Febbraio 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Una piccola lucertola fa risalire l’origine delle cupole al Triassico

Una piccola lucertola fa risalire l’origine delle cupole al Triassico

Una piccola lucertola vissuta durante il Triassico superiore, 202 milioni di anni fa. Ecco da cosa provengono i ricercatori Scuola di geoscienze di Bristol (Inghilterra) Trovato in un armadio al Natural History Museum di Londra. Dagli anni ’50, il fossile in questione è stato presentato con esemplari di Clevosauro – Cugino vicino Palazzo Tuatara Nuova Zelanda – nascondendo la sua vera natura. Poiché gli scienziati di Bristol hanno mostrato in una piccola lucertola una quindicina di caratteristiche caratteristiche dei crostacei, questi vertebrati a quattro zampe sono dotati di squame e sono in grado di muta, come, ad esempio, i serpenti. Questa scoperta potrebbe cambiare la storia di questo sistema, facendo risalire le sue origini e la sua diversificazione indietro nel tempo di decine di milioni di anni…

Cranio di Cryptovaranoides microlanius visto di lato.

>> Leggi anche: La fluorescenza rivela modelli nascosti di molluschi del Triassico

Squat del Triassico superiore

La microscopia a raggi X ha permesso ai ricercatori di modellare il fossile di Londra in 3D, rivelando le minuscole ossa nascoste nella roccia. Trovato nella cava di Cromhall nel sud-ovest dell’Inghilterra, il fossile corticale è rappresentato da uno scheletro parziale (colonna vertebrale, cintura pettorale e arti anteriori) attaccato al cranio e alla mandibola, oltre ai resti del cranio e dell’insula postcraniale. Le piccole dimensioni del cranio stesso (appena 14 mm di lunghezza) indicano che l’esemplare era un giovane di questa nuova specie, chiamata Cryptovaranoides microlanius. Il primo termine deriva dal greco crittografia (“Nascosto”) e arabo Lancia (“Lizard Dragon”), si collega all’oblio di oltre 70 anni di un piccolo fossile. Il secondo capitolo, tratto dal greco microscopico (“piccolo”) e latino Sufi (“macellaio”), si riferisce ai denti a lama ricurva dell’animale che gli consentirebbero di catturare e immobilizzare la sua preda: artropodi e altri piccoli vertebrati.

READ  Questo incredibile fenomeno luminoso non è un'aurora ma uno steve

Se trovare questa lucertola inglese è così importante, è soprattutto perché i dati sulle prime conchiglie sono scarsi. Noureddine Jalil, professore e capogruppo al Museo Nazionale di Storia Naturale, conferma: “È certamente correlato alle sue piccole dimensioni e al numero ridotto di siti fossilizzati negli antichi ambienti continentali di quest’epoca, rispetto ai siti marini”. Parigi, specializzata in rettili fossili del periodo Permiano-Triassico. Lo scheletro di Cryptovaranoides microlanius È quindi una risorsa straordinaria per gli specialisti che cercano di rintracciare le origini delle erbe infestanti. Le origini e la diversificazione in diversi lignaggi la cui età sarebbe da 30 a 50 milioni di anni più antica dei più antichi esemplari conosciuti risalenti al periodo Giurassico medio, 168 milioni di anni fa!

Esemplare fossile di Cryptopharanoids che mostra il suo cranio (a sinistra) e lo scheletro (in basso a destra).

>> Leggi anche : Gli scienziati scoprono fossili di vermi marini che vivevano in un clima artico marocchino!

CPE: Pioggia e Sun Domes

L’era mesozoica (da -252 a -66 milioni di anni fa) traccia la più grande crisi biotica nella storia della Terra. Così, la transizione tra il Permiano e il Triassico vide la scomparsa di quasi il 70% dei vertebrati terrestri! All’indomani della crisi della biosfera, “gli organismi si sono trasformati in nuove forme, che hanno finito per evolversi verso organismi intermedi classici”, descrive Noureddine Jalil. Il culmine di queste transizioni si ebbe durante il Triassico superiore (da -237 a -201 milioni di anni fa), quando gli ecosistemi si ripresero dall’ultima estinzione. Quindi gli animali sono costituiti da una miscela di tipi di vertebrati. Da un lato quelli che non sarebbero sopravvissuti al Triassico: gli ultimi rappresentanti degli anfibi temnospondilici, i dicinodonti costituivano i principali consumatori delle ere passate, e soprattutto una grande varietà di archosauri non avemetatarsali. D’altra parte, i rappresentanti di quest’ultimo sono destinati a fiorire per tutta l’era mesozoica: i primi dinosauri e pterosauri.

READ  Voici Elfen Lied, l'anime de science-fiction qui a inspiré l'histoire d'Eleven (Stranger Things)

Come spieghiamo la radiazione evolutiva dei dinosauri? Mentre il Triassico superiore è noto per la sua aridità generalizzata, un evento climatico turba profondamente la biodiversità: si tratta dell’Evento Pluviale Carnico (CPE), avvenuto circa 232 milioni di anni fa. Poi forti piogge cadono su vaste aree del Paese Pangea“Questo potrebbe essere il risultato di una combinazione di rifting del supercontinente, associato a vulcanismo attivo, e disturbi nei percorsi di circolazione atmosferica e oceanica”, spiega Noureddine Jalil. Le nuove condizioni climatiche hanno visto l’emergere dei dinosauri, così come l’emergere di altri gruppi come tartarughe, coccodrilli, mammiferi… Secondo i ricercatori di Bristol, i pangolini avrebbero beneficiato della stessa “spinta”, che avrebbe poi portato all’emergere di Cryptovaranoides microlanius E la scoperta di un fossile giovanile in Inghilterra, molto più tardi…

>> Leggi anche: Cosa rende velenosi i serpenti uncinati?