Ottobre 20, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Tra i palestinesi, la fine della corsa ai prigionieri ha riaperto il processo di fedeltà agli arabi israeliani

Messaggio da Gerusalemme

Quasi due settimane di jogging, cross station e poi docce fredde. L’arresto dei sei palestinesi fuggiti dal carcere israeliano di Gilboa il 10, 11 e 18 settembre ha suscitato grande delusione tra i palestinesi. Secondo gli avvocati di due degli uomini, etichettati come eroi nazionali, il gruppo sembra non avere alcun piano una volta attraversate le mura della prigione. Catturati cinque giorni dopo, i primi quattro non riuscirono a raggiungere la Cisgiordania, vagando in piccoli gruppi nelle campagne, nutrendosi di bacche e lottando per l’acqua.

Le loro orecchie erano incollate alla radio per seguire le notizie del loro inseguimento, ed è chiaro che non hanno ricevuto sostegno dalle loro organizzazioni (Fatah e Jihad islamica, un piccolo gruppo dedito all’azione violenta). Secondo le autorità israeliane, nelle vicinanze di Nazareth, due di loro hanno cercato di cercare cibo dai residenti. Sono stati catturati vicino al monte Qafzeh, a sud della città.

Il più famoso è Zakaria Al-Zubaidi. Ex capo delle Brigate Fatah a JeninNel nord della Giordania Sej, durante la seconda intifada (2000-2005), è stata trovata disidratata poco dopo in un parcheggio a est di Nazareth. Il suo avvocato ha detto che gli uomini che lo hanno arrestato gli hanno rotto la mascella e le costole mentre era ammanettato. Altri due sono stati arrestati a Jenin sabato 18 settembre. Si erano nascosti fuori dal campo profughi della città, che era in guerra da due settimane, e si arresero senza opporre resistenza.

Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche Nelle strade di Jenin, puzza l’odore delle notti di pistola

Ma la cosa più difficile per l’opinione palestinese è che i residenti di Nazareth, la città araba in Israele, che li hanno visti mentre vagavano, hanno facilitato il loro arresto, secondo la polizia israeliana, un tradimento della causa nazionale. “Per quattro giorni i fuggitivi hanno pensato di ricevere aiuto e sostegno dagli arabi di Israele, e si sono sbagliati”. Il ministro della Pubblica Sicurezza israeliano Omar Bar-Lev ha ricevuto l’11 settembre.

READ  A Mosca, l'opposizione vincente di domenica... ma ha spazzato via lunedì

I nomi e le foto dei residenti di Nazareth, accusati di aver denunciato i latitanti, si sono diffusi sui social palestinesi. Le parti coinvolte hanno negato. I residenti di Jenin hanno esortato i residenti di Nazareth a non visitare la loro città. Gli arabi da Israele di solito vengono in massa per trascorrere il fine settimana, fare shopping o ricevere cure mediche a basso costo.

Jamal Al-Zubaidi, lo zio di Zakaria, lo ha detto su Facebook“Da oggi, in che cosa [le] ha riguardato, [les Palestiniens d’Israël] Sono arabi israeliani – beduini israeliani, drusi israeliani, cristiani israeliani e circassi israeliani – i cui figli prestano servizio nell’esercito israeliano e [travaillent] Nelle compagnie di difesa israeliane ne sono orgogliosi, alzano la bandiera israeliana e cantano Hatekva »L’inno nazionale israeliano.

Hai il 57,5% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.