Giugno 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Un’esperienza di pre-morte o di fine vita… quando la scienza è interessata all’aldilà

Un’esperienza di pre-morte o di fine vita… quando la scienza è interessata all’aldilà

Esperienza di pre-morte (EMI), esperienza di fine vita (uno stato di coscienza elevato sull’orlo della morte), un’esperienza soggettiva di comunicazione con un defunto… Questi fenomeni sono tanto affascinanti quanto inquietanti. Per il dottor Christophe Faure, specializzato in lutto e supporto di fine vita, fanno parte della routine. “All’inizio della mia pratica, ho avuto difficoltà a credere nella realtà di queste manifestazioni”, dice lo psichiatra.Tuttavia, nel corso degli anni, mi è sembrato difficile minimizzare queste esperienze condivise con altri caregiver.Molti pazienti mi hanno confidato, imbarazzato: “Dottoressa, io sono una persona molto cartesiana, ma a me è successo così…” Da psicoterapeuta non potevo fare a meno di sentirle. Così mi sono immerso in pubblicazioni scientifiche come bisturiE Giornale medico britannico O Giornale di cure palliativePer approfondire la mia conoscenza. raggiungerlo, Questa vita… e oltre (Albin Michel), compilando le loro opere in un linguaggio accessibile. Una pietra nella pozza delle nostre certezze.

banca dati globale

“Sono stato sollevato nel vedere che la mia pratica sul campo aveva trovato una cornice rigorosamente scientifica”, continua lo psicologo. La Francia ha risposto in ritardo a queste domande, mentre il mondo anglosassone se ne è occupato per sessant’anni. I ricercatori sono pragmatici. il mondo ha questo tipo di esperienza Quindi devi scavare! E così questi accademici, medici, biologi hanno iniziato… raccogliendo centinaia di migliaia di prove. Questi dati sono stati analizzati, rivisti e confrontati”. messo in discussione, ma spicca l’accumulo di questi milioni di testimonianze, molto diverse nel loro contenuto.Ripeti questa domanda. Nelle esperienze di pre-morte o di fine vita, ad esempio, troviamo quasi sempre la visualizzazione di un “tunnel” e di un ambiente descritto come “paradiso” (cascata, campane che suonano, alberi e fiori, ecc.), che è costituita da persone care o altre entità defunte (“Esseri di Luce”), nonché raggiungere una forma di “Conoscenza Assoluta”, seguita da un (doloroso) ritorno al corpo. Nelle esperienze di fine vita, una persona è consapevole di quando morirà, a volte con precisione; Inoltre “incontra” i propri cari defunti e sembra oscillare tra due realtà, pur rimanendo consapevole di entrambi i piani di esistenza. Esperienze soggettive di contatto con il defunto testimoniano sistematicamente di “presenza”, contatto uditivo (voce del defunto), tattile (contatto, bacio…), olfattivo (profumo, odore di sigaro…) o visivo. fastidioso. »

READ  Covid: la variante di Acturus prende di mira i bambini, attenzione all''occhio rosa', sintomo di questo nuovo ceppo di Omicron

Da scoprire anche:tunnel? scorrimento della vita? Finalmente sappiamo cosa succede nel cervello dopo la morte

Solo una proiezione della mente?

E se queste storie fossero solo il prodotto della nostra immaginazione? O una sorta di difesa naturale predisposta dal subconscio per proteggerci dalla paura della morte? “Questo è ciò che apprendiamo durante gli studi medici”, ha ragionato il dottor Foret. Così i ricercatori hanno deciso di esplorare le principali obiezioni neurologiche, metaboliche o psicologiche. Nessuno resiste alla loro analisi scientifica! Hanno anche esaminato le informazioni che le persone hanno riportato per misurare la credibilità di le storie, il loro stato di salute e il loro grado di intelligibilità. Tutte le loro conclusioni indicano la stessa tendenza. Queste esperienze possono verificarsi solo perché la coscienza (la capacità di percepire, sentire e generare pensieri, ricordi ed emozioni) esiste indipendentemente da il cervello e la sua attività neurale.La prova di ciò è che nei casi di EMI (coma, arresto cardiaco e respiratorio), il cervello è in uno stato di azione mutevole o inesistente, tuttavia la coscienza conserva tutti i suoi poteri di percezione e pensiero.

