Giugno 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Secondo Joe Biden, Israele propone di ritirarsi dalle zone più densamente popolate della Striscia di Gaza per sei settimane

Secondo Joe Biden, Israele propone di ritirarsi dalle zone più densamente popolate della Striscia di Gaza per sei settimane

Le Nazioni Unite avvertono che la vita è diventata “orrenda” nel sud di Gaza

È diventata vita “Apocalittico” Venerdì le Nazioni Unite hanno espresso la loro preoccupazione in alcune aree del sud della Striscia di Gaza. “Lo sfollamento da Rafah a cui abbiamo assistito negli ultimi 20 giorni è allo stesso tempo un’esperienza impressionante e terrificante per troppe persone”.Matthew Hollingsworth, direttore del Programma alimentare mondiale nei territori palestinesi, ha espresso il suo rammarico.

Nel sud, le panetterie dell’agenzia delle Nazioni Unite hanno chiuso i battenti per mancanza di carburante, e dal 7 maggio, data in cui l’esercito israeliano ha lanciato l’attacco alla città di Rafah, fino al 20 maggio, “Nessun camion del WFP ha utilizzato i valichi per raggiungere Rafah dall’Egitto”.ha aggiunto Hollingsworth durante una conferenza stampa online al suo ritorno da una missione nella Striscia di Gaza.

Il Programma Alimentare Mondiale non può più accedere al suo magazzino principale nel sud della regione, perché si trova in una zona evacuata. “Abbiamo perso l’intero magazzino, inclusa una scorta di 2.700 tonnellate di cibo che è stata saccheggiata o distrutta a causa dei combattimenti”.È per spiegare.

Un milione di persone in fuga dai bombardamenti e dai combattimenti a Rafah si sono trasferite ad Al-Mawasi, un’area costiera tra Rafah e Khan Yunis, che Israele designa come zona residenziale. “Zona umanitaria” Per dare rifugio agli sfollati. Secondo Matthew Hollingsworth mancano acqua, cibo, carburante, servizi sanitari e lo spazio per scavare latrine.

D’altro canto, la situazione sta migliorando nei territori palestinesi settentrionali, dove le agenzie delle Nazioni Unite avevano avvertito a marzo che la carestia era imminente. Grazie all’apertura dei corridoi, dal 2019 sono state consegnate circa 12.000 tonnellate di aiuti, per lo più alimentari.Lui è Forse. “C’è stato un cambiamento in termini di disponibilità di cibo”.Tuttavia persistono grossi problemi per quanto riguarda gli aiuti sanitari, l’approvvigionamento di acqua potabile e il trattamento delle acque reflue.

READ  Dopo che i corpi di bambini sono stati scoperti nelle valigie, una donna è stata arrestata