Maggio 26, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Riassumiamo lo scandalo delle “pipette” che ha colpito il ministro della Giustizia belga

Riassumiamo lo scandalo delle “pipette” che ha colpito il ministro della Giustizia belga

Dopo che tre dei suoi ospiti alla sua festa di compleanno hanno urinato in un’auto della polizia, Vincent van Quickenborn è stato costretto a chiedere scusa alla polizia durante un’insolita udienza davanti ai parlamentari.

È uno scandalo quello che i media belgi hanno soprannominato “la pipetta”. In Belgio è scoppiata la polemica sul ministro della Giustizia Vincent van Quickenborn, dopo che le riprese video hanno rivelato che tre ospiti alla sua festa di compleanno avevano urinato in un’auto della polizia parcheggiata fuori casa. Tanto che giovedì 7 settembre è stato costretto a spiegare la sua posizione davanti al Parlamento e a chiedere scusa. France Info riassume in un bicchiere d’acqua ciò che sappiamo di questo caso che ha scatenato una tempesta.

Tre ospiti urinano in un camion

I fatti sono accaduti nella notte tra il 14 e il 15 agosto, mentre il ministro della Giustizia belga, Vincent Van Quickenborn, festeggiava il suo cinquantesimo compleanno nella sua casa di Courtrai. Lo scandalo scoppiò otto giorni dopo, quando diversi media fiamminghi rivelarono di aver visto le fotografie di tre ospiti che urinavano nell’auto della polizia (che era vuota). L’auto era parcheggiata davanti alla casa del ministro per garantirne la sicurezza. Vincent van Quickenborn lo fa già “È sotto protezione della polizia a causa delle minacce di morte contro di lui.”Specifica RTBF. Lo aggiunge il sito d’informazione audiovisiva pubblica belga francofona “I tre sono stati ripresi con una telecamera installata in strada, come ulteriore misura di sicurezza per proteggere il ministro.”.

Il ministro sostiene di non aver visto nulla

In seguito alle rivelazioni dei media belgi, la polizia ha sporto denuncia e la procura di Courtrai ha aperto un’inchiesta per “oltraggio”; quest’ultima dovrà rendere noti i risultati alla fine del mese. Secondo il quotidiano fiammingo, uno dei tre uomini si è subito rivolto alla polizia Il giornale. Da parte sua, l’Ufficio del Ministro della Giustizia conferma di non essere stato testimone degli incidenti e di non essere a conoscenza di nessuno di questi fatti. Ma questo caso mette Vincent van Quickenborn in una posizione difficile: diversi sindacati di polizia chiedono le sue dimissioni. Lo conferma il premier Alexander De Croo, intervenuto brevemente alla festa di Natale “Nemmeno io ho visto niente.”

La sua versione è in dubbio

Ma all’inizio della settimana, l’emittente pubblica fiamminga VRT ha messo in dubbio la versione di Vincent van Quickenborn, sulla base di altre immagini a cui aveva accesso. “Le testimonianze pubblicate dalla stampa fiamminga indicano che il ministro ha assistito alla sequenza delle urine (…) e che ha condonato questa situazione.”conferma quotidianamente dirham.

Poi il ministro della Giustizia decide di mostrare su un altro canale le sue foto, che provengono dalle telecamere installate in casa sua. Lo vediamo chiaramente ubriaco mentre accompagna il suo ultimo ospite fuori dalla porta alle quattro del mattino. Poi si appoggia indietro come per imitare il gesto di qualcuno che urina, accanto al suo amico che sembra giocoso.

READ  après avoir fui, il presidente Gotabaya Rajapaksa è arrivato a Singapour

“Alcune persone concludono che sto copiando ciò che alcune persone hanno fatto sette ore fa.”Martedì si difende dai giornalisti. E per aggiungere:

“Sono molto chiaro, non sapevo cosa fosse successo.”

Vincent Van Quickenborn, ministro della Giustizia belga

Davanti alla stampa

Deve spiegarsi ai rappresentanti

Dopo queste dichiarazioni pubbliche, il presidente della Commissione nazionale di giustizia chiede al ministro di spiegare le sue parole ai parlamentari. Questa straordinaria udienza dura tre ore, durante le quali Vincent van Quickenborn mostra le foto in suo possesso. Conferma di non ricordare il significato del suo gesto, ma che da esso non si può dedurre alcun collegamento con le azioni dei tre indagati.

“Suono la chitarra acustica, forse è il movimento della chitarra.”Si giustifica davanti ai parlamentari. Afferma inoltre che il suo ultimo ospite, uno dei suoi migliori amici, non l’ha fatto “Non c’entra nulla con gli eventi” Che coincise con il cinquantesimo anniversario della sua fondazione.

Vincent van Quickenborn ha infine giurato di aver portato avanti le indagini chiedendo ai tre ospiti che avevano urinato nell’auto della polizia di denunciarlo all’accusa, che ha potuto interrogarli.

“Li ho chiamati e li ho insultati”.

Vincent Van Quickenborn, ministro della Giustizia belga

Davanti ai rappresentanti

Afferma ancora di averlo fatto “Ha chiesto a queste persone di farsi avanti [auprès des enquêteurs]. Se non lo avessero fatto non avrei esitato a citare i loro nomi”.

Il ministro è costretto a chiedere scusa

“Vorrei scusarmi con tutti gli agenti di polizia del paese. (…) Capisco perfettamente che questo li ha fatti arrabbiare. È completamente inaccettabile.”Vincent van Quickenborn ha finalmente annunciato durante questa udienza. Ma nulla dice che le sue scuse calmeranno coloro che chiedono le sue dimissioni.

READ  Il caso Maddie McCann: questo terribile errore da detective con conseguenze irreversibili

Poiché i rapporti tra il ministro e la polizia sono tesi da diversi mesi, è ciò che conferma Isabelle Lapérie nel suo articolo “Il mondo è nostro” sul sito franceinfo. Il mese scorso, l’NSPV ha condannato Vincent van Quickenborn “Non merita di essere ministro della Giustizia”..

Ciò porta l’interessato a ritenere che questa polemica sulle “pipette” sia una montatura perché vuole porre fine al piano pensionistico speciale per gli agenti di polizia, che se ne vanno oggi all’età di 58 anni.