Ottobre 6, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Sabato il secondo tentativo di decollo per il gigantesco razzo NASA sulla luna

Il decollo è previsto per le 14:17 ora locale (18:17 GMT, 20:17 ora di Parigi) e resta possibile per le due ore successive, se necessario.

tempo e posizione

Le condizioni meteorologiche sono favorevoli del 60% all’inizio di questa finestra di ripresa, quindi migliorano gradualmente fino all’80%. “Il nostro team è pronto, sono migliori in ogni tentativo”, ha detto venerdì Jeremy Parsons, direttore delle apparecchiature di terra presso lo Space Center. Se le condizioni meteorologiche e fisiche saranno soddisfatte, “decolleremo ovviamente”.

In caso di nuovo ostacolo il sabato, il decollo può essere riprogrammato per lunedì o martedì. Bisognerà quindi attendere al massimo fino al 19 settembre, a causa delle posizioni della Terra e della Luna.

Lo scopo di questa missione senza pilota, chiamata Artemis 1, è verificare che la capsula Orion, situata sopra il razzo, sia sicura per il trasporto di futuri astronauti.

Grazie a questa nuova nave, l’agenzia spaziale statunitense intende riconnettersi con l’esplorazione umana distante, poiché la luna è 1.000 volte più lontana dalla Stazione Spaziale Internazionale. Soprattutto, questa volta la NASA intende stabilire una presenza umana permanente lì, in modo da farne un trampolino di lancio per un viaggio su Marte.

Sei settimane di viaggio

Nel bel mezzo di un lungo weekend negli Stati Uniti, si prevede che fino a 400.000 persone potranno decollare, soprattutto dalle spiagge circostanti. Il volo è stato effettuato anche da un gruppo di astronauti, tra cui il francese Thomas Pesquet.

Il riempimento dei serbatoi del razzo con carburante refrigerato, circa tre milioni di litri di idrogeno liquido e ossigeno, dovrebbe iniziare al mattino presto. Lunedì è stata notata una perdita a questo punto, prima che il problema di raffreddamento del motore si concludesse con l’annullamento del lancio. Da allora la NASA ha lavorato per risolvere questi problemi.

READ  Spatium M480 Play: una versione dell'eccellente SSD per MSI adattato alla PS5

In caso di successo, due minuti dopo il decollo, i booster torneranno nell’Atlantico. Dopo otto minuti, il palco principale si interrompe a sua volta. Quindi, circa un’ora e mezza dopo, un’ultima spinta allo stadio superiore indirizzerà la capsula verso la luna, che impiegherà diversi giorni per arrivare.

Il viaggio dovrebbe durare un totale di sei settimane. Orion si avventurerà fino a 64.000 chilometri dietro la luna, più lontano di qualsiasi altro veicolo spaziale abitabile fino ad oggi.

Lo scopo principale dell’Artemis 1 è testare lo scudo termico della capsula, che è il più grande di tutti. Ritornando nell’atmosfera terrestre, dovrà sopportare una velocità di 40.000 km/he una temperatura la metà della temperatura della superficie del Sole. In totale, la nave dovrebbe percorrere circa 2,1 milioni di chilometri per atterrare nell’Oceano Pacifico.

$ 90 miliardi

Il pieno successo della missione sarà un sollievo per la NASA, che originariamente ha accreditato il primo lancio nel 2017 dell’SLS, ed entro la fine del 2025 avrà investito più di 90 miliardi di dollari nel suo nuovo programma lunare, secondo un audit pubblico.

Il nome Artemide è stato scelto dopo un personaggio femminile, la sorella gemella del dio greco Apollo, facendo eco al programma Apollo, che tra il 1969 e il 1972 inviò solo uomini bianchi sulla superficie della luna.

Questa volta, la NASA vuole permettere alla prima persona di colore e alla prima donna di camminare sulla luna. Come per evidenziare l’icona, è Charlie Blackwell-Thompson, la prima direttrice di lancio donna della NASA, che presenterà il “lancio” finale per il decollo sabato.

READ  Prova Iiyama G-Master GB3467WQSU : il 1er monitor 34 pouces 165 Hz à 0,4 ms

Dopo questa prima missione, Artemis 2 trasporterà gli astronauti sulla Luna nel 2024, senza atterrarvi. Onore dedicato all’equipaggio di Artemis 3, al più presto nel 2025. Quindi la NASA vuole lanciare circa una missione ogni anno.

Si tratterebbe quindi di costruire una stazione spaziale in orbita lunare, un portico e una base lunare.