Ottobre 20, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Tutti i seggi vinti da candidati maschi

Il sondaggio è stato senza precedenti. Sabato 2 ottobre, i qatarioti hanno votato per eleggere la maggioranza del loro corpo legislativo. Il risultato non dovrebbe cambiare gli equilibri di potere in questo ricco paese del Golfo governato da una famiglia dominante e dove i partiti politici rimangono banditi.

Gli elettori sono stati invitati a selezionare 30 dei 45 membri del Consiglio della Shura, un organo consultivo con poteri limitati. Quest’ultimo può proporre leggi, approvare il bilancio, o anche revocare ministri, poteri che prima non aveva. Fino ad allora, tutti i membri di questo consiglio erano nominati dall’emiro Tamim bin Hamad Al Thani. Ma quest’ultimo si riserverà il diritto di veto sulle decisioni prese.

Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche In Qatar un battesimo elettorale ben inquadrato

Secondo il ministero dell’Interno, i candidati maschi hanno vinto i 30 seggi da assegnare. Nessuna delle 28 donne ammesse a candidarsi è stata eletta. L’emiro del Qatar, responsabile della nomina degli altri 15 membri del Consiglio della Shura, può ridurre questo squilibrio nominando delle donne. Non si sa quando verranno annunciate queste nomine e quando il Consiglio terrà la sua riunione inaugurale.

La metà dei candidati parte lo stesso giorno

L’affluenza alle urne è stata del 63,5%, secondo i dati ufficiali, molto di più rispetto alle elezioni comunali del 2019 in cui ha votato meno di un elettore su dieci.

“All’inizio della giornata, ho sentito molte persone dire che non avrebbero votato, pensando che non ci sarebbe stato alcun cambiamento, ma abbiamo visto molti elettori”Ha detto un membro del comitato organizzatore per le elezioni a Doha Sultan Abdullah al-Kuwari.

READ  Niente più mascherine a scuola in alcuni reparti da inizio ottobre

La maggioranza dei 2,5 milioni di abitanti del Qatar, il più grande produttore ed esportatore mondiale di gas naturale liquefatto, è straniera e quindi non può votare. Dei 330.000 qatarioti, solo i discendenti della popolazione indigena del paese nel 1930 hanno il diritto di votare e candidarsi, escludendo automaticamente le famiglie che nel frattempo sono state naturalizzate.

Così, i membri dell’importante tribù Murra sono stati esclusi da questa elezione, che ha suscitato accesi dibattiti sui social network.

Secondo la nuova agenzia governativa del Qatar, si sono presentati 233 candidati. Tutti dovevano ottenere un permesso dal Ministero dell’Interno. Ma secondo la televisione di stato, 101 di quei candidati hanno gettato la spugna il giorno del voto per sostenere altri contendenti per la posizione nei rispettivi collegi elettorali. “Quando i candidati si rendono conto che non hanno possibilità di vincere un seggio, decidono di sostenere gli altri candidati”., osserva Andreas Craig, professore al King’s College di Londra.

Voto sotto controllo internazionale

Questo primo voto legislativo si è svolto a suffragio universale diretto, sancito dalla costituzione del 2004, ma è stato più volte rinviato, quando il paese era sotto il controllo internazionale.

Un anno prima della Coppa del Mondo FIFA in Qatar, le autorità ritengono che organizzare queste elezioni “Attrarrai un’attenzione positiva” A proposito dello stato, dice Luciano Zaccara, specialista in affari del Golfo alla Qatar University.

Sebbene si siano svolte alcune manifestazioni politiche, durante la campagna elettorale tutti i candidati hanno evitato di discutere della politica estera del proprio paese o dello status della monarchia, preferendo concentrarsi su questioni sociali come salute, istruzione o diritti umani e cittadini.

READ  Il Regno Unito vuole cambiare le regole del protocollo dell'Irlanda del Nord dopo la Brexit
Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche “L’obiettivo del Qatar è sempre stato che i Mondiali del 2022 fossero un’eredità positiva per il nostro Paese e la regione”.

Il mondo con AFP