Febbraio 25, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Roger Federer si ritira dopo la Laver Cup

Roger Federer si ritira dopo la Laver Cup

Roger Federer lascia il palco. In un messaggio pubblicato giovedì pomeriggio sui suoi social, ha annunciato la notizia della paura di tutti perché ha avuto il tempo di assorbirla piano piano dall’ultima partita nella competizione ufficiale, mercoledì 7 luglio 2021. I quarti di finale di Wimbledon, nel campo centrale dove scrisse le pagine più famose della sua leggenda. Presto, il suo ginocchio ribelle lo costrinse a passare di nuovo attraverso il tavolo operatorio. Nonostante volesse tornare, e possibilmente voler giocare di nuovo, ha finito per arrendersi.

Ventiquattro anni della leggendaria carriera stanno volgendo al termine. C’è tutto ciò che i libri terranno al fresco e tutto ciò che manterrà caldo per coloro che lo hanno conosciuto. Bisogna fare una distinzione tra i due, perché l’eredità che un campione lascia per il suo sport spesso va oltre i numeri fighi e le liste dei premi. Forse questo è più vero nel suo caso che in quello degli altri.

Tennis

‘Il tennis mi ha trattato più generosamente di quanto avrei potuto immaginare’: il messaggio d’addio di Federer

2 ore fa

comprovata esperienza

Ma Federer è anche il vincitore. 20 titoli del Grande Slam. Ottavo a Wimbledon, il suo giardino. Cinque agli US Open, collezionati di fila tra il 2004 e il 2008, quando da allora nessuno è riuscito a tenere il titolo nemmeno per un anno. Sei corone in Australia. E questo piccolo Roland Garros, che ha vinto nel 2009, è arrivato a colmare un vuoto che, se non fosse stato per la Coupe des Mousquetaires, sarebbe rimasto un vuoto. Aggiungeremo sei vittorie Masters, un record, 28 Masters 1000, la (vera) Coppa Davis e 103 titoli in totale, facendo di lui uno dei due centenari in campo, dietro a Jimmy Connors.

READ  Il ministro dell'Interno tedesco chiede a Joshua Kimmich di vaccinarsi

Per chi non conosce Roger Federer, queste poche righe piene di statistiche diranno molto, ma non necessariamente l’essenziale. Quindi sarà necessario raccontare a chi verrà dopo di noi chi era veramente Roger Federer e perché vederlo giocare è stata un’esperienza vicina al divertimento.

Può piacerti o meno e preferire altri eroi, ma era impossibile non rendersi conto che è unico. Una specie di giocatore perfetto. Non impenetrabili (anche se ha dominato scandalosamente per diversi anni), Rafael Nadal e Novak Djokovic sono riusciti a superarlo in astuzia, ma con un carattere diverso, quasi indefinibile.

Incredibile e leggendario: 10 punti magici vinti da Federer

Quindi ognuno aggiungerà la parola che gli si addice meglio. Classico nel senso nobile del termine. talento. eleganza. Stagione. bellezza. purezza. Un po’ di tutto questo, probabilmente. Il n’est pas le premier champion flanqué de telles vertus et, souhaitons-le, pas le dernier, mais personne n’a jamais porté pareil étendard aussi haut, aussi longtemps et ce costume-là lui allait mieux’im qu’e who altro.

Federer, un genio e un’icona

Come tutti i geni, lo svizzero ha dato la sensazione che quello che ha presentato in campo fosse molto semplice. Una persona, sugli spalti o davanti alla sua televisione, sentiva quasi chiaramente ciò che gli veniva presentato, mentre misurava l’inaccessibilità della cosa. Questa è la magia del genio: questa delicata lega di assoluta e irraggiungibile semplicità. Nel mondo dello sport, poche persone lo possiedono. Il tennis è l’unico.

Poiché era unico, questo esemplare non poteva essere sostituito. Travolto, sì, forse, per lo spessore delle classifiche e i suoi compagni “Big Three” che, come tutti, devono essersi sentiti un po’ strani questo giovedì, non hanno esitato ad affrontare un compito che tuttavia sembrava insormontabile. o dodici anni fa.

READ  Emmanuel Macron vuole costruire 5.000 stadi sportivi locali prima delle Olimpiadi

Lontano dall’essere giocatore ed eroe, Roger Federer si è trasformato in un’icona completa del tennis moderno, in grado di esibirsi nei tour invernali del Sud America dove è stato salutato come i Beatles all’apice della loro gloria. Questo status di ambasciatore, ha imparato ad assumerlo e sembrava che gli piacesse. Questo è anche ciò che Londra festeggerà tra una settimana, al Laver, la “His” Laver Cup, dove apparirà per l’ultima volta da giocatore. Non perderlo.

Roger Federer, 41 anni, è entrato a far parte della storia e dei ricordi del tennis. In uno come nell’altro, occuperebbe facilmente un posto gigantesco e unico. È il lusso della sua eredità. Lascia ricordi e porta tutto con sé.

Federer – Nadal 2017, un mitico finale riassunto

Tennis

‘Genius’, ‘Il tennis non sarà più quello di una volta’… Il mondo dello sport rende omaggio a Federer

2 ore fa

Coppa Davis

Bonzi ha sorpreso ancora in tempo finanziario e ha pareggiato l’Australia

3 ore fa