Salto quantico…

Questa ipotesi sconvolge chiaramente l’ipotesi che la coscienza sia un prodotto dell’attività cerebrale. “L’imaging ha mostrato che c’era davvero una connessione tra il cervello e la coscienza, ammette lo psichiatra. Si è dedotto che la coscienza fosse presente nel cervello, senza poterlo provare. Quando sei vincolato da un concetto molto ristretto, che non non corrisponde alla ‘realtà’, non dovresti cambiare il paradigma? Così progredisce la scienza! Nulla vieta di considerare che la coscienza è, in certe circostanze, legata al cervello e alla sua attività neurale, e che in altre essa è indipendente da esso. Ciò permetterebbe di dare una migliore spiegazione di ciò che si osserva in Fenomeni dichiarati come “non scientifici”. Alcuni ricercatori si spingono fino a ipotizzare che esista una realtà diversa dalla sola dimensione fisica terrestre, in cui il flusso di coscienza dei morti continua.Questa visione della coscienza senza una posizione precisa è anche coerente con i contributi della fisica quantistica, che afferma che la coscienza precede la Materia e l’effetto.

READ  Denti di megalodonte trovati nelle profondità del mare

Non essere più timido

“Devo andarmene adesso, mi stanno aspettando dall’altra parte”, avverte uno di loro in fin di vita, pochi minuti prima di morire. “Vai per la tua strada, io sono con te”, sussurra una madre morente all’orecchio di sua figlia … “Questo tipo di discorso è una vera sfida per le nostre abitudini di pensiero, ammette lo psichiatra. Se la nuova conoscenza ci consente almeno di essere in grado di accoglierli con rispetto e apertura (“Sì, quello che mi dici è stato studiato, cosa significa per te?”, invece di “Smettila di non dire niente!”) E liberare una persona dalla timidezza e dall’isolamento, questo è già un grande passo avanti. Ma attenzione a non cadere nel “debito” che ti viene imposto dalla guida di un fabbro: “Non essere triste, troverai le persone che ami!” È necessario rispettare le mancanze, i rimpianti, le sofferenze o le difficoltà quotidiane affrontate dalla persona in lutto o in procinto di partire. È un errore pensare che questi esperimenti facilitino i test. D’altra parte, certamente illuminano la strada e le danno un altro significato. »

Da scoprire anche: Morte, osiamo parlarne: scopri la nuova Special Edition Femina Edition

Un nuovo modo di vedere la vita

Quasi sempre le esperienze di pre-morte comportano profondi cambiamenti nella vita: il rapporto con gli altri, la riqualificazione professionale, l’allontanamento dalle preoccupazioni materiali…” […]. Mio nonno, morto di leucemia, mi disse che dovevo tornare indietro, perché avevo ancora delle cose da fare con la mia vita”, spiega un testimone. “Le persone ne escono sempre con una lezione di saggezza e amore compassionevole”, osserva Dr. Forey. Un uomo anziano piuttosto burbero mi ha sorpreso. Dicendo: “Ovviamente, l’amore è ora la mia massima priorità.” Come psicoterapeuta, sappiamo quanto sia difficile per alcuni pazienti cambiare la loro visione di se stessi, e a volte ci vuole anni. Lì, abbiamo individui che fanno esperienze brevi e tornano trasformati! E questa nuova fissazione dura tutta la loro vita. Sottolinea la Sua Donna, “Mi sono sentita amata da un essere di luce in un modo al di là di qualsiasi cosa io abbia conosciuto. Se avessi saputo quanto potevo essere amata, forse non avrei perso così tanto tempo a odiarmi. Si è inoltre notato, in tutti questi soggetti, una significativa diminuzione della paura della morte, “e soprattutto della vita”, ha concluso l’autore di Questa vita… e oltre. Forse è questa la principale lezione di questi fenomeni paranormali: l’urgenza di pensare al senso della propria vita, della propria “missione” sulla Terra…

READ  Il tuo telefono ti sta ascoltando? 6 cose da sapere