Novembre 29, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Recensione TV OLED LG 65B1 4K: l’entry level 120Hz di LG è quasi perfetto

Sotto-pixel della scheda Oled LG 65B1.

L’LG 65B1 utilizza lo stesso pannello Oled dell’LG Oled 65CX TV 2020. Come con tutti i televisori Oled, ogni pixel è composto da quattro sub-pixel (uno verde, uno rosso, uno blu e uno bianco). I sub-pixel bianco e rosso sono più grandi in modo da ottimizzare la massima luminosità del pannello, mantenendo la temperatura del colore vicina ai 6500K come ormai standard con la tecnologia Oled, gli angoli di visuale sono ottimi. Abbiamo misurato una perdita di luminosità di solo il 22% a 45 gradi e non c’è differenza nel nero, che è assoluto.


La qualità dell’immagine in modalità Filmmaker è perfetta. La temperatura del colore misurata a 6.690 K è molto vicina ai 6.500 K per lo standard video, così come una curva piatta sull’intero spettro. Con una gamma media di 2,44 per un target di 2,4, anche i livelli di grigio sono riprodotti molto bene, mentre un Delta E medio inferiore a 3 assicura che i colori corrispondano a quelli della sorgente. Infine, come sempre con la tecnologia Oled, il contrasto è illimitato. Infatti, anche con la calibrazione del bianco a 150 cd/m², il nero viene misurato a 0 cd/m². Questo contrasto è comunque impressionante e permette di godere di tutte le sfumature, anche in completa oscurità.

Se il processore video LG α7 (Alpha 7) Gen 4 sulla carta è meno potente dell’α9 (Alpha 9) Gen 4 AI a bordo dei TV LG Oled di fascia alta (C1, G1, Z1, ecc.), è chiaro che è difficile vedere la differenza nelle nostre scene di prova. Questo processore α7 fa un ottimo lavoro di ridimensionamento e, soprattutto, beneficia di un potente motore di compensazione del movimento, forse tanto quanto il C1. TruMotion può ancora essere controllato manualmente ruotando la saccade (De-Judder) per i contenuti a 24/25/30 Hz e le aree sfocate (De-Blur) per i contenuti a 50/60 Hz. Come nel C1, la maggiore ottimizzazione del sistema riguarda l’introduzione di immagini nere che consentono di imbrogliare la stabilizzazione della retina (Oled Motion Pro) senza sfarfallio in modalità ‘debole’ o ‘media’.

In modalità gioco, il ritardo del display è misurato a 12,8 ms, ma quest’anno LG sta introducendo una nuova opzione Boost tramite il pannello Game Optimizer che consente di ridurre il ritardo del display a soli 9,2 ms. C’è meno di un fotogramma di ritardo dalla sorgente a 60 Hz, quindi non c’è ritardo tra l’azione sulla console e il suo effetto sullo schermo. In termini di crepuscolo, la tecnologia di Oled non ha eguali sul mercato, con un tempo inferiore al millisecondo, mentre i migliori televisori LCD possono fare meglio di appena 11 millisecondi.

La modalità di gioco ha bisogno di qualche ritocco per ottenere un’immagine perfetta. La cosa più importante è ridurre al minimo la temperatura del colore (Immagine>Impostazioni avanzate>Colore>Bilanciamento del bianco>Temperatura del colore>Caldo 50). Dopotutto, la TV presenta una buona immagine, anche in modalità Game Optimizer.

A differenza di LG CX e LG C1 che hanno quattro ingressi HDMI 2.1, l’LG 65B1 ha solo due ingressi HDMI 2.1 su quattro porte HDMI. Questi due ingressi HDMI 2.1 sono compatibili con tutte le funzionalità di questo nuovo standard, vale a dire flussi 4K a 120Hz, VRR (Variable Refresh Rate) che previene lo strappo e il jitter dell’immagine e ALLM (Automatic Low Latency Mode) che consente il passaggio automatico alla modalità di gioco quando viene rilevata un’unità Controllo o eARC per feedback audio senza perdita di dati. I televisori LG sono anche gli unici compatibili con G-Sync – VRR à la Nvidia – e FreeSync Premium (in una versione non Pro, perché LG preferisce il televisore per gestire il livello HDR).

