Febbraio 26, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Un’ordinanza del Senato inasprisce le misure nei confronti dei minori immigrati non accompagnati

Un’ordinanza del Senato inasprisce le misure nei confronti dei minori immigrati non accompagnati

Giovedì 30 novembre il Senato italiano ha adottato con fermezza un decreto governativo sull’immigrazione approvato nell’ottobre 2023. Il discorso del governo Meloni è stato modificato nel percorso alla Camera dei Deputati.

Pubblicato da:

2 milioni

Con il nostro corrispondente da Roma, Anne Le Nir

L’Italia ha accettato il mandato dopo essere stata nuovamente condannata dalla Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) per la sua detenzione. Condivisione“Quattro minori ghanesi” In condizioni disumane e degradanti Per quasi due mesi nel 2017.

Ora, i minori stranieri non accompagnati che hanno almeno 16 anni possono essere trattenuti nei centri di detenzione per adulti fino a cinque mesi. Per i minori di 16 anni la durata della permanenza negli istituti minorili aumenta da 30 a 45 giorni. La nuova legge prevede un aumento massimo della capacità del 100% nei centri di prima accoglienza per adulti e del 50% negli istituti riservati ai minori in caso di migrazioni significative.

Per saperne di piùL’Italia trasferirà in Albania i migranti soccorsi in mare

I minori devono essere tutelati senza discriminazioni

Inoltre, l’esame antropometrico e le radiografie sono ben consolidati per verificare l’età dei giovani migranti. Tutte queste disposizioni sollevano serie preoccupazioni nell’opposizione di centrosinistra. L’Associazione Save the Children lancia l’allarme e ricorda che l’esigenza di tutelare i minori, senza distinzione di nazionalità o provenienza, è sancita dalla Costituzione italiana.

Attualmente in Italia sono 23.500 i minori migranti non accompagnati, di cui oltre 17.000 previsti nel 2023.

Per saperne di piùInasprimento delle politiche migratorie: “Se muoio preferisco andare nel Mediterraneo”