverse direzioni e velocità. Un pallone che segue queste correnti avrebbe poche possibilità di raggiungere il sito dell’eruzione vulcanica.

È qui che può entrare in gioco la rete di palloni sovrapposti e soprattutto il satellite in orbita attorno a Venere. Sarebbe in grado di rilevare la corrente nell’atmosfera del pianeta che il pallone potrebbe utilizzare per viaggiare verso una posizione specifica. Se un pallone non riesce ad arrivarci per vari motivi, i ricercatori potrebbero pianificare di poter trasmettere le informazioni a un altro pallone nella rete che si trova nelle vicinanze.

Una volta raggiunto il luogo in cui un vulcano venusiano sarebbe appena eruttato, il pallone avrà la possibilità di far cadere uno o l’altro dispositivo nel cratere vulcanico per raccogliere il massimo dei dati. Questi dati devono essere raccolti in un periodo di tempo molto breve. In effetti, il vulcano distruggerebbe rapidamente il dispositivo.

Leggi anche: Venere è stata abitabile per una piccolissima parte della sua storia!