L'LG 65B1 è molto simile all'LG C1.

L’LG 65B1 è molto simile all’LG C1.

L’LG 65B1 è molto simile all’LG C1. Esteticamente parlando, solo i piedi differiscono davvero tra i due televisori. I piedini del B1 sono più stretti e sono realizzati in plastica, il che si traduce in prestazioni acustiche leggermente inferiori (vedi la parte audio).

TV di fronte e di profilo.

TV di fronte e di profilo.

Il piede centrale è fissato con una profondità di 24,6 cm. Pertanto, l’LG 65B1 è abbastanza facile da inserire nel cabinet di riferimento con una dimensione di 160 x 40 cm. Lascia anche spazio per installare un file soundbar.

il retro del televisore.

Il retro del televisore.

Sistema di gestione dei cavi di base.

Sistema di gestione dei cavi di base.

Il retro del televisore è il più semplice possibile. Troviamo l’alimentatore a sinistra e i connettori a destra oltre a un semplicissimo sistema di gestione dei cavi sul retro del piede centrale.

Connessione.

Questo televisore dispone di quattro ingressi HDMI, due dei quali compatibili con 2.1 (ingressi #3 e 4), due porte USB, una porta Ethernet, un’uscita audio digitale ottica, un’uscita cuffie, una porta PCMCIA (Common Interface CI+) e una Connettore a U SP. Rastrello antenna e satellite. Include anche un sintonizzatore DVB-T/T2, DVB-S/S2 e DVB-C (TNT, satellite e cavo), nonché Wi-Fi 802.11a/b/g/n/ac e Bluetooth 5.0 per la connessione a un dispositivo audio wireless (cuffie o altoparlante).

La nuova schermata iniziale è stata introdotta da webOS 6.0.

La nuova schermata iniziale è stata introdotta da webOS 6.0.

Con webOS 6.0, la home page ora mostra i contenuti consigliati e le app installate. Sono presenti anche alcune informazioni sulla TV (dispositivi collegati tramite HDMI, USB, smartphone, ecc.). Principali app disponibili (Netflix, YouTube, Amazon Prime, Google Films, BeIn, Spotify, OCS o Deezer, My Canal da maggio 2021). Le app si avviano rapidamente e rimangono in memoria per un rapido ripristino, ma questa versione sembra un po’ più lenta della precedente, specialmente in questa versione B1. WebOS 6.0 fondamentalmente ripulisce il menu delle impostazioni, che è ridotto e personalizzabile. Il sistema integra ancora l’Assistente Google e l’assistente vocale Alexa. Gli assistenti sono accessibili direttamente tramite i tasti dedicati del telecomando. Il televisore è inoltre compatibile con Google Cast, HomeKit e AirPlay 2. Infine, Magic Explorer consente ricerche contestuali in base al contenuto visualizzato sullo schermo (attore, nome del regista, critico, ecc.).

In termini di reattività, webOS è ancora standard, proprio come Tizen di Samsung. La TV si accende in soli 8 secondi e ci vogliono sempre 4 secondi per svegliarsi. D’altra parte, Extinction ora mostra un logo LG gigante che estende il tempo di standby a 2 secondi.

Il nuovo Magic Remote con chip NFC.

Il nuovo Magic Remote con chip NFC.

Il nuovo Magic Remote mantiene un baricentro estremamente basso che gli consente di adattarsi facilmente al palmo della tua mano, un giroscopio per il controllo del cursore e un microfono integrato che consente la ricerca vocale. Ha un nuovo design più moderno. La grande novità è l’integrazione di NFC per l’accoppiamento rapido dello smartphone al fine di inviare foto alla TV, purché si disponga di uno smartphone Android con l’app LG Things. Ci sono anche pulsanti dedicati per i servizi di streaming più popolari (Netflix, Prime Video, Disney+ e Rakuten TV), oltre all’accesso diretto a Google Assistant e Alexa.

READ  Ecco la (lunga) lista di telefoni Xiaomi a cui dovresti dare un assaggio velocemente